Attualità

Franz Reinisch: "Contro la mia coscienza - con la grazia di Dio - non posso e non voglio agire".

80 anni fa, il sacerdote austriaco di Schönstatt, Franz Reinisch, fu giustiziato: era l'unico sacerdote che si era rifiutato di prestare giuramento di fedeltà a Hitler.

José M. García Pelegrín-16 agosto 2022-Tempo di lettura: 4 minuti
FRANZ REINISCH

Foto: Franz Reinisch. @schoenstatt.org

Nell'aprile del 1534, l'ex Lord Cancelliere Thomas More e il vescovo di Rochester John Fisher si rifiutarono di firmare l'"Atto di Supremazia" approvato dal Parlamento inglese, che rendeva il re Enrico VIII capo della Chiesa inglese. More e Fisher furono giustiziati per il loro rifiuto. Giovanni Paolo II ha nominato Tommaso Moro patrono dei governanti e dei politici il 31 ottobre 2000: "Dalla vita e dal martirio di San Tommaso Moro scaturisce un messaggio che lungo i secoli parla agli uomini e alle donne di tutti i tempi dell'inalienabile dignità della coscienza", si legge nel Motu Proprio della proclamazione.

Ci sono stati martiri della coscienza "attraverso i secoli", anche nel regime nazionalsocialista. Hanno seguito i dettami della loro coscienza, come gli studenti della Rosa Bianca e altri che si sono rifiutati di obbedire al sistema nazista anticristiano e disumano e hanno pagato con la vita la loro resistenza.

Martire della coscienza

Una forma particolare di rifiuto consisteva nel rifiutare di prestare giuramento di fedeltà a Hitler. Dopo la morte del Presidente del Reich Paul von Hindenburg, avvenuta il 2 agosto 1934, la formula del giuramento fu modificata. Invece di "servire sempre fedelmente e pienamente il mio popolo e la mia Patria", i coscritti dovevano giurare "che renderò obbedienza incondizionata al Führer del Reich e del popolo tedesco, Adolf Hitler".

Dei 18 milioni di soldati della WehrmachtA fronte dei 30.000 disertori stimati, solo pochi si rifiutarono di prestare giuramento. Le ragioni della diserzione possono essere diverse; il giuramento, invece, è stato rifiutato per motivi di coscienza. Oltre ai Testimoni di Geova o agli "Studenti della Bibbia" - che non hanno rifiutato specificamente il giuramento di Hitler, ma il servizio militare in generale - secondo gli ultimi studi, circa 20 cattolici e nove protestanti hanno compiuto questo passo epocale.

Oltre a Franz Jägerstätter e Josef Mayr-Nusser, beatificati rispettivamente nel 2007 e nel 2017, il più noto di questi è Franz Reinisch, il cui processo di beatificazione ha già superato la fase diocesana. Sacerdote pallottino di Schönstatt, fu condannato a morte per aver "minato le forze di difesa" (La nostra politica di sicurezza) nel luglio 1942 e giustiziato il 21 agosto dello stesso anno, 80 anni fa.

Già nel 1939, nella casa di ritiro di Schönstatt, Reinisch aveva detto: "Non è possibile prestare giuramento, il giuramento alla bandiera nazionalsocialista, alla Führer. È un peccato, perché sarebbe come prestare giuramento a un criminale... La nostra coscienza ci vieta di seguire un'autorità che porta nel mondo solo crimini e omicidi a scopo di conquista. Non si può prestare giuramento a un tale criminale! Ha mantenuto la sua convinzione fino alla fine.

Vocazione

Franz Reinisch è nato il 1° febbraio 1903 a Feldkirch-Levis (Vorarlberg). Suo padre era un avvocato, così anche lui iniziò a studiare legge all'Università di Innsbruck. Dopo un ritiro di 30 giorni a Wyhlen, vicino a Basilea, e in considerazione della miseria morale incontrata durante gli studi di medicina legale a Kiel nel 1923, fu risvegliato dal desiderio di "conquistare le anime a Cristo". Decise di diventare sacerdote. Dopo tre anni di seminario a Bressanone, Reinisch fu ordinato sacerdote il 29 giugno 1928.

Ben presto entra in contatto con i Padri Pallottini di Salisburgo. In novembre entrò nel noviziato pallottino di Untermerzbach, vicino a Bamberga. Attraverso i Pallottini, Franz Reinisch conobbe Schönstatt nell'agosto del 1934 (fino al 1964 il Movimento di Schönstatt rimase strettamente legato ai Pallottini in termini di organizzazione). Aveva finalmente trovato la sua vocazione.

Fu proprio in questo periodo che iniziò il suo confronto con il nazionalsocialismo. Era indignato per il fatto che, in relazione al cosiddetto "Röhm-Putsch" ("Notte dei lunghi coltelli") alla fine di giugno del 1934, il regime avesse fatto assassinare persone senza una sentenza del tribunale, ma anche per il fatto che Hitler avesse incorporato l'Austria nel Reich tedesco in violazione del diritto internazionale. Come Dietrich Bonhoeffer, Reinisch riconosce l'alternativa: "O nazista o cristiano", non è possibile essere entrambi.

La strada del martirio

Con lo scoppio della guerra, il persecuzione della Chiesa. Nel settembre 1940 a Franz Reinisch fu proibito di predicare, il che segnò il suo destino: non poteva assumere un incarico parrocchiale, per cui poteva essere chiamato alla leva. Il 1° marzo 1941, p. Reinisch ricevette l'ordine di prepararsi per il servizio di leva; l'ordine vero e proprio di andare sotto le armi gli fu inviato il martedì di Pasqua del 1942.

Franz Reinisch arriva alla caserma di Bad Kissingen il 15 aprile 1942, deliberatamente un giorno dopo l'ordine. Dichiara immediatamente il suo rifiuto di prestare giuramento di fedeltà a Hitler e viene portato nella prigione di Berlino-Tegel. Il processo davanti al Tribunale militare del Reich si svolse il 7 luglio, ma la sentenza di morte era già stata emessa. Fu trasferito alla prigione di Brandeburgo-Görden per l'esecuzione.

Nell'arringa finale del processo, ha dichiarato: "Il condannato non è un rivoluzionario, un nemico dello Stato e del popolo, che combatte con la violenza; è un sacerdote cattolico che usa le armi dello spirito e della fede. E sa per cosa sta combattendo. Franz Reinisch vede la sua morte come un segno di espiazione. La sua vita terrena termina venerdì 21 agosto 1942 alle 5.03 del mattino.

Genitori forti

Franz Reinisch è l'unico sacerdote cattolico che si è rifiutato di prestare giuramento a Hitler, di cui era a conoscenza: "So che molti sacerdoti la pensano diversamente da me; ma per quanto possa esaminare la mia coscienza, non posso giungere a nessun'altra conclusione. E contro la mia coscienza - con la grazia di Dio - non posso e non voglio agire". I genitori ribadiscono la sua decisione; in una lettera il padre gli dice: "La sofferenza è breve e passa presto. Alla fine della sofferenza imposta c'è la gioia eterna. Finis tuus gloriosus erit! La fine della sofferenza e l'inizio dell'eternità saranno magnifici". E la madre: "Non ho nulla da aggiungere se non dire che pregherò e mi sacrificherò ancora di più; sii forte, Franzl; il cielo è la nostra ricompensa".

Il processo di beatificazione di Franz Reinisch si è chiuso in fase diocesana nel giugno 2019. I fascicoli e i documenti sono stati inviati alla Congregazione delle Cause dei Santi a Roma. In quanto martire (della coscienza), non è necessario alcun miracolo per la beatificazione. A questo si riferisce Manfred Scheuer, vescovo di Linz e vicepresidente della Conferenza episcopale austriaca, nel documentario di un'ora "Pater Franz Reinisch - Der Film" (Angela Marlier, 2016): il martirio di Franz Reinisch è "nella linea dei martiri della Chiesa primitiva che hanno detto no all'imperatore" e che hanno scandito il credo dicendo: "Rinuncio al male".

Documentario di Angela Marlier
Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.