Mondo

Un grande onore per la prima nazione cristiana

Omnes-17 giugno 2016-Tempo di lettura: 2 minuti

In occasione della visita del Papa in Armenia, l'ambasciatore in Spagna scrive per PALABRA un'analisi del significato del viaggio di Francesco nel suo Paese.

Avet Adonts

Il Visita del Papa a qualsiasi Paese, come in questo caso all'Armenia, è un grande onore e un evento molto importante. Nonostante la Chiesa apostolica armena sia una Chiesa indipendente, storicamente si sono instaurate relazioni molto calorose con la Chiesa cattolica, e in particolare con la Santa Sede, che continuano ad essere mantenute e sviluppate.

Ancora oggi, queste relazioni continuano a svilupparsi attivamente. Come tasselli fondamentali che esemplificano il rispetto reciproco, vale la pena ricordare la collocazione nel 2005 della statua di San Gregorio l'Illuminatore (o l'Armeno), apostolo dell'Armenia e fondatore della Chiesa armena, in una delle nicchie esterne della Basilica di San Pietro in Vaticano, la prima volta che la statua di un santo di rito orientale è stata collocata tra i santi fondatori che circondano l'esterno della Basilica di San Pietro; e il riconoscimento ufficiale del chierico e filosofo armeno San Gregorio di Narek come Dottore della Chiesa da parte di Papa Francesco in occasione della Messa del Centenario del Genocidio Armeno.

Letteralmente due o tre giorni fa è stato annunciato il motto della visita di Papa Francesco in Armenia, che recita così Visita al primo paese cristiano. In questo modo, Papa Francesco raccoglie il testimone da Papa Giovanni Paolo II, che visitò l'Armenia nel 2001 nell'ambito delle manifestazioni per commemorare il 1700° anniversario dell'adozione del cristianesimo in Armenia. Come ha indicato Sua Santità Papa Francesco nel suo Messaggio agli armeniNella Messa officiata il 12 aprile 2015, l'Armenia è stata "i primi tra le nazioni che nel corso dei secoli hanno abbracciato il Vangelo di Cristo"..

Nel 301 l'Armenia divenne il primo Paese cristiano al mondo adottando il cristianesimo come religione ufficiale di Stato. Per secoli, circondato da Paesi e imperi non cristiani, il popolo armeno è stato sottoposto a molte difficoltà e guerre, ma è rimasto fermo nella sua decisione. Non hanno mai messo in discussione la loro fede cristiana. La visita del Papa in Armenia è un omaggio al popolo armeno e alla sua storia millenaria, oltre che un appello alla pace per la regione e per il mondo.

Questa visita è anche una priorità per il Vaticano. Questo è evidente dal programma della visita. Il Papa trascorrerà tre giorni in Armenia: dal 24 al 26 giugno. Oltre alla capitale Yerevan e alla Santa Sede dell'Armenia, Echmiatsin, visiterà anche Gyumri, la seconda città più grande della Repubblica, nonché i luoghi di pellegrinaggio di grande importanza religiosa sul territorio dell'Armenia. Sua Santità il Papa sarà ricevuto dalle massime autorità politiche e religiose dell'Armenia.

Avet Adonts è Ambasciatore straordinario e lenipotenziario della Repubblica d'Armenia presso il Regno di Spagna.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.