Attualità

"Dublino diventerà la capitale delle famiglie".

Giovanni Tridente-30 maggio 2018-Tempo di lettura: 8 minuti

"Tutto è pronto perché Dublino diventi la capitale delle famiglie". Il cardinale Kevin Farrell, da quasi due anni alla guida del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita, racconta in questa intervista per Palabra gli ultimi preparativi per l'Incontro Mondiale delle Famiglie, che si terrà a Dublino dal 21 al 26 agosto con la partecipazione di Papa Francesco.

Testo - Giovanni Tridente, Roma

Offre inoltre una riflessione pacata e ragionata su vari aspetti dell'Esortazione Amoris laetitia, su come le famiglie devono incidere sul mondo di oggi e su quale contributo può e deve venire dallo "sguardo femminile" nella Chiesa. Di origine irlandese, ha studiato all'Università di Salamanca, in Spagna, e alla Gregoriana e all'Angelicum di Roma, conseguendo un Master in Business Administration all'Università di Notre Dame (USA).

Nel 1966 è entrato nella congregazione dei Legionari di Cristo e ha svolto la sua attività pastorale in Messico e a Washington, dove è stato incardinato nel 1984. Nel 2001 è stato nominato vescovo ausiliare di Washington e nel 2007, prima di essere chiamato in Vaticano, è stato promosso a vescovo di Dallas. Papa Francesco lo ha creato cardinale il 19 novembre 2016, in occasione della chiusura del Giubileo straordinario della Misericordia.

Eminenza, mancano già due mesi al grande Incontro Mondiale delle Famiglie di Dublino, come procedono i preparativi?
-L'Incontro Mondiale è sempre un'occasione di grazia. Un momento per proclamare e celebrare la gioia del Vangelo della famiglia. I lavori procedono a ritmo sostenuto in questo tratto finale. Le iscrizioni sono ancora aperte e molte persone continuano a registrarsi. Le delegazioni ufficiali di molti Paesi dei cinque continenti hanno confermato la loro partecipazione e si stanno preparando all'incontro ricevendo e tenendo le catechesi preparatorie predisposte per l'occasione. Tutto è quasi pronto perché Dublino diventi la capitale delle famiglie.

Con l'incontro di agosto, questi incontri celebrano il loro "giubileo d'argento", 24 anni dopo la prima convocazione nel 1994 da parte di San Giovanni Paolo II. Secondo lei, cosa è cambiato da allora?
-È chiaro che la situazione delle famiglie è cambiata negli ultimi anni. Per questo motivo Papa Francesco ha voluto che si tenessero due sinodi, preceduti da una consultazione a 360 gradi sulla famiglia. Anche se nella cultura contemporanea ci sono molte situazioni che non favoriscono la stabilità e la solidità delle famiglie, la vocazione originaria delle persone ad amare e il desiderio di famiglia rimangono immutati. Proprio per questo l'Esortazione apostolica post-sinodale Amoris Laetitia di Papa Francesco, che sottolinea con tanta forza la via caritatis e il pulchrum, sta avendo una tale risonanza e aiuta la Chiesa a rinnovare il suo impegno pastorale verso tutte le famiglie, senza escluderne nessuna.

Pensando proprio ad Amoris laetitia, qual è, secondo lei, il vero segreto di un Vangelo della famiglia che sia gioia per il mondo?
-Come ho appena detto, la chiave è proclamare la gioia dell'amore che ama l'altro per quello che è e cerca il suo vero bene (cfr. AL 127). Amoris Laetitia vede l'autentico amore umano e cristiano come l'unica forza in grado di salvare il matrimonio e la famiglia. Per questo il Papa pone l'amore al centro della famiglia (cfr. AL 67), dandogli grande importanza in tutta l'Esortazione apostolica, specialmente nei capitoli IV e V, dove descrive alcune caratteristiche del vero amore e le applica alla vita familiare sulla base dell'inno alla carità di San Paolo in 1 Cor 13, 4-7 (cfr. AL 90-119).

Come sappiamo, molte iniziative libertarie oscurano la "profezia" insita nella prima cellula della società. Come superare queste gravi crisi globali e quale atteggiamento adottare nei confronti del mondo?
-I cristiani devono essere aperti ad ascoltare le domande che i nostri contemporanei pongono sulle questioni fondamentali dell'esistenza. Il nostro atteggiamento non può essere quello di chi condanna "a priori" ogni nuova proposta o di chi, cercando soluzioni, commette errori. Il Papa ci invita ad essere attenti all'azione dello Spirito Santo che, secondo il suo stesso neologismo, "ci precede". Dobbiamo essere attenti a proporre la dottrina, ma soprattutto la testimonianza della carità e la gioia della vita familiare cristiana. Così, ad esempio, non si può negare che le persone cerchino sempre l'amore, anche se, data la nostra natura decaduta, possiamo sbagliare l'oggetto e il modo di amare. Il Papa ci ricorda che l'amore coniugale è autentico quando è un amore oblativo e spirituale, che comprende allo stesso tempo l'affetto, la tenerezza, l'intimità, la passione, il desiderio erotico, il piacere dato e ricevuto (cfr. AL 120; 123), l'apertura alla procreazione e all'educazione dei figli (cfr. AL 80-85).

D'altra parte, nel dialogo sociale è importante saper offrire ragioni valide dal punto di vista dell'interesse comune e non ripetere sempre il "dovrebbe essere". È necessario mostrare le ragioni che sono consigliabili in vista del bene comune, dell'interesse generale, e sostenere le famiglie affinché possano svolgere il loro importante compito sociale, distinguendo ciò che appartiene alla sfera privata degli affetti da ciò che ha anche un'irriducibile funzione sociale. Questo è soprattutto il compito dei laici, delle famiglie stesse, unite ad altri che, pur non condividendo la loro fede, condividono la stessa preoccupazione per il benessere della società e delle famiglie.

Proseguendo con Amoris laetitia, frutto di due importanti discussioni sinodali, è noto che in alcuni ambienti non è stata ben digerita. Dal vostro punto di vista, quali sono i punti più rilevanti di questo documento, che vale la pena assimilare bene?
-Amoris Laetitia è un documento di grande ricchezza pastorale. Papa Francesco ci offre una pedagogia, comprendendo che la relazione di coppia è un cammino che dura tutta la vita (cfr. AL 325) e che quindi è un cammino che conosce tanto la bellezza e la gioia di essere amati e di amare quanto i difetti e i peccati, le difficoltà e le sofferenze. Deve quindi essere considerata con realismo e fiducia, come una crescita e uno sviluppo progressivi che si realizzano insieme, passo dopo passo, con l'esercizio pratico, paziente e perseverante (cfr. AL 266-267). Il Papa usa un'espressione molto eloquente per riferirsi a questa realtà, dicendo che "l'amore è un mestiere" (AL 221). Questo vale anche per l'educazione dei bambini (cfr. AL 16; 271; 273).

Tutto questo viaggio ha bisogno dell'accompagnamento della Chiesa. Intendo la comunità cristiana, non solo il clero. Credo che questo accompagnamento sia una delle cose più originali della proposta pastorale di Amoris Laetitia, e qualcosa che dobbiamo sforzarci di capire meglio e di trovare i modi giusti per realizzarlo.

All'interno delle Chiese locali ci sono state molte iniziative nel campo dell'accompagnamento delle famiglie nelle varie fasi, dal matrimonio all'arrivo dei figli e fino all'età matura, come richiesto dall'Esortazione. Che ruolo ha avuto il Dicastero in questo campo e cosa sta facendo per continuare a promuovere nuove iniziative?
-La missione del Dicastero è quella di collaborare con il ministero di comunione del Santo Padre. Siamo quindi fondamentalmente al servizio delle Chiese particolari, ascoltando le loro esperienze e le loro preoccupazioni. In questo senso siamo un grande osservatorio che raccoglie esperienze preziose e cerca di farle circolare affinché tutta la Chiesa ne possa beneficiare. Incoraggiamo anche la riflessione degli istituti universitari per la famiglia e ci avvaliamo del loro lavoro. Un altro ambito in cui il Dicastero è particolarmente coinvolto è la ricezione di Amoris Laetitia e la sua traduzione catechistica.

Siamo anche interessati allo sviluppo di un'adeguata pastorale prematrimoniale che, in modo catecumenale, prepari i nostri giovani a vivere l'amore sponsale. Per questo motivo stiamo lavorando a una piattaforma che riunisce una comunità di persone di tutto il mondo che supportano i genitori nella formazione emotiva dei loro figli attraverso corsi, materiali didattici e risorse educative di vario tipo.

Papa Francesco parla in vari toni di una Chiesa in uscita: è possibile dire che ci sono anche "famiglie in uscita", secondo la logica del Papa, e cosa significherebbe?
-L'invito del Papa a essere una "Chiesa in uscita" è un invito rivolto a tutti e a ciascuno dei battezzati, poiché in virtù del battesimo tutti i fedeli sono chiamati all'apostolato, per estendere il Regno di Dio secondo la posizione ecclesiale che ciascuno occupa in base alla sua specifica vocazione e alle circostanze personali. Una "Chiesa in uscita" è quindi una Chiesa in stato permanente di missione. Pertanto, anche le famiglie sono chiamate a non chiudersi in se stesse. Questo è insito nella vocazione cristiana. Devono rimanere aperti ai bisogni degli altri, soprattutto a quegli individui e a quelle famiglie che si trovano in difficoltà per vari motivi, sia esistenziali che materiali. Famiglie che contribuiscono in modo solidale alla costruzione del bene comune.

Anche come soggetti attivi e corresponsabili della missione, le famiglie cristiane sono chiamate a partecipare secondo le loro possibilità ai vari servizi pastorali che possono svolgere, dalla missione "ad gentes", attraverso la catechesi dell'iniziazione cristiana, l'accompagnamento delle giovani coppie di sposi, i consultori familiari, ecc.

Per quanto riguarda la vita, su quali iniziative sta lavorando il Dicastero e come collabora con l'omonima Accademia Pontificia?
-Il nostro Dicastero ha il compito di promuovere il rispetto della dignità della vita di ogni persona umana e di tutta la vita umana, dal concepimento alla morte naturale, da un punto di vista trascendente, che guarda alla persona umana integralmente destinata alla comunione eterna con Dio. In questo senso, il nostro impegno maggiore è quello di promuovere una pastorale integrale e trasversale della vita umana, che non si riduca solo al necessario impegno pro-life e alle sue implicazioni legislative, politiche e culturali.

È necessario sviluppare una prospettiva olistica della pastorale, con i suoi aspetti formativi (catechesi, formazione delle coscienze, bioetica), celebrativi (giornate di preghiera, rosari, veglie, feste della vita) e di servizio (centri di aiuto alla vita, accompagnamento di donne con gravidanze non pianificate, accompagnamento della sindrome da trauma post-aborto, accompagnamento del lutto, ecc. Per questo ci occupiamo della cura degli anziani, della promozione integrale della fertilità, non solo in termini di apertura alla procreazione, ma anche in termini di fertilità spirituale, morale e solidale nell'assistenza ai meno fortunati, nell'adozione, nella cura dei bambini, ecc.

Per volontà di Papa Francesco, ci sono due donne al suo fianco come sottosegretari del Dicastero. Quanto è importante il ruolo delle donne nella Chiesa e nella società?
-Stiamo diventando sempre più consapevoli di quanta energia venga sprecata quando il contributo del genio femminile non viene riconosciuto e promosso al pari di quello degli uomini. Gesù Cristo, nostro Signore, è stato nella sua esistenza storica uno dei più grandi promotori della dignità e dell'uguaglianza della donna; poi, per ragioni storiche la cui analisi esula dallo scopo di questa conversazione, forse alla Chiesa è mancata la "parresia" per trarre tutte le conseguenze della rivelazione cristiana sulla donna. Tuttavia, attualmente si sta riflettendo molto su questo aspetto.

Mi fa piacere ricordare qui, ad esempio, l'interessante riflessione che la Pontificia Commissione per l'America Latina ha svolto nella sua ultima Assemblea Plenaria. Una riflessione che riconosce la ricchezza, la complementarietà e la reciprocità della differenza sessuale, superando così certi femminismi e rivendicando pienamente l'uguaglianza e la differenza di uomini e donne. Il nostro ufficio, oltre al contributo di queste due nuove sottosegretarie, ha anche diverse responsabili, sposate e nubili, consacrate e laiche, che ogni giorno portano la loro ricchezza e il loro carisma femminile alla nostra missione, e abbiamo anche un dipartimento che si occupa della promozione delle donne, in modo che possano contribuire con il loro approccio femminile alle diverse situazioni e scelte che devono essere fatte per favorire la missione e costruire la comunione ai diversi livelli decisionali.

Lo sguardo femminile è necessario oggi più che mai per sviluppare una Chiesa con atteggiamenti materni, come il Papa ci invita continuamente a fare: la rivoluzione della tenerezza, le viscere della misericordia e l'approccio pastorale della cura e dell'accompagnamento, che si fa carico delle situazioni concrete delle persone.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.