Iniziative

Maite Gutiérrez: Tanti sì che portano frutti abbondanti

Maite Gutiérrez: 37 anni di matrimonio, 13 figli, 8 nipoti e due in arrivo. Madrileña, con grande fiducia nella divina provvidenza.

Omnes-14 marzo 2018-Tempo di lettura: 3 minuti

"Signore, se me lo chiedi, te lo darò."Questa è stata la risposta di Maite alla vocazione della sua figlia primogenita, con la quale condivide il nome. Diciassette anni fa, la giovane donna parlò ai suoi genitori e raccontò loro della chiamata di Dio alla vita religiosa contemplativa. Nel corso degli anni, anche la sesta e la nona figlia andranno in convento. Tutte e tre sono sorelle di Comunicazione IesuL'istituto religioso cerca di fare suo il grido di Gesù sulla croce: "...".Ho sete"..

Maite e Paco hanno intrapreso la strada del matrimonio 37 anni fa. Una vita segnata da un accumulo di sì: sì alla vita, all'adozione e alle vocazioni. Con generosa e coraggiosa apertura hanno formato una famiglia di tredici figli: dieci biologici e tre adottati. Otto sono donne e cinque sono ragazzi, il più anziano ha 36 anni e il più giovane 15. A questo "clan" - come amano definirsi - si aggiungono tre generi e una nuora, otto nipoti e altri due in arrivo.

Nonostante le difficoltà economiche, la coppia ha sperimentato come il Signore non si sia lasciato superare in generosità. A loro non è mai mancato nulla. "Avevamo tanto amore da dare, due bagni, 5 camere da letto e tanti letti a castello."Spiega di essere un medico di professione e di aver cercato di conciliare il lavoro professionale con la vita familiare.

Economisti, medici, militari, ingegneri, suore e insegnanti: i suoi figli ce l'hanno fatta. Quando gli si chiede se sono riusciti a soddisfare i bisogni emotivi di ciascuno, annuisce, ma non sa come ci siano riusciti. Non hanno dubbi sul fatto che il Signore abbia fatto tutto.

"La vita familiare è stata costruita su piccoli momenti. Per esempio, mentre friggevano le uova, si avvicinavano a me, mi raccontavano le loro storie e parlavamo anche di questioni importanti. In una famiglia numerosa, condividere la vita con molti fratelli è arricchente e ci insegna a condividere, a rinunciare. Inoltre, il fatto che due di loro abbiano delle disabilità ha comportato un costante lavoro di superamento per tutti loro. Con i nostri fallimenti e limiti, credo che ci sia qualcosa che è stato trasmesso. Oggi possiamo solo ringraziare Dio per questo.", dice Maite.

Un abbraccio congiunto di adozione

Il tema dell'adozione è stato ricorrente per la coppia. Da quando erano fidanzati, avevano parlato della possibilità di adottare e, dopo la guerra in Bosnia, ci hanno ripensato, perché molti bambini avevano bisogno di essere accolti. Quando hanno iniziato il processo di adozione, avevano sette figli e stavano aspettando l'ottavo.

Hanno avuto diversi colloqui con i funzionari della Comunità di Madrid. È stato chiesto loro se sarebbero stati disposti ad avere figli malati o disabili, e hanno sempre risposto di sì. Anche un figlio biologico verrebbe accettato, comunque sia, dicono. "All'ultima riunione ci è stata proposta una bambina di 22 mesi con la sindrome di Down. È stato un momento molto difficile e speciale per entrambi. Ci siamo consultati con i nostri figli e abbiamo accettato all'unanimità. È allora che si sentono tutte le parole del Vangelo. Una di quelle frasi che ci hanno segnato dice: Sono io, non temere".dice, con la voce rotta.

Dopo Reyes, la coppia ha avuto la decima figlia biologica. "Avevamo ancora la capacità di dare amore e volevamo adottare di nuovo. Ma non prima di averne parlato con i nostri figli, che sono stati i protagonisti di tutte le decisioni.". A tre mesi e con la sindrome di Down, Marcos è arrivato in questo clan.

Affrontare la disabilità è più facile quando ci si rende conto che sono bambini che hanno bisogno di amore, che imparano al loro ritmo e senza pretese. "Reyes e Marcos si sono evoluti molto. Anche se non ci aspettiamo nulla, preferiamo essere sorpresi dai loro progressi.", dice.

Tre anni dopo e con dodici figli, l'idea dell'adozione si ripresenta. La Comunità di Madrid ha dato loro la possibilità di accogliere un bambino con lievi problemi di vista. Guillermo aveva tre anni quando entrò in questa grande famiglia. Il suo sogno più grande durante i primi anni è stato quello di avere il nome della famiglia e quando finalmente sono riusciti ad adottarlo legalmente, erano così felici che hanno festeggiato la notizia con una festa.

"Questa è la nostra storia, questo è il modo in cui i miei tredici figli sono tornati a casa. Se vedete quello che abbiamo fatto in questa famiglia con gli occhi del mondo, non lo capirete, ma questo non è il mondo. Abbiamo sempre detto sì a ciò che Dio ci chiedeva.Maite conclude con un sorriso".

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.