Cultura

Frate Pascual SaturioGli abitanti di Cadice "non lasciano mai la Vergine".

Oggi si celebra la festa di Nostra Signora del Monte Carmelo, patrona della gente di mare e della Stella maris. Ma c'è un'altra Vergine, quella di Cadice, la Vergine del Rosario, che per più di 150 anni è stata imbarcata ogni anno con la flotta armata che preservava la marina mercantile. È la piccola Galeona, che solca il mare mentre il Santo Patrono a grandezza naturale rimane nel santuario di Cadice. Padre Pascual Saturio parla della Vergine a Omnes.

Francisco Otamendi-16 luglio 2022-Tempo di lettura: 7 minuti
galeona cadiz

Fray Pascual Saturio è arrivato a Cadice nel 1988, già sacerdote domenicano, e sembra che non ci siano molte persone che conoscano così bene l'intenso rapporto della capitale di Cadice con la Vergine come quest'uomo pieno di vitalità.

La presenza della Vergine del Rosario tra gli uomini di mare risale alla vittoria navale di Lepanto (1571) ed è profondamente radicata a Cadice. Fray Pascual parla a Omnes dal santuario di Nostra Signora del Rosario. Nostra Signora del Rosarionel tempio di Santo Domingoanche se popolarmente la si chiama Santo Domingo, proprio perché il Rosario, la devozione al Rosario e la presenza dei monaci qui è dovuta alle circostanze degli schiavi neri".

Infatti, "gli schiavi neri che non sono stati portati in America sono rimasti qui in città. Venivano dall'Angola e dal Mozambico, una parte dell'Africa evangelizzata dai frati domenicani. E furono loro a creare la confraternita [della Vergine] che era un rifugio, una specie di assicurazione privata, perché tutti potessero avere medicine, un medico, una piccola pensione alla fine... E la misero sotto il rifugio della Vergine del Rosario".

Chiesero un frate, che arrivò da Sanlúcar, P. G., che era un frate di nome e di fatto. Luis CastendaPascual, intorno al 1620-1622, che venne con loro come cappellano, spiega p. Pascual, e iniziarono la piccola cappella della Vergine.

"Nel complesso, fu tra la presenza dei neri e del Rosario a Cadice e la vittoria di Lepanto che la Vergine ottenne il patronato sulla città di Cadice e divenne patrona della città. E nello stesso santuario si trovano le due immagini, quella della Vergine del Rosario, a grandezza naturale, e quella della Vergine del Rosario, a grandezza naturale. Galeona".

Abbiamo chiesto a Fray Pascual innanzitutto le date storiche e il suo arrivo a Cadice.

Da quando la Vergine del Rosario è la patrona di Cadice?

- La Vergine del Rosario è la patrona di Cadice da 150 anni. La nomina pontificia della Vergine risale a 152 o 153 anni fa, e noi la celebriamo. Ma è provato che già più di trecento anni fa il popolo e il consiglio comunale la consideravano la patrona di Cadice, anche se la nomina fu fatta più tardi.

E tu, da quanti anni sei lì, nel convento di Santo Domingo?

- Sono arrivata nel 1988 e da allora fino ad oggi, 2022, sono qui in convento e sono ancora una conventuale. La vita passa velocemente.

E da allora è stato priore? Rettore?

- Quando avevamo una comunità e c'era un gruppo più numeroso di domenicani, svolgevo i servizi che la comunità mi chiedeva di fare. Tra questi, il servizio del priore un paio di volte. E poi, quando sono iniziati i lavori di adattamento della casa, perché volevamo costruire un'infermeria provinciale, non si è potuto fare e abbiamo dovuto lasciarne una parte per una foresteria.

Per tutto questo tempo sono stata qui da sola, e sono stata la principale responsabile del santuario della Vergine e delle cose che erano sotto la cura del convento. E in questo momento, ora che i lavori della casa sono finiti, sono ancora il responsabile del santuario, il responsabile. Beh, rettore, sì, che è l'ufficio e l'occupazione principale della casa ora. E trattandosi di un solo frate, non c'è un priorato.

Un'ultima domanda su di lei, e poi passiamo a parlare della Madonna. Quando è entrato nei Domenicani ed è diventato sacerdote, fra Pascual?

- Sono entrato nell'Ordine nel 1978. E poi il cardinale Amigo Vallejo, che riposi in pace, mi ha ordinato sacerdote nel 1984. Così sono entrato nell'Ordine dei Predicatori, della Parola e al servizio della Parola, nel 78, e un anno dopo ho professato come domenicano, come ci chiama la gente comune.

Andiamo dalla Vergine. La festa del Santo Patrono è in ottobre, ma poiché tutte le feste della Vergine sono belle, la facciamo ora.

- Naturalmente.

 Come vede la devozione a Nostra Signora a Cadice, e gli abitanti di Cadice si recano lì per pregare la loro patrona?

- Guarda, succede con il Santo Patrono esattamente come succede con le madri di tutti gli spagnoli. Forse non siamo molto eloquenti, né diciamo tutto il giorno Ti amoNon la baciamo tutto il giorno, ma comunque, nel cuore di ognuno di noi, la persona di vostra madre occupa più della metà del nostro cuore. Così è per la Madonna del Rosario.

Questo santuario qui a Cadice non è un santuario come gli altri grandi santuari... Tuttavia, in tutti gli abitanti di Cadice il patrocinio della Vergine e l'affetto per la Vergine del Rosario come loro Madre e famiglia è profondamente radicato nei loro cuori e nelle loro coscienze. Questo è vero.

Questa è una città dove ci sono molte chiese e molte immagini, e durante l'anno ci sono molte circostanze religiose da celebrare. Tuttavia, nell'interno di ogni cuore, hanno posto il loro altare e non lasciano mai la Vergine.

Avete una fratellanza, vero?

- Sì. L'Arciconfraternita del Santissimo Rosario. Appartiene a tutto l'Ordine ed è universale. È il gruppo dei fedeli. Qui ce ne sono circa tre o trecentocinquanta. È un gruppo di fedeli che si impegna, almeno una volta alla settimana, a recitare una parte del Rosario, per poi partecipare alla vita del santuario, al culto della Vergine, in collaborazione con i frati. E non cessano di far parte della famiglia domenicana e dell'Ordine in questo senso.

Qui, per anni, un'area del convento è stata utilizzata come studio di trasmissione, e ogni giorno il Rosario veniva trasmesso dal convento. Quando questa trasmissione è andata perduta, bisogna ricordare che la Conferenza Episcopale Spagnola, e anche l'Ordine, volevano acquistare spazio sufficiente per trasmettere il Rosario ogni giorno su tutte le stazioni radio necessarie. Ma questo non si è realizzato.

E ora si sottolinea ancora una volta il valore dei mezzi di diffusione di cui disponete. Guardate il canale televisivo, con Radio Maria, e con quegli elementi che sono stati messi in funzione anche in alcune diocesi, il successo che stanno avendo. Perché molte persone, non solo anziani e malati, mentre fanno le loro cose a casa, possono allo stesso tempo pregare e quindi partecipare alla preghiera della Chiesa.

Ci parli del Santo Patrono della città, e della Galeona. Chi non conosce bene la storia può confonderli.

- Sono due immagini diverse. Una è la Santa Patrona di Cadice, l'immagine a grandezza naturale della Santa Patrona, e si trova sempre nel suo altare, nel suo santuario. Tra l'altro, la devozione alla prima immagine, quella della Virgen del Carmen, è nata qui, nel convento, ed è nata qui perché noi domenicani siamo arrivati a Cadice prima dei Carmelitani Scalzi e, quando sono arrivati, abbiamo portato la Vergine nel suo tempio.

Ebbene, qui a Cadice, ogni anno c'erano tre spedizioni militari che dovevano preservare la marina mercantile in mezzo al mare, proprio a causa della pirateria degli inglesi, dei portoghesi e di coloro che si dedicavano ai furti in mare. Questa flotta armata, che conservava la marina mercantile, era chiamata galeone. E uno dei capitani della flotta che ogni anno andava da Cadice a Cartagena de Indias, in Colombia, ebbe l'idea: "Perché non imbarchiamo l'immagine che abbiamo nella nostra cappella".

Avevano la cappella della terraferma qui nel convento, per seppellire gli ammiragli e i più importanti che sono morti. Perché non portiamo con noi l'immagine che abbiamo nella nostra cappella? Mentre siamo in mare, va e viene con noi. E poi durante il nostro periodo di riposo, qui a Cadice, è in convento".

Ed è così che la Beata Vergine è stata imbarcata ogni anno per più di 150 anni in quella flotta. Si tratta della seconda immagine della Vergine del Rosario, un'incisione di 70-75 centimetri. Quando il transito commerciale scomparve e il commercio cominciò a svolgersi con altri mezzi, aerei, ecc. l'immagine rimase qui nel convento.

Ma poi imbarcarono la Galeona e questa iniziò a navigare intorno al mondo...

- Sì, è stato quando è arrivata la nave scuola. Juan Sebastián Elcanoche è la nave dell'Armada spagnola, dove i marinai fanno i loro ultimi corsi. Gli uomini dell'Armada, con il sindaco e il priore dell'epoca, ebbero l'idea che quando l'Elcano farà il giro del mondo, perché non imbarcare la Galeona? Viene con noi e la rendiamo presente in tutto il mondo, ricordando la presenza della Vergine del Rosario tra gli uomini di mare fin dai tempi di Lepanto, dalla vittoria navale di Lepanto. E così è stato fatto.

E ora, ultimamente, ha fatto il giro del mondo per sei volte. E ogni anno andiamo con lei, facciamo una piccola processione, noi e i marinai, all'addio di Elcano, che è ancora al molo di Cadice.

L'immagine a grandezza naturale della Vergine del Rosario, la Santa Patrona, quella che si trova nel santuario, con un paramento, non è stata imbarcata. È stata imbarcata a volte, sporadicamente, quando l'abbiamo portata in visita alle parrocchie o per un'azione marina in banchina, ma molto sporadicamente. Quella che viene sempre presa in considerazione è la seconda immagine della Vergine del Rosario, che abbiamo anche qui in convento.

Vergine Cadice

Fuori microfono, un'ultima domanda, che riprenderemo anche alla fine. Si racconta che il Papa indossi il bianco a causa dei Domenicani. E fr. Pascual lo commenta.

- È così. Il Papa si vestì come un cardinale fino a diventare Papa Pio V. Era molto affezionato al suo abito domenicano, e fu eletto Pontefice, e fu lui a dire, beh, va bene così. Ma non cambierò il mio modo abituale di vestire, le mie abitudini, per svolgere il compito che mi avete affidato.

E se guardate il nostro abito, l'abito del Papa è lo stesso, l'unica cosa è che hanno aggiunto la fascia su cui porta il suo stemma, e poi hanno tolto il picco sul retro del cappuccio, che è il segno dei mendicanti. Noi frati che abbiamo un cappuccio, e il cappuccio finisce in un becco, è perché viviamo lavorando in mezzo agli altri. Il Papa, poiché il suo lavoro è diverso, si è fatto arrotondare il cappuccio, togliendo l'apice della mendicità, ma l'abito è esattamente lo stesso. E il Papa è ancora quello che veste di bianco nella Chiesa.

Frate Pascual conclude dicendo, di sua iniziativa e senza alcun dubbio: "In questo momento, in Europa occidentale, questo stile di vita che stiamo conducendo ha molte lacune e molte difficoltà. Penso che sia necessario invertire la rotta. È successo ai tempi dei Romani, e anche allora erano così sicuri: l'Impero Romano sarebbe caduto. Beh, è caduto. Le stesse difficoltà che incontrano le famiglie e l'ordine sociale, e il modo in cui abbiamo vissuto, stanno colpendo gli ordini religiosi e la Chiesa. Perché siamo parte di tutti, e nel mondo siamo con voi".

Oggi, e questo è il nostro, ci rivolgiamo alla Vergine, la Vergine del Monte Carmelo, la Vergine del Rosario, e alle invocazioni di ciascuno di noi: chi non ha un carmelitano in famiglia, vicino o lontano, e un Rosario vicino!

L'autoreFrancisco Otamendi

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.