Vaticano

I gesti di Papa Francesco in Canada

Il pellegrinaggio di Papa Francesco in Canada si sta rivelando un viaggio ricco di gesti e dal grande valore simbolico.

Javier García-26 luglio 2022-Tempo di lettura: 2 minuti

Foto: Papa Francesco bacia la mano a uno dei leader indigeni in Canada. Foto CNS/Media Vaticani

Da domenica scorsa, Papa Francesco è in viaggio verso la viaggio apostolico e penitenziale in Canada. I suoi incontri con le popolazioni indigene sono carichi di un grande valore simbolico. Anche se questo pellegrinaggio non è privo di difficoltàLe prime impressioni sono positive.

Nel suo incontro di lunedì 25 luglio con le popolazioni indigene Prime Nazioni, Métis e InuitPapa Francesco ha detto: "Ho aspettato questo momento per essere in mezzo a voi. Da qui, da questo luogo tristemente suggestivo, vorrei iniziare ciò che desidero dentro di me: un pellegrinaggio penitenziale. Vengo nelle vostre terre d'origine per dirvi personalmente che sono addolorato, per implorare Dio per il perdono, la guarigione e la riconciliazione, per esprimere la mia vicinanza a voi, per pregare con voi e per voi.

Le parole del Papa esprimono chiaramente il suo dolore per la situazione subita dalle popolazioni indigene, "in particolare per il modo in cui molti membri della Chiesa e delle comunità religiose hanno collaborato, anche con l'indifferenza, a quei progetti di distruzione culturale e di assimilazione forzata da parte dei governi dell'epoca, che si sono conclusi con il sistema delle scuole residenziali". Nel suo discorso si è scusato sette volte.

Gesti di impronta

Una delle prime persone che Papa Francesco ha potuto salutare è stata una donna che è passata da uno dei collegi. Il bacio sulla mano con cui si è congedato è diventato una delle immagini iconiche di questi giorni. Questo dimostra l'umiltà con cui il Papa è venuto in Canada, e la risposta dei leader indigeni ha corrisposto a questo stato d'animo. Non sorprende, quindi, che dopo la richiesta di perdono il Papa abbia ricevuto un tradizionale cappello indiano in segno di affetto e riconoscimento.

Un'altra immagine del viaggio è stata la preghiera di Papa Francesco in un cimitero di Maskwacis, a circa 70 chilometri a sud di Edmonton. L'accorata preghiera del Papa sulle tombe di alcuni bambini delle scuole residenziali è un altro gesto significativo.

Il Papa prega al cimitero Cree di Ermineskin. ©FotoCNS/Paul Haring
Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.