Mondo

Il viaggio del Papa in Romania invita all'unità con la testimonianza dei martiri

Papa Francesco si recherà in Romania da venerdì 31 maggio al 2 giugno. Domenica 2 giugno, a Blaj, beatificherà sette vescovi martiri, vittime dell'odio del passato regime comunista nei confronti della fede. Il tema del viaggio è Camminiamo insiemee il suo sfondo è un invito a costruire l'unità.

Basile Bogdan Buda-3 Giugno 2019-Tempo di lettura: 8 minuti

Il Santo Padre Papa Francesco ha detto: "Costruire ponti, non muri, perché i muri sono destinati a cadere: è cristiano agire così, la comunicazione cristiana significa servire l'altro". Non sono venuto per essere servito, ma per servire"."Gesù dice nel Vangelo.

   Sono trascorsi quasi 30 anni dalla caduta del Muro di Berlino e dal Muro di Berlino e il Cortina di ferro che ha ingiustamente separato la parte orientale dell'Europa da quella occidentale, e quel muro di dolorosa separazione ha e questo muro di dolorosa separazione ha avuto molte e complicate conseguenze: mutazioni culturali le mutazioni culturali (il passaggio da una cultura che esalta il sistema a una cultura che il sistema a una cultura in dialogo con la contemporaneità e la realtà antropologica dell'essere umano). realtà antropologica dell'essere umano); i complessi cambiamenti economici e sociali (il passaggio da un'economia statale (il passaggio da un'economia statale a un'economia plurale aperta al mercato comune); e anche le difficoltà di maturazione. e anche difficoltà di maturazione politica (a causa della mancanza di un leader capace, maturo e élite politica capace, matura e libera dalla matrice comunista e con una visione del futuro). futuro).

   Dopo aver vissuto per 50 anni il esilio dell'impero rosso, il cambiamento è difficile e il presente vive nella memoria del passato la memoria del passato, o meglio, l'ombra del passato rende il presente un po' imprevedibile il presente e a volte confonde la visione del futuro. Prima del Prima degli anni Novanta, pochi avrebbero potuto immaginare che la dittatura comunista e il totalitarismo avrebbero perché il sistema era così organizzato e dava così tanta disperazione al popolo che, come risultato disperazione per le persone che, come nell'opera di Dante, "Dall'inferno non c'è modo di uscire... solo di entrare"..  

   La Romania, la Bulgaria e la Macedonia sono state, come altri paesi dell'Europa orientale, testimoni silenziose della mancanza di libertà, di altri Paesi dell'Europa orientale, testimoni silenziosi della mancanza di libertà, del esilio esterno e internodel la fame e la sete di giustizia, la mancanza di risorse materiali, il rifiuto della religione, l'impossibilità di lasciare il paese e tante altre ingiustizie. religione, di non poter lasciare il paese e di tante ingiustizie che solo chi le ha vissute può essere che solo chi li ha vissuti può essere testimone dell'utopia marxista e della miseria economica. miseria economica.

   Il passaggio, la trance, della rivoluzione socialista è stata violenta e La rivoluzione socialista è stata violenta, e sfortunatamente la violenza dei regimi dei regimi sperimentati da questi paesi di martiri è la conseguenza di un'imposizione ideologica imposizione ideologica, che è stata presentata anche come una nuova forma di religioneLa creazione dell'uomo nuovo.

   Il cantante Franco Battiato, in una sua canzone, dice delle sue canzoni che "evoluzione sociale non è di alcuna utilità per il popolo se non è preceduta da un'evoluzione del pensiero.". A questo punto, facendo un'analisi sociale e una radiografia della realtà di questi Paesi, possiamo affermare che, dopo essersi svegliati da un periodo di realtà in questi paesi, possiamo affermare che, dopo essersi svegliati da un bel sogno con la caduta del comunismo sogno con la caduta del comunismo, quella che sembrava essere l'occasione per un cambiamento di coscienza, una coscienza clonata per molti anni da un regime che oggi un cambiamento di coscienza, una coscienza clonata per molti anni da un regime che oggi ci appare come una storia di fantascienza, ma che ha che oggi ci sembra una storia di fantascienza, non è ancora diventata reale.

   Per questo motivo, oggi più che mai, i Paesi che Papa I Paesi che Papa Francesco visiterà nell'Europa dell'Est hanno bisogno di un cambiamento di coscienza, una coscienza che deve essere un cambiamento di coscienza, una coscienza che deve essere rafforzata per non voltarsi indietro dopo aver lasciato l'esilio. dopo aver lasciato l'esilio; hanno bisogno di scoprirsi come nazioni libere, protagoniste della loro liberi e protagonisti del proprio destino e della propria vocazione.

Invito alla continuità e all'unità

Il Le relazioni tra il cristianesimo occidentale e quello orientale dopo il grande scisma del 1054 si sono gradualmente raffreddate per quasi un millennio. 1054 si sono gradualmente raffreddati per quasi un millennio. Nel 1999, per la prima volta, grazie a per la prima volta, grazie alla Provvidenza, ci è stata data l'opportunità che un Papa visitasse la Romania. Papa in visita in Romania: era Giovanni Paolo II, ora santo. Giovanni Paolo II, ora santo.

   Il Patriarca Teoctist della Chiesa ortodossa romena La Chiesa ortodossa rumena ha descritto la visita del Papa come un "soloe, anche se molti dubitavano della possibilità di una tale visita, "..." e, anche se molti dubitavano della possibilità di questa visita, "...". visita, "Dio ha fatto in modo che le parole di realizzarsi". Più tardi, nel 2002, anche Papa Giovanni Paolo II visitò la Bulgaria e impressionò la popolazione con il suo discorso e la sua vicinanza al popolo. ha visitato anche la Bulgaria e ha impressionato la popolazione con il suo discorso e la sua vicinanza al popolo bulgaro. con il popolo bulgaro.

   La Romania ha anche nelle sue radici una singolare vocazione ecumenica. vocazione ecumenica unica. Grazie alla sua posizione geografica e alla sua lunga storia storia, cultura e tradizione, la Romania è una patria dove Oriente e Occidente si incontrano in un dialogo naturale. si incontrano in un dialogo naturale. In Oriente la Chiesa respira molto chiaramente attraverso i suoi due polmoni e i cristiani sono invitati a scoprire questa esperienza spirituale dello Spirito di Dio. per scoprire questa esperienza spirituale dello Spirito di Dio e poter vivere la nuova Pentecoste spirituale. la nuova Pentecoste spirituale dell'unità.

Il grido di unità del 1999

Il Papa Francesco questa volta completerà la visita del grande Wojtyla e si recherà anche in Macedonia, un paese che in Macedonia, un Paese che un tempo apparteneva all'ex Repubblica di Jugoslavia. Il I motti della visita di Papa Francesco sono: per la Romania, Cammineremo insiemeper la Bulgaria, Pace in terracome l'enciclica di Papa Giovanni XXIII; e per MacedoniaNon aver paura, piccolo gregge!

  Il 9 maggio 1999, Papa Giovanni Paolo II ha concluso la sua visita al termine del suo soggiorno in Romania con una Santa Messa celebrata nella Cattedrale rumena. la sua visita al termine del suo soggiorno in Romania, in occasione della Santa Messa celebrata nel Parcul Izvor della capitale, con la grande grido dei presenti: !Unità, unità! È probabilmente l'unico caso nella storia della Chiesa in cui molti fedeli, cattolici e ortodossi, chiedono ai gerarchi di unirsi. che molti credenti, cattolici e ortodossi, chiedono ai gerarchi di unirsi. Il grido di unità si è diffuso tra la folla perché il Papa ha avuto il coraggio di ripeterlo coraggio di ripeterlo al microfono. È stato un momento molto commovente e di grande entusiasmo e desiderio di unità che è nato spontaneamente dalla gente in strada e che non è stato il frutto di un'iniziativa di un gruppo di persone. e non era l'unica voce di un "ecumenico ecumenismo"Lo spirito del popolo che aveva sete di unità. per l'unità.

   Oggi, Papa Francesco invita ancora una volta alla stessa cosa, al lo stesso, a unità. E lo fa, probabilmente perché il unità è un realtà che ancora manca sia a livello politico che religioso. "Ci auguriamo che la presenza in Romania della Ci auguriamo che la presenza in Romania del Successore di San Pietro porti alla Romania l'ispirazione per unire tutto ciò che è buono e prezioso per il Paese. bene e di valore a beneficio del Paese e del bene comune".detto Il cardinale Lucian Mureșan.

Per essere nuovamente rafforzati

Il I cristiani in Romania, Bulgaria e Macedonia, e non solo loro, hanno bisogno di essere nuovamente rafforzati dalla rafforzato nuovamente dal successore di Pietro nella ricerca dell'unità. Questo L'unità è necessaria nella famiglia, nella Chiesa e nella società. No non è sufficiente per appartenere al Unione Europea essere uniti, non basta un'organizzazione politica e sociale per vivere in armonia e in pace. di vivere armoniosamente e pacificamente, ma prima di tutto l'unità delle persone e delle chiese sulla l'unità delle persone e delle chiese sulla roccia della vita e del Vangelo di Gesù Cristo. vangelo di Gesù Cristo.

   Senza conversione non c'è unità e la lettura teologica di questo Il concetto è la contemplazione dell'Incarnazione di Cristo, di un incontro sinergico tra Oriente e Occidente, che di un incontro sinergico tra Oriente e Occidente, che indica la necessità di vivere e riferire la nostra vita cristiana al dogma cristologico della la nostra vita cristiana al dogma cristologico dell'Incarnazione, che apre anche una profonda realtà ecclesiale dell'Incarnazione. anche una profonda realtà ecclesiale della vita cristiana. Il concetto di Il concetto di sinergia di Papa Giovanni Paolo II ci ricorda la comunione spirituale della apostoli che hanno un solo dignità che si manifesta nella diversità della missione apostolica. Questa meravigliosa realtà di unità nella diversità centrata sull'unità della persona di Cristo è la chiave teologica e spirituale per la ricostruzione dell'unità. chiave spirituale per la ricostruzione dell'unità. Ogni divisione che sperimentiamo come cristiani come cristiani, in realtà, rappresenta un attacco all'unità ontologica del Figlio di Dio. Figlio di Dio.

   Trinità contemplata e "Uniti a Gesù, cerchiamo ciò che Lui cerca, amiamo ciò che Lui ama." (EG 267). Gesù chiamò prima di tutto i suoi discepoli discepoli in modo che ".erano con lui" (Mc 3,14) perché possano vivere con Lui, condividere la sua vita e imparare i suoi insegnamenti.

   Come immagine vivente di Cristo, Papa Francesco Papa Francesco incontrerà, dialogherà e pregherà con i rappresentanti di tutte le Chiese Ortodosse; con il Patriarca Daniel di Romania a con il Patriarca Daniel di Romania a Bucarest, con il Patriarca Neophytos di Bulgaria a Sofia e in Macedonia il Papa avrà un incontro ecumenico e interreligioso. Macedonia, il Papa avrà un incontro ecumenico e interreligioso con i giovani macedoni. giovani della Macedonia.

   Venerdì 31 maggio, dopo essere stato ricevuto da Il Presidente Klaus Johannis e il Primo Ministro Viorica Dăncilă a palazzo Cotroceni, il Palazzo Cotroceni, il Papa incontrerà anche il Patriarca Daniele e il Sinodo Permanente presso il Palazzo Patriarcale. sinodo permanente nel palazzo patriarcale. Seguirà un momento molto speciale speciale momento di preghiera organizzato nella nuova cattedrale ortodossa, conosciuta come la Cattedrale della Nazionedove Papa Francesco e il Patriarca Daniele pregheranno, insieme a migliaia di fedeli di tutte le confessioni, il migliaia di credenti di tutte le confessioni, la preghiera della Padre nostro.

Dimensione pastorale: un sogno

A Nel maggio 1999, Papa Giovanni Paolo II ha fatto un sogno, un sogno personale e un sogno di Dio. e uno di Dio. Voleva visitare tutto il Paese e visitare la terra dei martiri; Tuttavia, la sua visita è stata limitata e circoscritta alla sola città di Bucarest. Il santo disse: "Avrei voluto conoscerti personalmente". Purtroppo, non è stato non era possibile. Stasera riprendo le parole che Pietro, dopo la Pentecoste, rivolse a coloro che gli avevano obbedito, rivolto a coloro che hanno obbedito alla promessa di Dio: Spanderò il mio Spirito in tutto il corpo e i vostri figli e le vostre figlie profetizzerà ai più giovani. I vostri vedranno le loro visioni, e i sogni di i loro anziani sogneranno (Atti 2:17).

   In questi giorni, lo Spirito si affida a voi, il giovane, il sogno di Dio: che tutti gli uomini facciano parte della sua famiglia, che tutti i cristiani siano una cosa sola. Dio: che tutti gli uomini facciano parte della sua famiglia, che tutti i cristiani siano una cosa sola. Entrate nel nuovo millennio con questo sogno! con questo sogno nel nuovo millennio! Il primo sogno di Wojtyla si sta realizzando: Papa Francesco non sarà solo nella capitale, ma anche in altre regioni del Paese. Papa Francesco non sarà solo nella capitale ma anche in altre regioni della Romania. Romania.

   Papa Francesco vuole essere il portatore di una Chiesa di speranza".La Chiesa è inviata a risvegliare questa speranza ovunque, soprattutto dove è soffocata da condizioni esistenziali difficili. condizioni esistenziali difficili. La Chiesa è la casa in cui le porte sono sempre aperte, non solo perché sempre aperta non solo perché tutti possano trovare accoglienza e respirare l'amore e la speranza, ma anche amore e speranza, ma perché possiamo andare a portare questo amore e questa speranza. questa speranza." (EG 33).

   Nel pomeriggio di pomeriggio del 31, il Santo Padre celebrerà l'Eucaristia alla Cattedrale di San Iosif a Bucarest, costruito tra il 1873 e il 1884 su progetto dell'architetto viennese Friedrich von Schmidt e consacrato il 15 ottobre 1873. dall'architetto viennese Friedrich von Schmidt e consacrata il 15 febbraio 1884. 15 febbraio 1884.

   Nel corso della sua storia, centinaia di migliaia di persone hanno varcato la soglia per essere persone hanno varcato la soglia per essere battezzate, per sposarsi, per ascoltare la Parola di Dio e una per ascoltare la Parola di Dio e una parola di conforto, per pregare o per sollevare i loro cuori ascoltando un concerto di musica sacra. per pregare o per elevare i loro cuori ascoltando un concerto di musica sacra. Allo stesso tempo, il Allo stesso tempo, la cattedrale ospitava numerosi eventi religiosi e culturali che ha segnato la storia della cattedrale.

Dimensione mariana

Un altro di continuità con Papa Francesco è la dimensione mariana della visita apostolica. visita apostolica. La tradizione chiama la Romania con il bel titolo di "Il giardino della Madre di Dioperché la Vergine Maria è l'anima di tutti i cristiani: ortodossi e cattolici. È una ed è la principale devozione in Romania.

   Sabato 1° giugno, il Santo Padre visiterà il santuario mariano di Șumuleu Ciuc in Transilvania, che ci mostra come la Romania abbia un grande mix di minoranze. La Romania è una piccola Europa, unita ma diversa per fede e lingua. Il santuario è una basilica papale minore dedicata alla Beata Vergine, retta dall'Ordine Francescano, la cui presenza nella zona è documentata dalla seconda metà del XIV secolo.

   La data di costruzione del primo La chiesa è sconosciuta, ma la storia registra la ricostruzione dell'edificio tra il 1442 e il 1448, a seguito della tra il 1442 e il 1448, a seguito delle distruzioni causate dalle invasioni turche. Invasioni turche. La ricostruzione è stata finanziata dal Principe Iancu da Hunedoarache, con questo gesto, esprimeva la sua gratitudine per aver vinto la battaglia del 1442 contro i Turchi. vincendo la battaglia del 1442 contro i turchi. La chiesa barocca è stata consacrata nel 1876 e nel 1948 Papa Pio XII l'ha elevata al rango di basilica minore. Il L'architettura interna della Basilica mariana di Șumuleu è rappresentata da gli altari di Gesù il sofferente y San Juan Bautista. Altro gli altari sono dedicati ai santi Giovanni Nepomuceno, Anna, Elisabetta, Margareta di Cortona, Francesco d'Assisi, Antonio di Padova.

   Il più importante per i pellegrini è il statua policroma del Beata Vergine Mariache domina l'altare centrale altare centrale. L'opera è datata 1510-1515 e l'autore è sconosciuto. Il La statua rappresenta la donna vestita di sole dell'Apocalisse (12,1), con in braccio il Bambino Gesù. La statua, che non fu danneggiata dall'incendio del 1661, fu dichiarata miracolosa nel 1798, è stato dichiarato miracoloso nel 1798, con il titolo di Madre ausiliaria.

L'autoreBasile Bogdan Buda

Responsabile nazionale dei greco-cattolici romeni in Spagna.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.