Attualità

Dieci anni di GMG a Madrid: una manifestazione di fede per la Spagna e per il mondo

Nel decimo anniversario della Giornata Mondiale della Gioventù di Madrid, ricordiamo la cronaca di quei giorni che furono un terremoto spirituale per la Spagna e per il mondo.

Henry Carlier-16 agosto 2021-Tempo di lettura: 12 minuti
GMG di Madrid. Messa a Cuatro Vientos con Papa Benedetto XVI.

Gli effetti benefici del grande terremoto spirituale che ha colpito la Spagna dieci anni fa si fanno ancora sentire. Madrid, il suo epicentro, è stata sommersa da quasi due milioni di giovani pellegrini. Tuttavia, non ci sono state vittime o incidenti. È stata una settimana indimenticabile per questa nuova generazione di Benedetto XVI, che ha goduto appieno dell'incontro con Cristo, con il Papa e con la meraviglia dell'universalità e della comunione della Chiesa. 

Sono passati dieci anni da quella Giornata Mondiale della Gioventù (GMG). Non è più il momento di ripercorrere ciò che tutti hanno potuto seguire in diretta, in televisione o leggendo la stampa. È tempo, piuttosto, di fare un bilancio e di trarre conclusioni su ciò che questo grande evento di grazia e di grazia ci ha portato. -che alla fine ha superato tutte le previsioni- ha significato per la vita della Chiesa e, in particolare, per la Spagna, il Paese ospitante.

La valutazione del Papa

Il 24 agosto, Benedetto XVI, già a Castelgandolfo, ha dato il suo personale giudizio sulla GMG. Ha sottolineato che la GMG è stata una "Una celebrazione indimenticabile, una meravigliosa manifestazione di fede per la Spagna e per il mondo", dove i giovani hanno potuto "per riflettere, dialogare, scambiare esperienze positive, pregare insieme e rinnovare lo sforzo di dedicare la propria vita a Cristo".

Ha inoltre sottolineato la La "formidabile esperienza di fraternità che circa due milioni di giovani vi hanno vissuto con gioia". E si ricordò di come quel La "folla festosa di giovani non si è lasciata intimidire dalla pioggia o dal vento". 

La valutazione del Cardinale Rouco

Il 23 agosto, anche il cardinale arcivescovo di Madrid, Antonio María Rouco Varela, ha dato la sua personale valutazione. Ha detto che la GMG è stata, soprattutto, "una grande celebrazione della fede - e della gioia che nasce dalla fede - dei giovani della Chiesa".in cui "È stata data una testimonianza a Cristo di enormi dimensioni e intensità". 

In giornata, l'arcivescovo di Madrid ha aggiunto, "La comunione che esiste all'interno della Chiesa è stata vissuta in modo molto speciale; abbiamo visto tanti giovani vivere una comunione nella fede, nella speranza e nella carità. Poi è diventato visibile nel dare e sacrificarsi l'uno per l'altro".

Ha sottolineato che l'edizione di Madrid "ha rafforzato la convinzione che queste Giornate fanno ormai parte della vita della Chiesa, come strumento per la missione della Chiesa nell'evangelizzazione dei giovani".. Ha anche sottolineato che hanno partecipato più sacerdoti che in qualsiasi altra GMG (circa 15.000), quasi raddoppiando i numeri precedenti, soprattutto il clero giovane. Anche il numero di cardinali e vescovi (800) che sono venuti è stato superiore.    

La GMG della confessione

Con dati statistici approssimativi, il cardinale Rouco Varela ha confermato a questo giornalista che la GMG di Madrid potrebbe passare alla storia come la GMG della confessione: "Solo nei 200 confessionali installati nel Parco del Retiro si sono confessati più di 40.000 fedeli".ha detto. "E contando le confessioni nelle parrocchie di Madrid, nei luoghi di catechesi, nell'adorazione del Santissimo Sacramento e, naturalmente, a Cuatro Vientos". (in particolare intorno alle 17 tende-capsule eucaristiche), "la cifra potrebbe raggiungere diverse centinaia di migliaia". 

In nessun'altra GMG i giovani si sono avvicinati al sacramento della Riconciliazione come in questa. La celebrazione quotidiana del perdono nel Parco del Retiro è stata sicuramente uno dei maggiori successi del comitato organizzatore. La visita del Papa al sito, la mattina del 20, per ascoltare le confessioni di quattro giovani, ha anche sottolineato l'interesse del Santo Padre nel garantire che la pratica del sacramento della confessione sia effettivamente qualcosa di pienamente incorporato nelle Giornate Mondiali della Gioventù.

Alcuni sacerdoti, notando il flusso costante di penitenti durante la GMG, hanno concluso che forse la pratica della confessione non è sempre un problema per i fedeli. Infatti, come è successo alla GMG, quando ci sono molti sacerdoti disponibili ad ascoltare le confessioni, molti giovani vengono in massa. 

Due sacerdoti colombiani hanno allestito dei confessionali portatili a Cuatro Vientos. Dopo aver assistito diversi penitenti in quell'area, qualcuno del loro gruppo venne a chiedere la loro presenza. Sono stati poi visti camminare tra la folla con i confessionali sulle spalle.

Antonio, un altro sacerdote che ascoltava le confessioni a Cuatro Vientos, fece notare a un giovane penitente delle Canarie che anche lui era originario delle isole. Il ragazzo portò poi a confessarsi tutto il gruppo che era venuto con lui dalle Canarie. 

Emilio Úbeda, il falegname ed ebanista di Avila che ha realizzato i 200 confessionali del Retiro, su progetto dell'architetto Ignacio Vicens, ha dichiarato "Molto orgoglioso come cattolico". del suo contributo a questa festa del perdono, e anche che "Benedetto XVI userà un confessionale di sua creazione".Il confessionale è, tra l'altro, un po' diverso dagli altri, per garantire ancora di più il carattere riservato del sacramento.

L'Arcivescovado di Madrid ha giustamente concesso il permesso a tutti i sacerdoti affinché, durante i giorni della GMG a Madrid, potessero rimettere, all'interno del sacramento della penitenza, la scomunica ai sacerdoti. latae sententiae corrispondente al reato di aborto procurato. La Penitenzieria Apostolica ha inoltre concesso l'indulgenza plenaria a tutti i fedeli che partecipano a una celebrazione sacra o a un atto di pietà a Madrid durante la GMG.

Clima di preghiera

Oltre al fenomeno delle confessioni, molti sono stati colpiti dall'intenso clima di preghiera di alcuni momenti della GMG. Durante la Veglia di sabato sera 20, le persone di tutto il mondo sono state sopraffatte dal fragoroso silenzio che è sceso a Cuatro Vientos quando il Santissimo Sacramento è stato esposto nel maestoso ostensorio di Arfe. Un milione e mezzo di persone hanno venerato inginocchiate sulla terra umida. Raramente si è assistito a un'esposizione così massiccia del Santissimo Sacramento.

In una sezione in fondo al campo di volo, i giovani non hanno potuto né vedere né sentire il Papa: lo schermo vicino e il sistema di diffusione sonora si erano guastati. Tuttavia, hanno pregato con grande intensità davanti al Santissimo Sacramento esposto nelle vicine tende-cappella dalle 11 del mattino fino alle 2 di notte.     

L'atmosfera di preghiera nell'adorazione ininterrotta del Seminario di Madrid era simile, così come nella cappella degli esercizi spirituali gestita dalle Missionarie della Carità e in altri luoghi di Madrid. 

La GMG della Settimana Santa

Con l'aiuto dell'immaginario spagnolo e delle radicate tradizioni di pietà popolare che si vivono durante la Settimana Santa, la GMG di Madrid ha reso molto facile ai giovani entrare nell'atmosfera della Via Crucis, che è quella della Passione di Cristo, venerdì 19. Questo è stato un altro dei grandi successi dell'organizzazione. Non solo i giovani pellegrini della GMG, ma anche gran parte della popolazione di Madrid si è riunita intorno al Paseo de Recoletos.

Víctor, un giovane professionista che non aveva ancora visto il Papa da vicino, ha invitato tre suoi amici - uno dei quali è un dirigente di una grande multinazionale - a vederlo passare in Plaza de Colón e poi, dopo la Via Crucis, ad assistere alle processioni pasquali. Con loro c'era anche la fidanzata di uno di loro. Durante l'attesa a Colón, la conversazione si è incentrata sulla figura del Papa e su alcuni aspetti della dottrina della Chiesa. Tutti erano molto ricettivi: erano commossi e piacevolmente sorpresi dalla folla di giovani.     

La GMG sui social media

La GMG di Madrid si è distinta anche per altri aspetti. È stata, ad esempio, una GMG molto mediatica, con 5.000 giornalisti accreditati per coprire l'evento (2.900 spagnoli). Solo in Spagna, 15 milioni di telespettatori hanno seguito gli eventi della GMG (34 % del pubblico).

Madrid è stata senza dubbio la GMG dei social network (Twitter, Facebook, Tuenti). Nessuna GMG precedente si è mai impegnata così tanto per essere presente su questi canali di comunicazione. Quasi 350.000 utenti di Internet hanno seguito la GMG sui social media. I profili ufficiali della GMG sono apparsi in più di venti lingue. Nei sette canali che la GMG aveva a disposizione a YouTube video ha superato 1,2 milioni di visualizzazioni. 

La GMG della crisi

La GMG di Madrid è stata caratterizzata anche dal fatto che si è svolta in un contesto di grave crisi economica, con cifre molto alte di disoccupazione giovanile. Forse è per questo che alcuni gruppi erano molto riluttanti a organizzare l'evento e si sono opposti ostinatamente a qualsiasi minimo finanziamento statale. Questa opposizione non aveva molto senso, perché il Comitato organizzatore della GMG e le amministrazioni pubbliche coinvolte (lo Stato, la Comunità autonoma e il Comune di Madrid) avevano già previsto che la GMG fosse esente dal denaro dei contribuenti. 

L'indiscutibile successo dell'evento ha infine superato queste perplessità: è apparso chiaro che la GMG non solo non è costata nulla alle amministrazioni, ma ha generato ricchezza. 

Secondo i calcoli del governo regionale, la GMG ha aggiunto 148 milioni di euro al PIL regionale. La Confederazione del Commercio di Madrid ha stimato che del biglietti 39 milioni di euro sono stati ricavati per il settore alberghiero e della ristorazione. L'occupazione alberghiera in quei giorni ha raggiunto il 70 %, 30 punti in più rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

La Confederazione dei datori di lavoro di Madrid ha indicato che la GMG ha generato 3.000 posti di lavoro diretti e 7.000 indiretti. Nella metropolitana di Madrid sono stati registrati 10,4 milioni di viaggi (62 % in più rispetto alla settimana precedente e 4 milioni di passeggeri in più).

La GMG in cifre

    1,9 milioni di persone a Cuatro Vientos

    500.000 iscritti (193 paesi)

    30.000 volontari

    14.000 sacerdoti

    800 vescovi

    5.000 giornalisti

    4.000 persone disabili

    350.000 follower sui social network

    300 eventi culturali

    200 confessioni al Ritiro

    68 stand alla Fiera delle Vocazioni

Dei 50,5 milioni di euro di budget per la Giornata, 31,5 milioni di euro sono stati coperti dalle iscrizioni dei pellegrini, in gran parte provenienti dall'estero; 16,5 milioni di euro sono stati finanziati da sponsorizzazioni di aziende private; e quasi 2,5 milioni di euro sono stati finanziati da donazioni di privati, contributi pubblici e aziende private. smse altri prodotti in vendita.

Inoltre, per le persone di fede, l'uso di mezzi finanziari da parte della Chiesa, quando necessario, è abbastanza comprensibile. Basti ricordare la scena evangelica in cui Gesù Cristo stesso acconsentì a Gerasa a gettare in mare un'enorme mandria di maiali dopo aver scacciato la legione di demoni di un uomo. Metteva al primo posto il bene spirituale di quella persona, anche se ciò significava una perdita economica per i pastori della zona. Perché l'ordine della grazia viene prima dei beni materiali.

Benedetto XVI, commosso

Il Cardinale Rouco ha commentato che "Benedetto XVI aveva vissuto quei giorni con grande intensità e gioia". In molti momenti della GMG l'ho visto visibilmente commosso. Di tutti loro ha detto "La veglia a Cuatro Vientos; quei 20 minuti di diluvio: se c'era qualcuno che non voleva lasciare i giovani nonostante il tempo inclemente, era il Papa. Si chiedeva solo se non fosse il caso di accorciare il discorso, perché il vento gli impediva di leggerlo".

Anche il Santo Padre si è commosso durante la Messa domenicale, "soprattutto per quei momenti di raccoglimento e di silenzio". Secondo il cardinale di Madrid, "Il Papa è rimasto piacevolmente sorpreso anche dalla musica delle cerimonie; si è interessato ai musicisti dell'orchestra e del coro della GMG, con un sottofondo di lodi. Mai prima d'ora una GMG aveva avuto un'orchestra e un coro propri, composti da volontari.

Il Papa è stato anche colpito dall'incontrare per le strade tanti madrileni che erano rimasti a Madrid per vederlo. Il Cardinale Rouco ha commentato che "In molte occasioni, la papamobile ha viaggiato a velocità molto bassa, in modo che Benedetto XVI potesse passare più tempo con la gente".

Un padre incoraggiante ed esigente

Benedetto XVI, oggi 84enne, "Si è comportato come un vero padre per tutti".. Yago de la Cierva, direttore esecutivo della GMG, ha raccontato un aneddoto al riguardo. Una coppia di Tenerife si è recata a Madrid, in coincidenza con la GMG, per ricevere cure mediche per il figlio di quattro anni gravemente malato. Sebbene non avessero pianificato di farlo, qualcuno li ha incoraggiati a recarsi alla Nunziatura. Lì il Santo Padre ha saputo del caso e ha trovato il tempo di riceverli.

I messaggi che Benedetto XVI ha rivolto specificamente ai giovani durante il suo soggiorno di 78 ore a Madrid sono stati semplici, chiari ed esigenti. Appena scesi dall'aereo, il Papa li ha incoraggiati ad affrontare le sfide attuali (superficialità, consumismo, edonismo, mancanza di solidarietà, corruzione e disoccupazione) appoggiandosi a Dio, senza che niente e nessuno tolga loro la pace; senza che nessuna avversità li paralizzi, senza paura del mondo, del futuro o della propria debolezza.

Chiedeva loro di non vergognarsi del Signore e di basare la propria vita su Colui che ci ha sempre amato e ci conosce meglio di chiunque altro. Li ha avvertiti che non è possibile credere senza essere sostenuti dalla fede degli altri; che la Chiesa ha bisogno di loro, ma anche loro hanno bisogno della Chiesa; che non è possibile seguire Gesù da soli e che quindi devono amare la Chiesa. Li ha incoraggiati a considerare seriamente la santità e a respingere la tentazione di considerarsi degli dei e di pensare di non aver bisogno di radici e fondamenti diversi da sé. 

Benedetto XVI ha insistito con i giovani sul fatto che la donazione di Cristo sulla Croce richiede una risposta generosa e significa non chiudere gli occhi di fronte al dolore degli altri.  

Ha anche ricordato che la fede non si oppone agli ideali più elevati, ma al contrario li esalta e li perfeziona. E ha chiesto loro di non accontentarsi di meno della Verità, dell'Amore e di Cristo.

Ha invitato i giovani a rimanere nell'amore di Cristo, perché credere significa entrare in un rapporto personale con Gesù e in comunione con gli altri. 

Infine, Benedetto XVI ha chiesto ai giovani di non tenere Cristo per sé, ma di comunicarlo agli altri; e di lasciarsi guidare dal Signore a fare volontariato al suo servizio.

Un giovane molto speciale

Spetta ora ai giovani, una volta tornati alla loro vita ordinaria, rispondere a queste richieste del Papa. Durante la GMG, la stragrande maggioranza di loro ha dato una testimonianza eloquente, almeno visibilmente, della loro buona disposizione. Il cardinale Rouco Varela lo ha suggerito quando ha sottolineato la testimonianza di cordialità, di spirito di servizio, di convivenza che hanno dato, una caratteristica di tutte le GMG. In nessuno di essi si sono verificate turbative delle regole di convivenza. 

Il Cardinale ha sottolineato che a Madrid sono stati fatti dei progressi su questo punto, perché anche se i pellegrini sono stati provocati questa volta, "Si sono comportati sempre con spirito cristiano, senza rispondere alle provocazioni"..

Commentando l'assenza di incidenti e l'esiguo numero di pellegrini rimasti negli ospedali di Madrid al termine della GMG (cinque in totale, di cui uno malato di cancro all'arrivo a Madrid), ha anche riconosciuto che è stato notato "La speciale provvidenza di Dio per la GMG".

I giovani sotto i riflettori

Per il cardinale di Madrid e per molti altri, la cosa più notevole della GMG sono stati senza dubbio i giovani pellegrini stessi e la testimonianza di fede e di gioia che hanno dato dal momento del loro arrivo fino alla partenza. 

De la Cierva ha commentato che "alcune personalità pubbliche sono scese in strada, mimetizzate con occhiali e berretti, per vedere con i propri occhi il magnifico e confortante spettacolo di questa gioiosa gioventù che ha cambiato per qualche giorno il volto di Madrid.". Era davvero uno spettacolo da vedere. Questo è stato, infatti, "La gioventù del Papa", mentre i giovani stessi gridavano divertiti; oppure "la generazione di Benedetto XVI", come li ha descritti l'arcivescovo di Madrid nella Messa di apertura della GMG. 

Tracciando un bilancio delle intense giornate trascorse a Madrid, Yago de la Cierva ha sottolineato la "l'esempio di civiltà e la capacità dei pellegrini e dei volontari di soffrire il caldo". Il 20 agosto i giovani si sono confrontati con "Il giorno più caldo dell'estate e nel luogo più caldo della comunità di Madrid". 

Tuttavia, Juan, studente universitario e volontario in una delle tende della cappella, era sempre attento affinché i sei o sette sacerdoti che passavano ore a confessare ai lati dell'altare potessero bere acqua di tanto in tanto. Un sacerdote ha chiesto con sorpresa a un altro sacerdote dove fossero stati formati questi volontari straordinariamente utili, che incoraggiavano anche le persone a confessarsi.

Nonostante il caldo, non si sono persi d'animo. Hanno persino incoraggiato gli altri. È il caso di due ragazze del Kazakistan che, dopo aver pregato in una delle tende, hanno salutato un sacerdote e un seminarista che si trovavano lì, piuttosto stanchi, e dopo aver usato il linguaggio universale del sorriso, hanno regalato a ciascuno un "mini-libro" con perline colorate.   

Il comportamento esemplare dei giovani ha consentito di "Non sono stati registrati incidenti a Cuatro Vientos, un fatto notevole dato l'enorme numero di persone che vi si erano riunite". e che lo sgombero del campo d'aviazione è stato effettuato con sorprendente rapidità e ordine.

Non è eccessivo che il Sámur abbia assistito 2.500 giovani durante la GMG, tenendo conto delle condizioni calde in cui si è svolta e dello straordinario numero di partecipanti. I responsabili del Sámur hanno commentato a questo proposito che si è trattato dell'evento più grande e più lungo che abbiano mai avuto, e che non hanno assistito a nessun caso di intossicazione da alcol di nessun giovane alla GMG.

Una GMG con novità

La GMG di Madrid è stata anche l'occasione per il Santo Padre di annunciare la sua decisione di dichiarare San Giovanni d'Avila, patrono del clero secolare spagnolo, Dottore della Chiesa universale. Benedetto XVI ha approfittato della Santa Messa celebrata per 1.500 seminaristi nella Cattedrale dell'Almudena per dare questo annuncio.  

Originali rispetto alle altre GMG sono stati anche gli incontri che il Papa ha tenuto a El Escorial con 1.600 giovani religiose e 1.000 giovani professori universitari. Il cardinale Rouco, riferendosi a questi incontri, ha commentato divertito che, contrariamente a quanto potrebbe sembrare, "I professori universitari erano meno attenti alla forma rispetto alle suore".

Una GMG fruttuosa

Sabato 20 agosto. Mancano appena due ore al momento in cui Benedetto XVI si unirà a 1,5 milioni di giovani nella Veglia della GMG. Una ragazza di Salamanca, con l'aspetto di una scolaretta, parla con un sacerdote in una delle 17 cappelle allestite nell'aeroporto di Cuatro Vientos. Gli dice che in ottobre entrerà in un convento di clausura a Huesca.

Aneddoti come questo, non rari alla GMG, ci fanno pensare che i primi frutti di questi giorni abbiano già cominciato a essere raccolti sotto forma di vocazioni. Ciò è stato confermato dall'incontro vocazionale che il Cammino Neocatecumenale ha organizzato nella Plaza de Cibeles il pomeriggio del 22 agosto. Secondo la polizia, l'incontro, che è diventato una tradizione della GMG, ha attirato 210.000 persone. Kiko Argüello, iniziatore del Cammino, circondato da quasi un centinaio di cardinali e vescovi, aveva chiesto le 20.000 vocazioni necessarie per evangelizzare la Cina. Ha pregato e chiesto di pregare affinché Dio susciti queste vocazioni. Ha poi incoraggiato coloro che sentivano la chiamata di Dio ad alzarsi e a salire sul podio. Una vera e propria marea di giovani (5.000 ragazzi e 3.200 ragazze) ha fatto proprio questo. È stato un momento molto toccante. Comprensibilmente, questi giovani inizieranno ora un percorso di discernimento della loro vocazione.    

E adesso?

Yago de la Cierva ha espresso la convinzione che la GMG sarà un grande successo. "È il momento di leggere e rileggere i bei messaggi che il Papa ci ha lasciato, di sviluppare le domande vocazionali che molti si sono posti in questi giorni, di incorporare la pratica della confessione, a cui molti si sono avvicinati in questi giorni, nella loro vita cristiana abituale".

L'autoreHenry Carlier

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.