Mondo

Legge francese sulla bioetica: prossimo test presidenziale

Omnes-1 maggio 2018-Tempo di lettura: 3 minuti

Il progetto di legge sulle questioni bioetiche che il Presidente Macron porterà in Parlamento in autunno svelerà il suo modello di dialogo. 

Testo - José Luis Domingo, Marsiglia

Il cosiddetto "Bioetica Stati generalia" sono aperti fino a giugno in Francia. Questa ampia consultazione organizzata dal Comitato consultivo nazionale per l'etica (CCNE) mira a "...".raccogliere un'ampia panoramica delle opinioni della società sulle questioni che la riguardano". Gli scambi saranno distribuiti nell'arco di diversi mesi e dovrebbero confluire nella prossima legge sulla bioetica, attesa in Parlamento in autunno.

Tra i grandi temi che verranno discussi e dibattuti (ricoveri per disabili, fine vita, donazione di organi, intelligenza artificiale, neuroscienze...), spicca l'apertura della procreazione medicalmente assistita (PMA) alle donne single e alle coppie di donne, a cui Emmanuel Macron è favorevole. I vescovi hanno espresso riserve su alcuni dei progetti di legge inclusi nella campagna di Macron.

Mons. Pontier, presidente della Conferenza episcopale, ha espresso al presidente la sua preoccupazione per le questioni discusse. "Dovremmo ora permettere alla legge di privare i bambini di un padre? Questo riconoscimento porterebbe alla disuguaglianza tra i bambini, aprirebbe un grande rischio di mercificazione del corpo e metterebbe in discussione l'attuale criterio terapeutico, che garantisce il rifiuto della formazione di un grande mercato della procreazione.". Allo stesso tempo affermava il dovere di vigilare per la difesa dei più deboli, ".dall'embrione al neonato, dal disabile al paralitico, dall'anziano al non autosufficiente in tutto e per tutto. Non possiamo lasciare nessuno da solo".. Ha anche escluso la legittimazione della disperazione: ".Non possiamo accontentarci della solitudine o dell'abbandono di chi vede la morte come una via d'uscita invidiabile.".

La Chiesa e le questioni etiche

Se Emmanuel Macron, a differenza dei gruppi laicisti, ritiene che lo Stato non debba dialogare, ritenendo di avere sempre ragione e imponendosi con la forza sulla società civile, in particolare su quella religiosa, non ha mancato di considerare l'atteggiamento della Chiesa sui temi etici. Questo è stato forse il punto debole del discorso al Bernadirnos. Secondo lui, in questo ambito, la parola della Chiesa dovrebbe essere "... la parola della Chiesa dovrebbe essere "... la parola della Chiesa dovrebbe essere la parola della Chiesa".interrogante"e non"ingiunzione".

Questa frase è stata intesa come un modo per tenere la Chiesa a una certa distanza, difendendo la sua visione e l'azione del suo governo svolta in nome di una "...Chiesa".umanesimo realistaL'approccio "socialmente responsabile", che deve essere adattato alla società. "Attenzione che il realismo non si trasformi in fatalismo.", avverte Martin Choutet dell'Associazione per l'Amicizia (APA), temendo un atteggiamento compiacente nei confronti della deriva sociale.

"Ha lusingato il suo pubblico con un discorso di grande qualità e bellissimi riferimenti, ma il messaggio di fondo era: "Non datemi lezioni, tanto alla fine deciderò io".", analizza Nicolas Sevillia, segretario generale della Fondazione Jérôme-Lejeune. Questo scetticismo sembra essere condiviso da molti cattolici, soprattutto sui social media, che temono che il processo presidenziale sia solo un'operazione di comunicazione.

Naturalmente, è ben chiaro che le dichiarazioni non devono impedire il dialogo e le domande. Ma la missione della Chiesa e dei cattolici è anche quella di ricordare che esistono "linee rosse" nell'etica, punti di riferimento etici fondamentali che non possono essere messi in discussione o negoziati. Altrimenti, questi "dighe dell'umanità"sarà indebolito.

Quando il presidente del National Advisory Board on Ethics spiega che ".non sa cosa sia giusto o sbagliato"o che"tutto è relativo"È un dovere affermare e difendere con chiarezza questi punti di riferimento che proteggono i più fragili o i più piccoli. Si potrebbe anche dire a Emmanuel Macron che la Francia fa lo stesso quando difende i diritti umani nel mondo. Ci sono diritti che non sono in discussione. La parola della Francia non è quindi "interrogare", ma "sollecitare". È la sua forza e il suo dovere. È anche il dovere della Chiesa.

Un mercato della procreazione?

Per mettere in guardia dai pericoli dell'emergere di un mercato della procreazione in Francia, che attraverso l'accettazione del PAM aprirebbe le porte alla maternità surrogata gestazionale, Alliance Vita ha aperto un "falso" centro commerciale il 17 aprile in un lussuoso quartiere di Parigi. Sulla facciata del negozio si può leggere: "Affittare - Grembo - Comprare" o "Concepimento su misura". Spingendo la porta, si potrebbe pensare di entrare in un negozio di moda. Niente di tutto questo. All'interno, sugli espositori, scopriamo una ventina di baby doll etichettati con codici a barre. Alla loro sinistra, modelli di donne incinte emergono da scatole di cartone con la scritta "GPA". Alla loro destra, tre manichini maschili hanno la testa coperta da un cartone, ciascuno con una lettera: "P", "M" e "A".

Tugdual Derville, delegato generale dell'associazione, spiega: "Nel negozio esponiamo, con prove a sostegno, l'intera gamma di un mercato della procreazione dilagante che vogliamo evitare.". Ci assicura: "Non è una fantasia, ma una realtà già presente e in piena espansione.". E avverte il presidente: "È l'ultima chiamata prima della mobilitazione generale.!".

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.