Attualità

Il mito del maggio 1968

Omnes-3 Maggio 2018-Tempo di lettura: 2 minuti

Gli eventi del 1968 sono diventati un mito, per il quale vengono offerte diverse interpretazioni: si è trattato di una "rivoluzione" o solo di un altro fenomeno di una crisi più ampia?

TESTO - Onésimo Díaz
Ricercatore e docente di "Storia, cultura e cristianesimo nel XX secolo" presso l'Università di Navarra.

Il 68 è stato oggetto di interpretazioni di ogni tipo. Gli eventi sono diventati un mito, e non sembra facile analizzare freddamente cosa sia successo e perché sia successo quello che è successo intorno al maggio '68.

Negli anni '60, i giovani occidentali erano a disagio con lo stile di vita dei loro genitori. La generazione del baby boom, nata nel secondo dopoguerra, si è ribellata a un sistema di valori noioso e superato. Questi giovani, educati nel benessere economico e con accesso all'università, si dichiaravano anticonformisti e protestavano contro ogni potere e autorità. I ragazzi hanno abbandonato blazer e cravatte e si sono vestiti con jeans e giacche in stile militare, mentre le ragazze hanno sostituito tacchi alti e abiti lunghi con pantaloni e minigonne.

Questa generazione è stata attratta dalle idee di sinistra e anticapitaliste. I loro principali punti di riferimento erano Marx, Freud, Mao e Marcuse. Di questi quattro, il più influente fu il filosofo ebreo Herbert Marcuse, che aveva lasciato la Scuola di Francoforte dopo l'ascesa al potere di Hitler. Questo professore, espulso da diverse università americane con l'accusa di filocomunismo, ha invitato gli studenti, le minoranze razziali e i lavoratori a lottare contro il potere costituito. Nel 1967 è stato applaudito e lodato durante le conferenze in Germania e in Francia. Il suo messaggio a favore della liberazione sessuale è stato ripreso da una parte inquieta degli studenti universitari di tutto il mondo. A partire dalla primavera del 1968, le manifestazioni contro la società imperialista, guerrafondaia e capitalista si susseguirono in varie università occidentali. Le idee di Marcuse erano diventate diffuse e popolari fino a quando non fu coniato lo slogan sex, drugs and rock and roll. A quei tempi, i movimenti controculturali (hippy e rocker) incitavano alla ribellione contro la cultura tradizionale. I giovani si identificano con il messaggio anticonformista di Marcuse e vogliono cambiare tutto, spinti dal desiderio di sperimentare senza barriere o regole.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.