Mondo

Il cardinale Parolin invita i politici a testimoniare la loro condotta personale

Il Segretario di Stato della Santa Sede è intervenuto questo fine settimana al II Incontro internazionale dei politici cattolici, organizzato dall'Arcivescovo di Madrid e dall'Accademia latinoamericana dei leader cattolici, con il sostegno della Fondazione Konrad Adenauer.

David Fernández Alonso-6 settembre 2021-Tempo di lettura: 4 minuti
parolin a Madrid

Questo fine settimana, dal 3 al 5 settembre, il campus Moncloa dell'Università CEU San Pablo ha ospitato il II Incontro internazionale di politici cattolici, organizzato dall'arcivescovo di Madrid, cardinale Carlos Osoro, e dall'Accademia latinoamericana dei leader cattolici, con il sostegno della Fondazione Konrad Adenauer.

Presentazione della riunione

Il tema del congresso Una cultura dell'incontro nella vita politica al servizio dei nostri popoli riassume le idee discusse durante la conferenza. Settantaquattro cattolici con responsabilità pubbliche, provenienti da diversi partiti e da 18 Paesi, hanno tenuto in questi giorni "un dialogo fraterno e costruttivo che, di per sé, mostra come il Vangelo faciliti la possibilità di pensare in modo diverso, di rispettarsi e di scoprire insieme il bene comune e un futuro migliore per tutti, soprattutto per le persone più vulnerabili", ha detto il direttore generale dell'Accademia latinoamericana dei leader cattolici, José Antonio Rosas.

Durante la conferenza stampa di presentazione, il cardinale Carlos Osoro ha sottolineato che "è fondamentale affrontare il presente in un dialogo costruttivo" e che, per dialogare, "è sempre necessario abbassare le difese e aprire le porte"; si tratta, ha insistito, di parlare "a partire dall'identità che abbiamo", ma "senza presumere che l'altro sia sbagliato".

In termini simili, Clara López Obregón, leader politica di sinistra in Colombia, già ministro, sindaco di Bogotá e candidata alle presidenziali, ha chiesto di lavorare "a partire da un'umanità comune" per porre fine "all'economia dell'usa e getta" di cui parla Papa Francesco, e ha invocato uno Stato che possa "garantire i diritti fondamentali: la salute, una vita dignitosa...".

Al suo fianco c'era il democristiano Miguel Ángel Rodríguez Echeverria, che è stato presidente del Costa Rica, segretario generale dell'Organizzazione degli Stati Americani e presidente dell'Organizzazione Cristiano Democratica d'America (OCDA). Ha ricordato che "la vita umana è una, siamo una sola persona, anche se svolgiamo attività diverse" e che, per questo motivo, "non si può separare la fede trascendente" dai propri compiti.

Per alzare l'asticella

José Luis Segovia, Vicario per lo Sviluppo Umano Integrale e l'Innovazione dell'Arcidiocesi di Madrid, ha affermato che il 2° Incontro Internazionale dei Politici Cattolici vuole essere "una rivendicazione della Politica con la maiuscola", affinché "non diventi uno spazio in cui ci sono interessi contrastanti", ma alla fine "la dignità umana non viene salvaguardata".

Egli ha voluto sottolineare alla platea di oltre settanta politici cattolici provenienti da diciannove Paesi l'importanza di avere credenti come loro in politica, non per "neocolonizzare gli spazi pubblici", ma per "alzare l'asticella" in modo che possano emergere valori come la solidarietà, il dialogo e il perdono.

Come ha sottolineato, sebbene i politici siano a volte "piuttosto vituperati", nel suo caso è importante che sentano che "il Vangelo è un invito al sublime, a realizzare il sogno di Dio sulla Terra" e, per questo, ha espresso il suo "riconoscimento per l'azione che svolgete, a partire da mediazioni di ogni tipo, al servizio dell'interesse generale".

Il cardinale Parolin ai politici

Cosa può portare una visione cristiana alla politica? Questa domanda è stata il punto di partenza dell'intervento del cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato della Santa Sede, tenutosi sabato mattina.

Utilizzando uno spagnolo corretto, anche con alcune espressioni latinoamericane, con un evidente accento italiano, si è rivolto ai circa 70 politici di 19 Paesi presenti nell'auditorium, che ha incoraggiato a cercare di essere "gioiosi messaggeri di proposte di miglioramento".

Il tema principale del discorso del cardinale Parolin, intitolato Cura dell'incontro e dell'amicizia civica in un mondo in crisiHa sottolineato che queste idee non devono rimanere concetti generici o "meri slogan propagandistici", ma devono essere tradotte in decisioni pratiche. Ha sottolineato che queste idee non devono rimanere concetti generici o "meri slogan propagandistici", ma devono essere tradotte in decisioni pratiche. 

La cultura dell'incontro cerca di scoprire nella diversità "un valore aggiunto, un arricchimento", e quindi tende a integrare il diverso; e se agire in questo modo è "difficile e lento", "questo non può impedirci di lavorare", ha detto il Segretario di Stato. È naturale che ci siano opposizioni e conflitti, che vanno accettati, come afferma Papa Francesco, senza rimanerne invischiati, ma piuttosto trasformandoli "nell'anello di un nuovo processo". 

Quanto all'amicizia sociale, è "l'effetto della migliore politica". Include l'attenzione per coloro che soffrono di più e permette di tradurre i programmi in azioni concrete. A questo scopo. Un coraggio creativo, una ferma volontà" di agire, "deve trovare la sua strada". Proprio in Fratelli tutti n. 14 Francesco si chiede "quale sia oggi il significato di alcune espressioni come democrazia, libertà, giustizia, unità", che "sono state manipolate e sfigurate per essere usate come strumento di dominio, come titoli vuoti di contenuto che possono essere usati per giustificare qualsiasi azione" e sono così ridotte a "mere componenti del linguaggio politico", senza essere considerate veri valori.

Al contrario, l'azione politica dovrebbe includere "una fondata dimensione antropologica, che metta al centro la persona" e riconosca il valore della giustizia come "regolatore sociale". Inoltre, ha chiesto che l'autorità non venga esercitata con "una visione personale, di parte o nazionale", ma con "un sistema organizzato di persone e di idee condivise e possibili" alla ricerca del bene comune.

Riferendosi ai politici cattolici, il Cardinale Parolin ha sottolineato che spetta a loro individuare "le possibili e concrete applicazioni dell'amicizia sociale e della cultura dell'incontro"; e, ancora più decisamente, comprendere che "si tratta di due componenti che si trasmettono attraverso i comportamenti individuali", cioè attraverso la testimonianza personale.

Tutto ciò costituisce, ha detto, "un itinerario interessante e percorribile", basato su certezze capaci di condurre al bene comune.

Dopo la relazione del cardinale Pietro Parolin e gli interventi delle altre autorità presenti, i partecipanti hanno continuato a discutere ai tavoli e nei gruppi di lavoro. L'arcivescovo di Madrid, il cardinale Carlos Osoro, ha chiuso l'incontro con la celebrazione della Santa Messa.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.