Iniziative

Gioventù Kukoa. Cambiare il mondo a poco a poco 

Cosa può fare un adolescente per la società? Forse poco più che non lamentarsi troppo, potremmo pensare. Ma questo non è bastato a Pelayo Blanco, un giovane madrileno che, nel gennaio 2022, ha deciso di iniziare a organizzare attività di volontariato per i giovani. 

Maria José Atienza-25 novembre 2022-Tempo di lettura: 4 minuti
kukoa

Kukoa Jóvenes è oggi una piccola piattaforma di volontariato, con poco più di duecento volontari tra i suoi membri, ma inarrestabile. 

Per Pelayo Blanco, il suo promotore, la sua storia personale ha molto a che fare con questa iniziativa: "Sono nato a Madrid il 2 settembre 2005, in una famiglia cristiana per la quale ringrazio Dio ogni giorno. Fin da bambina ho sempre desiderato condividere le avventure con gli altri. I miei due grandi idoli non sono né celebrità né sportivi: sono mio nonno e mio padre. Mio nonno ha cresciuto dodici figli e ha gestito un'azienda; ha dovuto soffrire molto: dai quarant'anni, quando ha avuto il primo infarto, ha avuto continui problemi di salute. Da mio padre ho imparato a dare valore all'attenzione per i dettagli nel lavoro quotidiano, alla dedizione e alla devozione per le persone che si amano. Quando avevo quattordici anni, durante la pandemia di Covid-19, mi sono stupita di quante persone soffrissero e che quasi nessuno si preoccupasse davvero. Nel bel mezzo della reclusione, con la mia migliore amica, abbiamo iniziato a inviare video motivazionali agli anziani che vivono nelle case di riposo. Poco dopo ho iniziato a frequentare una parrocchia dove si organizzava il volontariato, soprattutto d'estate, e dove ho scoperto chi è il volontario per eccellenza: "Non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la sua vita per la redenzione di molti" (Mt 20,28): Gesù Cristo. 

Gli inizi di Kukoa

A poco a poco, l'idea di un programma di volontariato più organizzato con il suo gruppo di amici cominciò a prendere forma nella testa di Pelayo: "A seguito di queste attività, e dopo aver trascorso molto tempo davanti al tabernacolo, mi sono reso conto che ci sono molti giovani interessati ad aiutare, ma spesso non è facile accedere al volontariato. Nel dicembre 2021, quando avevo sedici anni, ho contattato una mensa per i poveri e ho organizzato un "campo" per il mio gruppo di amici, dove abbiamo aiutato a sfamare le persone bisognose per una settimana. Quando è finita, ho fatto i conti e mi sono reso conto che quasi sessanta studenti delle scuole superiori avevano usato il loro tempo libero per aiutare novanta famiglie a mangiare pasti caldi per una settimana. In quella settimana ho visto come Dio mi ha mostrato il percorso che dovevo seguire per arrivare in cielo: non me lo ha reso facile, ma non potevo rifiutarlo".

Così, "Una settimana dopo abbiamo creato un team di nove persone fantastiche con cui mi sono imbarcato in questa follia: abbiamo definito quattro aree di azione e pubblicizzato l'iniziativa attraverso i social network. A metà gennaio abbiamo organizzato il primo evento di volontariato, distribuendo colazioni alle persone che vivono per strada a Madrid, la capitale della Spagna. In questa prima azione, Carlos, un senzatetto di 62 anni, ci ha chiesto una coperta; purtroppo non avevamo previsto questo tipo di richiesta, quindi non abbiamo potuto aiutarlo in quel momento. L'impotenza era tale che il 6 febbraio abbiamo distribuito 300 coperte e 500 cappotti alle persone che vivevano per le strade della città.

Pochi mesi dopo, la Russia ha invaso l'Ucraina. In linea con la "follia" che ha sempre caratterizzato la Kukoa, "Abbiamo avuto una riunione d'emergenza per organizzare un viaggio in Ucraina. Abbiamo deciso di portare un convoglio di nove autobus carichi di aiuti umanitari in Ucraina, di scaricarli e di tornare con autobus carichi di rifugiati ucraini. Dopo aver trascorso diverse notti a organizzarlo, a parlare con importanti compagnie di autobus e con possibili donatori, ci siamo resi conto che si trattava di un progetto assolutamente irrealizzabile, così abbiamo deciso di continuare con i nostri volontari di massa, ma a Madrid. Speriamo di avere presto i mezzi per poter attraversare i confini che non siamo riusciti a raggiungere in quell'occasione".

I progetti di Kukoa

"Attualmente, più di 230 studenti delle scuole superiori e delle università hanno partecipato ai nostri programmi di volontariato, evidenzia Pelayo Blanco. "Abbiamo quattro aree di azione, organizzando ogni settimana attività di volontariato in almeno tre di esse. 

-Ci occupiamo principalmente di persone economicamente svantaggiate, e in questo ambito il volontariato di punta è la colazione solidale, anche se aiutiamo anche con le raccolte per il Banco alimentare o la Caritas e collaboriamo con le mense dei poveri. 

-D'altra parte, i bambini disabili e i bambini malati sono altre due aree in cui organizziamo attività ricreative e visite a domicilio, che sono molto simili. 

-Infine, il nostro progetto pionieristico in Spagna, Compleanni è andare negli ospedali terminali e nelle case di riposo per realizzare gli ultimi sogni degli anziani".

Sognare il futuro: progetto 0

I giovani che compongono Kukoa non vedono limiti alla loro iniziativa. Questo è ciò che afferma Pelayo quando sottolinea che "Non stavo scherzando quando ho detto che il mio obiettivo è cambiare il mondo. Il vero progetto finale di Kukoa, che prevediamo di aprire nel 2030, è il "Progetto 0". Si tratta di creare il più grande centro di volontariato per giovani del mondo. Un grande complesso a Madrid, che ospita un'area per ciascuno dei nostri "gruppi target". Si tratta di un rifugio per i senzatetto, dove, oltre ad avere una casa, possono ricevere una formazione professionale e un'offerta di lavoro per reinserirsi nella società; una scuola per bambini disabili; una scuola per bambini malati, dove possono combinare la cura della loro malattia con l'istruzione e il divertimento. Infine, un ospedale per le cure palliative, come alternativa all'eutanasia, in modo che possano davvero morire in modo dignitoso.". 

Per questo giovane, "La cosa più preziosa che ho imparato a Kukoa è che l'aiuto può venire da una volontà individuale o può essere preso come impegno collettivo. Il suo effetto è moltiplicatore e duraturo, e i benefici sono sostenibili nel tempo. Se i giovani, che sono il futuro della società, prendono coscienza della necessità di aiutare gli altri, molte cose cambieranno. I giovani devono rendersi conto che è nostra responsabilità fare il possibile per aiutare gli altri, per essere parte di ciò di cui gli altri hanno bisogno.

Dal mio punto di vista, qualsiasi volontariato è spontaneo, si entra in empatia con i problemi degli altri, si accettano le disuguaglianze e si cerca di risolverle in modo creativo. Riconoscendo in ogni caso che fa parte della vostra responsabilità morale dare agli altri. In breve, ipotizziamo che una persona non si senta completamente appagata dal soddisfacimento dei propri bisogni primari, ma che, per chiudere il cerchio dell'autorealizzazione, senta il bisogno di aiutare quelle persone che non sono in grado di coprire la base della piramide, cioè i bisogni primari. Ed è qui che entra in azione l'Associazione giovanile Kukoa"..

Con l'esperienza di Gioventù Kukoa alle sue spalle, Blanco sottolinea che "Ho capito molto tempo fa che non sono un essere umano qualsiasi, e nemmeno voi lo siete, anche se forse non ve ne siete ancora resi conto. In effetti, la vera bellezza della vita è trovare quella cosa unica che distingue le persone per farla emergere. È su questo che si basa Kukoa: l'amore per le persone e l'amore per la vita, perché entrambi sono creazioni di Dio. Perché noi diamo molto di più della colazione o dei pasti; diamo gioia, ed è questo che ci distingue". 

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.