Attualità

I Passionisti celebrano 300 anni di vita con un Giubileo

David Fernández Alonso-17 novembre 2020-Tempo di lettura: 3 minuti

La Congregazione della Passione di Gesù Cristo celebra, per quanto possibile a causa delle particolari circostanze causate dalla pandemia, i suoi 300 anni di vita, dalla sua fondazione nel 1720. L'Anno giubilare, che durerà fino al 1° gennaio 2022, sarà inaugurato domenica 22 novembre.

La cerimonia di apertura avrà luogo nella Basilica dei Santi Giovanni e Paolo a Roma, con l'apertura della Porta Santa, seguita dalla celebrazione dell'Eucaristia. Sarà presieduta dal Cardinale Segretario di Stato del Vaticano, Pietro Parolin. Come di consueto per questo tipo di eventi, la cerimonia sarà trasmessa su Internet. streaming attraverso i canali Facebook e Youtube "Passiochristi"e sul sito web del Televisione italiana TV2000.

"Rinnovare la nostra missione: gratitudine, profezia e speranza"

Questo sarà il tema del Giubileo passionista: "Rinnovare la nostra missione: gratitudine, profezia e speranza". Il Superiore Generale, P. Joachim Regospiega così lo spirito delle celebrazioni giubilari: "Dovrebbero mirare ad approfondire il nostro impegno a mantenere viva la memoria della Passione di Gesù come espressione ultima dell'amore di Dio per tutti gli uomini e tutta la creazione e cercare nuovi modi per promuovere la memoria della Passione del Signore." (Memoria Passionis).

Nel novembre dell'anno prossimo (21-24 novembre 2021), Roma sarà la sede del Congresso Internazionale "La saggezza della croce in un mondo pluralista"all'Università Lateranense. A parte questo, non sono previsti altri eventi di rilievo.

Il fondatore, trasferitosi a "per proclamare l'amore per il Crocifisso"

La data di inizio del Giubileo, il 22 novembre 1720, fa riferimento al giorno in cui Paul Daneiun giovane di 26 anni, abbandonò la sua attività commerciale e iniziò un ritiro di 40 giorni in una cella della chiesa di San Carlo, a Castellazzo (Alessandria). Durante questo periodo scrisse le regole della futura Congregazione. Si è sentito ispirato a "riunire i partner per condividere e proclamare al mondo l'amore del Crocifisso". Il ritiro terminò il 1° gennaio 1721. Da qui le date del Giubileo passionista: dal 22 novembre 1720 al 1° gennaio 2022..

Qualche mese dopo, in ottobre, Paolo si recò a Roma per presentare le Regole all'approvazione del Papa. Ma, in disordine e senza alcuna presentazione ufficiale, fu allontanato dal palazzo papale. Cerca consolazione davanti all'immagine di Nostra Signora Salus Populi Romani(Salvezza del popolo romano) nella Basilica di Santa Maria Maggiore. Lì promette fare e aiutare le persone a fare memoria della Passione di Gesù Cristo. Vent'anni dopo avrà la gioia di sentirsi dire dal Papa: ".Questa Congregazione è l'ultima a nascere, ma avrebbe dovuto essere la prima.".

Paolo era allo stesso tempo un mistico e un uomo d'azione, un predicatore e un eccezionale padre spirituale. Morì a Roma nel 1775.

Un Giubileo con maschera

Nel comunicato ufficiale, i Passionisti affermano che ".sarà un Giubileo con una maschera, anche se speriamo che sia solo all'inizio. Anche se il virus ha bloccato o rinviato pellegrinaggi e incontri della famiglia passionista, il Giubileo mantiene intatto il suo valore di impegno interiore per rinnovare la propria vita.. Infatti, la grazia del Giubileo è quella di consentire un nuovo inizio, una nuova opportunità per una vita piena e soddisfacente. Se l'esplosione del COVID-19 ci ha fatto dire che ".niente sarà più come primaIl Giubileo offre l'energia per "sfruttare al meglio il Giubileo".nulla è più come prima"perché tutto sarà rinnovato a livello personale e sociale, come desidera Papa Francesco.".

La celebrazione di questo Giubileo passionista incoraggia tutti noi a Riflettere sulla Passione di Cristocome espressione ultima dell'amore di Dio per tutta l'umanità e l'intera creazione.

Informazioni sui Passionisti

La Congregazione della Passione di Gesù Cristo è stata fondata nel 1720 da Paolo Danei, oggi San Paolo della Croceun uomo ispirato a guarire i mali del mondo testimoniando e proclamando che "... i mali del mondo possono essere guariti".La Passione di Gesù è l'opera più grande e stupenda dell'amore divino.". I Passionisti sono una Congregazione missionaria. San Paolo della Croce ha fondato anche la Congregazione delle Suore Passioniste (contemplativi). Altri cinque istituti femminili e molti movimenti laicali si ispirano al carisma di San Paolo della Croce. Insieme formano il Famiglia Passionista. In tre secoli di vita, la Congregazione ha dato alla Chiesa molti santi. Tra questi, oltre al fondatore, il più noto è il giovane San Gabriel de la Dolorosae un gran numero di Beati e Venerabili. Attualmente i Passionisti contano 1903 religiosi, presenti in 63 Paesi dei cinque continenti.

Il Santo Padre Francesco ha tenuto un discorso in occasione del Capitolo Generale della Congregazione nel 2018. Il Papa ha sottolineato un aspetto che vale per tutti noi: "... il messaggio del Papa è che siamo tutti chiamati a essere "il meglio del meglio".in questo momento di cambiamento, che è più un cambiamento di epoca, siete chiamati ad essere attenti alla presenza e all'azione dello Spirito Santo.leggere i segni dei tempi. Nuove situazioni richiedono nuove risposte"come il fondatore, San Paolo della Croce.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.