Esperienze

Le donne in Africa: problemi e sfide da affrontare

Omnes-28 febbraio 2018-Tempo di lettura: 7 minuti

Le donne in Africa hanno fatto grandi passi avanti verso l'uguaglianza sociale. Dopo quasi mezzo secolo di lavoro, ci sono ancora diverse sfide da affrontare: il peso delle tradizioni, la preferenza degli uomini rispetto alle donne e la mancanza di indipendenza finanziaria sono alcune di queste.

TESTO - Fernando Serrano

La scorsa estate, Ellen Johnson Sirleaf si è dimessa dalla presidenza del suo Paese. Era alla guida dell'esecutivo da 11 anni. Nel 2006, anno in cui è salita al potere, si è inaugurata una nuova era nel continente africano. Per la prima volta un Paese africano è stato guidato da una donna.
Anche altri Paesi come Mozambico, Mauritius, Senegal, Sao Tomé e Principe... hanno avuto o hanno tuttora donne a capo del potere legislativo o esecutivo. Negli ultimi anni si è assistito a un aumento delle donne in posizioni di potere e responsabilità nella sfera pubblica e civile.
"Una volta, anni fa, mentre ero in Congo, ho sentito dire da un missionario veterano che le donne sostengono l'Africa. Mi ha detto che ricostruiscono, lottano per andare avanti, creano società di mutuo risparmio per sostenere le piccole imprese che avviano, alzano la voce per chiedere la fine delle guerre....", afferma Africa Gonzalez, giornalista specializzato nel continente nero.

Società in Africa

L'Africa è un continente immenso che si sta sviluppando gradualmente. Negli ultimi anni, la crescita della popolazione è stata di poco superiore al 2 %. Dei 1.216 milioni di abitanti del continente, 40 % hanno meno di 15 anni e 60 % vivono in aree rurali. L'aspettativa di vita è di quasi 60 anni.

Altri dati che mostrano la realtà africana sono: 60 % della popolazione ha accesso all'acqua potabile, 30 % hanno accesso all'elettricità, ci sono 0,7 ospedali e 32 medici ogni 100.000 abitanti e solo 5,2 % della spesa del continente è dedicata alla protezione sociale. In termini di spesa per l'istruzione, questa ammonta a quasi 5 % del Prodotto Interno Lordo.

Preferenza degli uomini rispetto alle donne

La direttrice esecutiva dell'Entità delle Nazioni Unite per l'uguaglianza di genere e l'empowerment, Phumzile Mlambo-Ngcuka, ha ricordato in occasione della Giornata internazionale della donna che "...i diritti delle donne sono un diritto umano fondamentale e un diritto umano fondamentale".Troppe donne e ragazze dedicano un numero spropositato di ore alle responsabilità domestiche; in genere dedicano a questi compiti più del doppio del tempo rispetto agli uomini e ai ragazzi. Si occupano dei fratelli più piccoli, dei parenti anziani, dei familiari malati e delle faccende domestiche.
In molti casi, questa diseguale divisione del lavoro avviene a scapito dell'apprendimento delle donne e delle ragazze e delle loro possibilità di ottenere un lavoro retribuito, di praticare sport o di essere leader civici o comunitari. Ciò determina i modelli di svantaggio e vantaggio relativo, la posizione delle donne e degli uomini nell'economia, le loro competenze e i luoghi di lavoro.".

Questo è uno dei principali problemi delle donne in Africa: la discriminazione di genere. "L'Africa è un continente vasto. L'area mediterranea non coincide con il Sudafrica o l'Africa occidentale con l'Africa orientale. Ci sono Paesi come il Kenya o l'Uganda che sono Stati di stampo più europeo. Ma ci sono anche Paesi come la Somalia, che è uno Stato fallito."spiega l'Africa Gonzalez. Allo stesso modo della direttrice esecutiva, sottolinea il problema della discriminazione nei confronti delle donne: ".Sono stata soprattutto in Africa orientale e le donne devono affrontare una sfida molto grande, quella della discriminazione. Nel caso di una famiglia che ha più figli e non tutti possono andare a scuola, probabilmente deciderà che i maschi saranno istruiti e le femmine resteranno a casa ad aiutare e lavorare in casa.". Nell'Africa subsahariana solo il 41 % dei laureati sono donne.

In termini di attività economica, le donne sostengono la stragrande maggioranza delle attività agricole e commerciali su piccola scala. Nell'80 % dei casi sono le donne a gestire questo tipo di economia informale. Altri dati evidenziati da Mlambo-Ngcuka sono che un terzo delle donne imprenditrici non ha una formazione aziendale e solo il 50 per cento delle imprenditrici ha accesso a finanziamenti e crediti.

Ebele Okoye, farmacista nigeriana e promotrice del progetto sociale AMAD del Women Board, ha evidenziato questo problema in una conversazione con Palabra: "Le statistiche mostrano che le donne sotto la soglia di povertà sono il doppio degli uomini". Okoye, che quest'anno ha ricevuto il premio Harambee Spain per la promozione e l'uguaglianza delle donne africane, sottolinea anche che "nella cultura africana gli uomini tendono ad avere una posizione più privilegiata". Tutti vogliono avere un figlio. Un ragazzo è molto più facilmente accettato e curato di una ragazza. Nel caso della Nigeria, la cultura dà al ragazzo un vantaggio maggiore.".
"In molte culture africane, il maschio è la persona che eredita la proprietà, la persona che può acquistare la terra, prendere decisioni importanti per la famiglia senza bisogno di consultazioni...."Okoye continua a spiegare. "La natura patriarcale della cultura nigeriana è la ragione spesso addotta per il relativo declassamento delle donne, insieme a un mix di credenze culturali e religiose che violano i diritti delle donne.".

Il peso della tradizione

Un altro problema che le donne africane devono affrontare è il peso di alcune tradizioni patriarcali e familiari. Questo include fattori culturali ed eventi in cui le donne non hanno potere decisionale, come matrimoni forzati, mutilazioni genitali o usanze in cui le famiglie e i mariti hanno la voce in capitolo.

Le donne africane lottano contro questo problema da oltre 20 anni. Già nel 1978, la scrittrice e politica senegalese Awa Thiam scrisse La Parole aux Négresses, in cui presentava due fenomeni che colpiscono direttamente le donne: la poligamia e le mutilazioni genitali femminili. Nel documento, ha offerto informazioni raccolte sulla realtà delle donne in alcuni Paesi. Un anno dopo, si è tenuto a Khartoum, in Sudan, il primo seminario sulle pratiche tradizionali che influenzano la salute di donne e bambini, con il sostegno dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Cinque anni dopo è stato fondato il Comitato interafricano sulle pratiche dannose per la salute delle donne e delle ragazze. Questo organismo è una piattaforma per coordinare tutti i programmi portati avanti dalle ONG nazionali che cercano di porre fine alla pratica delle mutilazioni genitali femminili. Attraverso l'organizzazione e la promozione di corsi di formazione, seminari, forum di discussione, ecc. si cerca di porre fine a questa tradizione che interessa diversi Paesi del continente nero.

L'educazione come strumento

I dati dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO) riflettono l'importanza di mantenere gli investimenti nell'istruzione. Alcuni degli indicatori sono i seguenti:
- I Paesi dell'Africa subsahariana spendono in media 22 % della spesa pubblica per l'istruzione;
- Il rapporto per l'istruzione primaria è di 70 %, anche se esistono notevoli disparità tra paesi e regioni;
- Sono stati compiuti progressi significativi nella parità tra bambini e bambine nell'istruzione primaria;
- L'alfabetizzazione è una delle aree in cui sono stati compiuti i maggiori progressi, sia tra i giovani che tra gli adulti, con rapporti rispettivamente di 78 % e 67 %. Sebbene le cifre più basse si registrino nelle aree rurali, e in particolare tra le donne, è degno di nota il fatto che l'alfabetizzazione femminile stia crescendo nell'Africa subsahariana, a un tasso di 3,81 TTP3T tra gli adulti, e ancora più velocemente tra le giovani donne;
- La preferenza degli uomini rispetto alle donne, i tassi di povertà, la mancanza di risorse... sono alcune delle barriere che le donne africane devono affrontare per ottenere un'istruzione.

Nelle parole del promotore del progetto sociale di AMAD, Ebele Okoye: "Per quanto mi riguarda, credo che alcuni dei problemi che le donne africane devono affrontare possano essere migliorati e risolti attraverso l'istruzione. L'istruzione non è una garanzia, ma una donna istruita ha spesso maggiori probabilità di conoscere e lottare per i propri diritti. Sono anche in grado di avere una certa indipendenza per sviluppare la propria vita e la propria carriera.".

Nella stessa ottica, Africa Gonzalez descrive i benefici dell'istruzione e della formazione formale: "Uno studio dell'Organizzazione Mondiale della Sanità evidenzia che più le donne completano l'istruzione secondaria, meno è probabile che le loro famiglie soffrano di malnutrizione, perché sono più in grado di capire come accudirli, nutrirli... Si rendono conto dell'importanza della salute e hanno un accesso più facile a questi servizi.".

Ma non è solo l'istruzione accademica a dover cambiare. Okoye spiega che "l'istruzione è importante sia per le donne che per gli uomini. Oltre all'istruzione formale. Penso anche che dovremmo guardare al modo in cui i bambini vengono generalmente educati in Africa. Grazie all'educazione ricevuta, alcuni uomini si sposano e pensano di avere qualcuno che faccia da cuoco, da lavandaio... La maggior parte di queste mansioni sono considerate solo femminili e a volte è quasi un tabù vedere uomini che svolgono uno di questi compiti per gestire la propria famiglia.". In questo modo, Okoye spiega la necessità di un riorientamento sociale, soprattutto nelle aree rurali.

L'ascesa delle donne nella società

"Il mondo sta iniziando a riconoscere il ruolo delle donne nella società, come dimostra la maggiore attenzione dimostrata a livello globale verso la creazione di una parità tra uomini e donne.", osserva Ebele Okoye. "È dimostrato da secoli e in ogni Paese che le donne possono detenere il potere e esercitarlo bene. Rispetto al numero di uomini che occupano posizioni di significativa autorità, i numeri grezzi possono non rispecchiarlo, ma la tendenza sta cambiando.".

Nel 2006, Ellen Johnson Sirleaf è diventata presidente della Liberia, come già detto. Fatou Bensouda è il procuratore capo della Corte penale internazionale dal 2012. Ameenah Gurib-Fakim è presidente di Mauritius dal giugno 2015. Nel 2004, la keniota Wangari Maathai ha vinto il Premio Nobel per la pace. Il Ruanda ha l'unico parlamento al mondo in cui le donne sono in maggioranza e in Sudafrica il 40 % dei seggi è occupato da donne. Questi sono solo alcuni esempi del cambiamento in atto in Africa negli ultimi decenni.

La donna pilastro dell'Africa

"In Nigeria c'è un detto: "Se dai potere a una donna, dai potere a una società". Le donne sono potenti nel costruire relazioni e influenzare la vita di molte persone."Okoye sottolinea.

Le donne in Africa stanno facendo grandi passi avanti nella loro normalizzazione sociale nei vari ambiti pubblici. Come sottolinea la farmacista nigeriana: "Le donne in Africa stanno facendo grandi passi avanti nella loro normalizzazione sociale in vari ambiti pubblici.Anche se oggi le donne lavorano fuori casa, molte di loro hanno la forza interiore di continuare a essere il sostegno della famiglia, degli amici... Sono loro che si prendono cura del concetto di famiglia in Africa. Un concetto molto ampio e molto forte. Ma devono comunque lavorare per soddisfare le esigenze sempre crescenti della vita moderna.".

"Come si può vedere dai dati, la metà della popolazione africana è composta da donne. Se le donne sono così tante, non possono essere trascurate se si vuole che la società funzioni bene. L'intera società africana è sostenuta dal pilastro delle donne. Se togliessimo un supporto, sarebbe come stare in piedi su un piede solo.", riflette il promotore del progetto AMAD. "Se questo supporto venisse rimosso, quale sarebbe il risultato?".

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.