Esperienze

Consigli pratici per gli insegnanti di religione

Omnes-30 dicembre 2016-Tempo di lettura: 6 minuti

Con l'inizio dell'anno scolastico, l'incertezza politica dominante sta generando una grande instabilità educativa. Non si sa cosa ne sarà della LOMCE, ma con o senza di essa, la collocazione accademica della Religione non è ancora ben risolta e gli insegnanti soffrono per la riduzione degli orari a causa di scelte ideologiche che non rispettano la volontà dei genitori. E gli insegnanti soffrono per la riduzione dell'orario a causa di scelte ideologiche che non rispettano la volontà dei genitori. Quali sono le raccomandazioni pratiche da fare?

- Dionisio Antolín Castrillo

Delegato diocesano per l'educazione a Palencia

Mentre mi accingo a scrivere questo articolo rivolto agli insegnanti di Religione e con l'inizio dell'anno scolastico alle porte, si scopre che la Spagna ha già vissuto due elezioni generali e i risultati e la conseguente composizione e distribuzione dei seggi in Parlamento dipingono un quadro davvero complesso: un governo in carica e un mandato popolare ai partiti politici per dialogare, negoziare e accordarsi e, sulla base del patto, dare alla Spagna un governo.

La continuità nell'applicazione della Legge Organica per il Miglioramento della Qualità dell'Educazione (LOMCE) dipenderà in larga misura dal governo che si formerà. Le prospettive non sono buone. Ed è difficile credere che verrà mantenuto così com'è.

C'è stato un tempo in cui i partiti politici sembravano disposti a costruire ponti e consenso nel campo dell'istruzione, rispondendo così alle richieste sociali. Ma quel periodo è passato e gli atteggiamenti variano molto. Se il Partito Popolare (PP) forma un governo, la sua LOMCE è e deve essere il punto di partenza, ma dovrà ripensare e ritardare la sua applicazione in aspetti che in alcune regioni autonome non sono ancora sviluppati, in altre sono rallentati e, naturalmente, vengono applicati con molte difficoltà, anche in quelle comunità con governi del PP. Se il Partito Socialista (PSOE) formerà un governo, la LOMCE sarà la prima cosa che abrogherà, come ha ripetutamente annunciato, anche se avrebbe serie difficoltà a far passare una nuova legge, anche a causa della maggioranza assoluta del PP al Senato,

Adattamento accademico

Non mi piace sentire nei talk show televisivi o leggere negli articoli di giornale che è necessario eliminare la collocazione accademica della materia della religione come condizione per migliorare il sistema educativo. Paradossalmente, da quanto ho letto di recente, le proposte educative vanno nella direzione opposta: i Paesi che compongono l'OCSE propongono che il test PISA 2018 includa, oltre alle prove già note di matematica, lettura e scienze, un questionario che analizzi gli atteggiamenti degli studenti quindicenni e valuti la loro competenza globale a vivere in un mondo inclusivo in cui la diversità culturale e religiosa sia riconosciuta e rispettata. Certamente, ora dobbiamo concordare sulla necessità di dotare gli studenti degli strumenti per gestire un futuro in evoluzione, in cui le soluzioni scientifiche e tecniche non saranno sufficienti e in cui saranno necessarie chiare scelte etiche. Oggi la presenza della religione nelle scuole pubbliche ha più senso ed è più che mai necessaria. La scuola è il luogo in cui il riconoscimento della diversità religiosa deve essere articolato nel curriculum, in dialogo con le altre materie. Dobbiamo continuare a chiedere che il sistema educativo che ignora la dimensione spirituale o che non ha uno spazio accademico per accogliere la diversità culturale e religiosa non è un sistema educativo migliore.

Calendario di attuazione della LOMCE

D'altra parte, il LOMCE sta procedendo e sta rispettando il calendario dei corsi mancanti.

Conosciamo già le normative statali e regionali per tutti i livelli della scuola dell'obbligo e, quindi, il diverso carico didattico per ogni corso. Il trattamento molto diverso riservato al tema in ciascuna Comunità autonoma ha portato insegnanti, professori, genitori, delegati diocesani e vescovi a uno sconfortante disorientamento. Ci sono stati numerosi appelli ai tribunali e le sentenze sono state favorevoli. Ma dobbiamo continuare a denunciare affinché il Ministero rispetti la legge, esigendo dalle regioni autonome un carico di insegnamento decente e che la religione sia insegnata con la qualità pedagogica richiesta per le altre materie.

Stabilità degli insegnanti

I docenti che insegnano religione, lavoratori del settore pubblico come tutti gli altri con la stessa preparazione e coinvolgimento., non può diventare dispensabile sulla base di scelte ideologiche unilaterali, non concordate con la comunità, e chiaramente non condivise da tanti genitori che, come dimostrano le statistiche, ogni anno scelgono la materia della religione per i propri figli.

In mezzo ci sono i delegati diocesani per l'educazione, ai quali i dipartimenti per le risorse umane di ogni comunità autonoma comunicano le esigenze educative delle scuole di quella diocesi e chiedono le loro proposte per gli insegnanti. Con veri e propri giochi di prestigio e con grande sofferenza, cerchiamo di rendere compatibile la riduzione delle ore di insegnamento nelle scuole primarie con il numero di insegnanti che abbiamo in organico. A volte i pensionamenti sono stati la soluzione. Ma è stata la solidarietà tra il personale docente, che ha perso tutti per non lasciare nessuno senza lavoro, a fare da apripista. Tutto questo con il rischio di avere solo professionisti part-time.

Curriculum

Abbiamo già un curriculum di religione cattolica per tutti i livelli di istruzione (primaria/secondaria/baccalaureato), che si inserisce perfettamente nel quadro pedagogico della LOMCE. Un curriculum che sottolinei la legittimità e la logica della religione nel quadro dell'educazione olistica e del suo contributo educativo (questa prospettiva è più pedagogica e non si basa tanto sugli accordi tra Chiesa e Stato e sul diritto delle famiglie).

È un curricolo che assume il quadro curricolare della LOMCE, collegando i contributi dell'insegnamento della Religione alle finalità proprie della scuola, presentando l'apprendimento per competenze e affermando che la Religione assume come punto di partenza gli obiettivi fissati per ogni fase dello sviluppo delle varie competenze.

Un curriculum che struttura i contenuti in quattro blocchi che riuniscono le conoscenze antropologiche cristiane accumulate nel corso dei secoli. Si spiega che i quattro blocchi comprendono concetti, procedure e atteggiamenti orientati al raggiungimento degli obiettivi della fase.

Per inciso, la risoluzione ministeriale del 13 febbraio 2015, che ordina la pubblicazione del nuovo piano di studi, afferma che gli studenti dell'esame di maturità che ne fanno richiesta hanno il diritto di ricevere l'insegnamento della religione cattolica; che spetta alla gerarchia determinare il contenuto di tale insegnamento, così come la determinazione del piano di studi e degli standard di apprendimento valutabili che consentono di verificare il raggiungimento degli obiettivi e l'acquisizione delle competenze corrispondenti alla materia della religione; che la Religione Cattolica sia inclusa come area o materia nei livelli educativi corrispondenti; che sia obbligatoria per tutti i centri e volontaria per gli alunni; che le decisioni sull'uso dei libri di testo e dei materiali didattici e, se del caso, la supervisione e l'approvazione degli stessi siano di competenza dell'autorità religiosa.

Il turno dell'insegnante

Il compito spetta ora al singolo insegnante. È l'ultimo gradino su cui si concretizza il curriculum. Su di loro e sulla loro dedizione si basa, in larga misura, ciò che la materia rappresenta nei centri educativi. È quindi necessario realizzare l'aggiornamento pedagogico che il momento richiede. È qui che le delegazioni didattiche diocesane dovrebbero essere attente. E propongo alcuni possibili compiti:

-Credo sia necessario conoscere il nuovo quadro curricolare della LOMCE per le conseguenze e l'impatto significativo sui programmi didattici e sul modo di insegnare d'ora in poi. In particolare, l'ordinanza ECD/65/2015, del 21 gennaio 2015, sulla relazione tra le componenti del curriculum, aiuterà a comprendere il posto delle materie, compresa la religione, nel nuovo quadro pedagogico della LOMCE, dove sono tutte collegate al raggiungimento degli obiettivi della tappa e delle competenze chiave.

-Il nuovo curriculum di religione per le tre fasi in cui è stato rinnovato in occasione della LOMCE cerca di giustificare le ragioni dell'insegnamento della religione nel sistema educativo. Credo che valga la pena di leggere o rileggere il documento episcopale del 1979 sull'identità scolastica dell'insegnamento della religione. È un documento chiave, redatto in un momento chiave.

Logicamente, una buona sintesi teologica del messaggio cristiano è sempre una sfida essenziale nella formazione iniziale e continua degli insegnanti di religione.. Ci sono materiali molto buoni; oltre a quelli della Conferenza episcopale spagnola, già noti, ce ne sono altri che aprono nuove prospettive di accesso. Penso che quello della casa editrice Verbo Divino sia molto buono, Un Dio all'opera nella storia (Ci sono tre piccoli libri: Antico Testamento; Gesù Cristo; Chiesa. Affronta l'argomento a partire dai testi, con un linguaggio semplice, nella prospettiva del lavoro di gruppo, ecc.)

In breve. Ne sono convinto. Al di là delle incertezze politiche, delle leggi, dei neologismi pedagogici con cui si giustificano le riforme, dei tagli, di tante cose... quello che l'insegnante di religione trova sono alunni, vite in costruzione che chiedono il meglio di loro, e so che la maggior parte di loro - se non tutti - fa di tutto per darlo. E sono convinti che l'educazione serva come preludio, accompagnamento e semina, per poter poi raccogliere una risposta personale e matura alla trascendenza o all'adesione a Gesù Cristo.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.