Esperienze

L'uso dell'arte nella classe di religione, una risorsa pedagogica

Omnes-18 marzo 2018-Tempo di lettura: 8 minuti

Un'immagine vale più di mille parole, dice il noto proverbio. Questo è ciò che viene suggerito agli insegnanti di religione come una delle possibili risorse pedagogiche per l'insegnamento della materia: spiegare le verità della fede cristiana con l'aiuto del gran numero di opere pittoriche che si trovano nei musei.

- Arturo Cañamares Pascual

Poiché la bellezza è una proprietà delle cose create e tutto ciò che esiste è stato creato da Dio (o dagli esseri umani, anch'essi creati e amati da Dio), insegnare la bellezza ci avvicina alla contemplazione di Dio.

I filosofi dicono che la bellezza è un trascendentale dell'essere: è il gusto della verità e del bene in ciò che vediamo. Quando contempliamo qualcosa di bello, esso ci provoca piacere, attirando il nostro sguardo o il nostro udito.

La bellezza nell'arte è una epifaniauna manifestazione di Dio all'umanità (cfr. Lettera agli artistiGiovanni Paolo II). Grazie agli artisti, il mistero di Dio è più accessibile (cfr. Insegnamenti IIPaolo VI).

Velázquez con il suo dipinto Cristo crocifisso o Mel Gibson con il suo film La passione ci hanno avvicinato al mistero stupefacente della morte del Signore; il mistero del Natale mostrato nella sua semplicità da San Francesco nel suo primo Presepe "vivente", o grazie a tante rappresentazioni di Betlemme nelle nostre case con le classiche statuine, ci rendono più facile comprendere e vivere quel mistero.

Il mondo ha bisogno di bellezza per non cadere nella monotonia, nella tristezza o nella disperazione. La bellezza, come la verità, semina gioia nel cuore degli uomini; è il frutto prezioso che resiste all'usura del tempo, che unisce le generazioni e le fa comunicare nell'ammirazione. La bellezza, diceva Platone, è come una scossa che ci risveglia dal torpore, ci fa uscire da noi stessi e ci solleva.

In qualche modo, Dio si rende presente nella bellezza". Come era giusto il titolo della mostra di arte sacra allestita durante la GMG 2011 al Museo del Prado: Il Verbo fatto immagine!

L'esperienza della bellezza è necessaria per la ricerca del senso e della felicità, perché ci avvicina alla realtà e la illumina (Discorso agli artistiBenedetto XVI).

Von Bhaltasar, afferma che la via pulchritudinisLa via della bellezza, la via della bellezza, ci fa camminare verso la contemplazione di ciò che è vero e buono. Ma quando qualcuno rifiuta la bellezza, allora non può più pregare e, alla fine, non sarà in grado di amare.

I grandi mistici (Santa Teresa di Gesù, San Giovanni della Croce) contemplavano Dio e si innamoravano della sua Bellezza, che vedevano nel canto di un uccellino, in un fiume, in una scultura di Cristo...

Si dice spesso che il gusto non si conta, ne è sicuro? Sui gusti sono state fatte molte riflessioni e scritti. Il bello è piacevole: l'Immacolata Concezione di Murillo, la Requiem di Mozart, o un presepe di Salzillo o Mayo piacciono a tutti, anche se per alcuni è più difficile capirli e quindi goderne meglio. E viceversa: ciò che è sgradevole, trasandato o provocatorio è contrario alla dignità umana; degrada chi lo fa e chi lo vede. Un film, un programma televisivo o un dipinto fatto per disgustare è un insulto al più nobile degli esseri umani. È ciò che cerca una società che abbraccia l'incoerenza del relativismo, che rifiuta la verità e quindi evita anche la bellezza che ci mostra quella verità.

La classe di religione è un ambiente privilegiato per insegnare utilizzando la bellezza. Affidarsi alla storia e alla cultura con le sue varie manifestazioni artistiche apre i sensi al trascendente e facilita la comprensione di ciò che stiamo cercando di spiegare.

Ricordiamo alcune risorse pratiche che possono arricchire una classe e renderla più attraente: usare l'arte in classe, parlare con le immagini fa sentire i contenuti familiari, vicini, possibili, collegati alla propria vita (cfr. Evangelii Gaudium(Papa Francesco). Il suo uso è legittimato da Gesù stesso, il Maestro, che era solito insegnare parabole, confronti pieni di bellezza e accessibili a chi li ascoltava.

Gli insegnamenti di Gesù non hanno perso il loro valore, perché la bellezza è stabile. Servono e attraggono tutti coloro ai quali vengono offerti: La parabola del figliol prodigo o del buon samaritano è un modo straordinario di insegnare usato dal Signore. Anche la vita stessa di Gesù, se ben spiegata, attrae, perché Egli è Verità e Bontà, e quindi la Bellezza ultima.

Nella classe di religione è molto utile utilizzare il metodo che Gesù ha usato e che i teologi chiamano "metodo di lavoro". sincatabasi (condiscendenza, abbassamento), che consiste nel mettersi al livello di chi ci ascolta, in modo che ci capisca e renda accessibile il nostro linguaggio. In molti casi, un'immagine artistica vale più di mille parole. Poi, quando hanno colto il messaggio che l'artista di quell'opera propone, dobbiamo aiutare i nostri studenti a elevarsi, andando oltre la tela o la scultura che abbiamo davanti, alla contemplazione della Bellezza suprema, che è sempre Dio.

Molti esempi possono aiutarci. In questo Anno della Misericordia può essere utile spiegare il logo del Buon Pastore con il suo motto "Misericordioso come il PadrePossiamo anche spiegare il significato della Porta Santa. Possiamo anche fare affidamento sull'uso di dipinti ben noti come il Il ritorno del figliol prodigo di Rembrandt o Murillo.

In pittura, abbiamo la fortuna di avere un gran numero di opere d'arte che possono aiutarci nel nostro lavoro di insegnanti. Alla fine dell'articolo, ne propongo alcuni come esempi.

Con i bambini più piccoli possiamo anche farli esprimere artisticamente disegnando un evento biblico che abbiamo spiegato. Per esempio, ho chiesto ai miei alunni di disegnare la resurrezione di Lazzaro di cui avevo appena parlato, e il giorno dopo mi hanno portato dei disegni che avrebbero potuto essere utilizzati per organizzare una mostra.

Nella scultura, abbiamo il privilegio di avere una grande iconografia di opere sulla nascita di Gesù (ad esempio, i presepi di Francisco Salzillo), sulla Pasqua (ad esempio, i presepi di Francisco Salzillo). Il Cristo Ammalato di Santa Teresadi Gregorio Fernández), immagini della Vergine Maria (le Immacolato di Alonso Cano), ecc.

Per quanto riguarda l'architettura, il tesoro di basiliche, monasteri e cattedrali, o la chiesa parrocchiale più vicina, è molto appropriato per mostrare ai nostri studenti ciò che la materia della religione ha da offrire loro.

Anche la musica è una manifestazione artistica molto utile: sia la musica classica, creata per lodare il Signore da compositori di fama internazionale, sia i testi dei canti liturgici che utilizziamo nell'Eucaristia domenicale.

Riportiamo qui alcune opere a titolo di esempio: due sul Natale e una sulla morte del Signore.

Il culto dei pastori

I pastori furono i primi a ricevere la buona notizia della nascita del Bambino Gesù: un coro di angeli canta e contempla Gesù mentre i pastori si avvicinano per adorarlo e fare compagnia alla Sacra Famiglia. San Giuseppe, a sinistra, con le braccia aperte, guarda sorpreso il Bambino e medita su ciò che i pastori hanno raccontato: che gli angeli hanno detto loro della nascita del Messia tanto atteso.

La Vergine Maria guarda dolcemente Gesù e prega in gioioso silenzio. I pastori accompagnano Gesù. Uno di loro, quello inginocchiato con un agnellino in dono ai suoi piedi, è il pittore stesso, che ha voluto rappresentarsi in questo modo.

Il bue non vuole perdere un dettaglio e osserva attentamente il Figlio di Dio. Un asino, perso nell'oscurità, riposa, forse dopo un viaggio faticoso e difficile - ricordiamo che Maria era in travaglio - da Nazareth a Betlemme per il censimento, e ora si sente poco importante in un momento così grandioso e si vede solo il suo muso (a destra, accanto ai pantaloni blu del pastore).

Uno degli angeli porta un poster con il primo canto della storia: "Gloria a Dio nei cieli e pace agli uomini sulla terra...". In mezzo al buio della notte, Gesù è la luce del mondo che illumina le tenebre dell'umanità: ci porta la pace, ora che è così necessaria.

L'autore non aveva bisogno di mostrare la scena in una fredda stalla, come si vede sullo sfondo; piuttosto, ha voluto presentarci il Signore circondato da una grotta fatta d'amore: come cupola o soffitto di questa grotta d'amore ci sono gli angeli che cantano gioiosamente, e alle pareti la Vergine Maria, il suo sposo San Giuseppe e gli stessi pastori, tra cui El Greco, come già detto.

La Sacra Famiglia dell'Uccellino

La scena evoca le faccende quotidiane della Famiglia di Nazareth. La Vergine Maria, Madre di Dio, sta avvolgendo una matassa di filo (il movimento dell'arcolaio è accennato, come fece Velázquez nel suo famoso dipinto Le filatrici), mentre San Giuseppe, che si riposa un attimo dal suo lavoro (si vedano i suoi attrezzi da falegname), insegna qualcosa a Gesù. Maria e Giuseppe guardano il Bambino. In questo modo l'autore ci spiega la naturalezza che si viveva nella santa casa, tra il lavoro ordinario ben fatto e l'attenzione a rendere felice la vita degli altri. Con questa semplicità dobbiamo trattare Cristo e offrirgli il nostro lavoro (studio) ben fatto. Inoltre, c'è un altro significato contenuto nel dipinto: Gesù protegge l'uccellino (la nostra anima) dalle fauci del diavolo (il cane, che appare bonario, perché il diavolo mente sempre, rendendo attraente la tentazione). Se siamo con il Signore, saremo sempre protetti.

Concludiamo con l'immagine che piace di più a Papa Francesco e che lui stesso ha utilizzato più volte nelle sue catechesi. Sono sicuro che piacerà a coloro che insegnano negli ultimi anni dell'ESO o nel Bachillerato, per applicarlo in una classe sulla storia della Chiesa.

Crocifissione bianca

Siamo testimoni con dolore del sacrificio di Cristo, morto sulla croce per redimere l'umanità. Tutto è avvolto nell'oscurità (nei toni freddi del grigio) che rappresenta le sofferenze e le angosce dell'umanità: l'odio degli uni verso gli altri, le guerre e tutti i dolori dell'umanità. Il mondo è illuminato da un raggio di luce che viene dal cielo e ci mostra Cristo come nostro salvatore.

A destra, gli ebrei sono perseguitati dai nazisti e la loro sinagoga viene bruciata (a significare l'odio per la religione). Sopra la porta della sinagoga si trovano le Tavole della Legge, la Stella di Davide e il leone di Giuda, in una chiara allusione agli ebrei.

alle profezie messianiche. Gli oggetti cadono a terra, compresa la Torah (Bibbia ebraica) che rotola via. Alcuni ebrei fuggono con quello che possono (uno porta altri libri o rotoli della Bibbia; una donna con il suo bambino in grembo...).

A sinistra, la rivoluzione russa che distrugge le case (una chiara allusione alla lotta contro la proprietà privata) e il suo odio per la religione. Si vedono bandiere e soldati, case bruciate e feriti.

È l'orrore della guerra: tutto ciò che è umano rappresentato nel "mare dell'umano", dove vediamo la barca di Pietro (la Chiesa) che non affonda, perché c'è Cristo, come nel miracolo della tempesta calma: Gesù dormiva mentre gli apostoli terrorizzati si rendevano conto che non potevano fare nulla per salvarsi la vita. Così si rivolsero al Signore e lo supplicarono: "Signore, noi periamo!".Cristo rimproverò il vento e il mare e si verificò una grande calma. In mezzo alle difficoltà che la Chiesa ha avuto storicamente (Impero romano, barbari, ecc., nell'antichità; e più attualmente con l'Illuminismo, le rivoluzioni marxiste, ecc. Se ora sembra che stia affondando, dobbiamo solo pregarlo e Gesù agirà.

C'è una scala accanto alla Croce. È la scala che Giuseppe d'Arimatea ha usato per portare giù Cristo e seppellirlo. Ma quella scala ha un significato molto più profondo: è la nostra fede, la risposta dell'uomo alla chiamata di Dio e alla sua salvezza. Dobbiamo salire e abbracciare la Croce per raggiungere la felicità.

Gesù è il Messia atteso dagli ebrei: il candelabro era figura della presenza di Dio tra il suo popolo eletto; quel candelabro è ai piedi della Croce.

Infine, Dio Padre è visto in cielo mentre chiama alla beatitudine e alla felicità con Lui coloro che hanno sofferto la morte in queste guerre, purché accettino la salvezza offerta da Cristo.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.