Educazione

L'insegnamento della religione nel 21° secolo, una forma d'arte in evoluzione

Facendo una ricerca sulla storia della pedagogia, è facile rendersi conto che si tratta di un'arte in continua evoluzione, che richiede l'ingegno e la professionalità dell'insegnante per adattarsi. Ma è importante non abbandonare il bene e tenere presente che gli adolescenti, come i bambini, sono abituati a compiti brevi. La chiave è che gli alunni acquisiscano conoscenze e che la materia della religione serva al loro sviluppo personale.

Arturo Cañamares Pascual-1 settembre 2017-Tempo di lettura: 5 minuti
Ragazze in una classe di scuola primaria che insegnano.

Si sente dire che gli alunni hanno più difficoltà rispetto al passato a mantenere l'attenzione in classe. Forse perché sono "nativi digitali e che possiamo aver insegnato loro a interagire in modi diversi con l'ambiente. Le tecnologie hanno contribuito a questo fenomeno con la loro continua "banner", Il modo in cui guardano la televisione in famiglia, cambiando spesso canale; e anche il modo in cui parlano con loro, con domande e risposte brevi che cercano solo informazioni e non lo sviluppo della loro immaginazione e capacità di spiegarsi.

Ma le cose stanno così e noi insegnanti dobbiamo adattarci. È vero che non possiamo più insegnare come nel XX secolo, perché non siamo nel XX secolo. Quando si fa una piccola ricerca sulla storia della pedagogia, ci si rende subito conto che si tratta di un'arte che cambia e che richiede l'ingegno e la professionalità dell'insegnante per adattarsi a ogni situazione. È molto importante non abbandonare le cose buone: una lezione magistrale è assolutamente insostituibile e non può mancare tra le strategie frequentemente utilizzate in classe. Ma, come abbiamo detto, se gli studenti ora richiedono il loro modo di apprendere, dovremo sapere come lavorare con loro.

E come fare? I ragazzi e le ragazze adolescenti, proprio come i bambini più piccoli, sono molto abituati a svolgere compiti brevi: a ben vedere, è il loro modo di essere abituale: usano un giocattolo per un po', lo lasciano e si mettono a guardare la TV, poi passano al cellulare e fanno qualche gioco... La classe può essere un riflesso del loro modo di agire: prima ascoltano per un po', poi lavorano in gruppo, poi fanno uno schema..., e poi tornano ad ascoltare. Dobbiamo sfruttare le strategie e i metodi che le ultime esperienze didattiche ci offrono, tenendo presente il bene dei nostri studenti.

Strategie e risorse utili

Farò un piccolo inventario di alcune delle strategie e delle risorse che si sono rivelate più utili, sapendo che il criterio finale deve essere quello dell'insegnante, che conosce meglio i suoi studenti e i loro ritmi di apprendimento. Non tutti sono elencati, né si intende farlo. Si tratta solo di un breve elenco di alcuni che sono già stati implementati in alcune scuole e i cui risultati sono soddisfacenti. Prima di iniziare l'elenco, resta da avvertire della prudenza che gli insegnanti dovrebbero esercitare con queste risorse, senza dimenticare che la cosa più importante per i loro alunni è che acquisiscano conoscenze e che, soprattutto nella materia della religione, le utilizzino per il loro sviluppo personale. Ecco l'inventario:

1. Lezione. L'insegnante spiega e gli studenti ascoltano. Quando è ben preparato, è molto utile e, come già detto, insostituibile. Ma non deve occupare l'intera classe o sessione d'aula. È importante accompagnarlo con altre risorse: fare uno schema di ciò che viene discusso alla lavagna o scriverci sopra le domande più rilevanti, utilizzare un punto di forza con alcune diapositive (meglio se con buone immagini e poco testo); oppure leggere dal libro qualche testo più rilevante.

2. Lavoro cooperativo (chiamato in pedagogia TBL, che sta per Apprendimento di gruppo). Formate dei piccoli gruppi di lavoro in cui ogni studente ha un ruolo, che potrebbe essere il coordinatore, il segretario, l'oratore... e indicate il lavoro da svolgere.

3. Abilità di pensiero. L'uso di diverse modalità di accesso alle informazioni che perseguono un duplice scopo: imparare a pensare e apprendere la materia. Ad esempio, l'uso di metafore per comprendere un concetto, per cercare le cause di ciò che stiamo studiando, per trovare prove di un evento o di una nozione che si sta spiegando, per promuovere il pensiero critico e riflessivo sulla realtà, ecc.

Gamify (nuovo anglicismo usato nella nostra professione). Utilizzare piccoli giochi in classe per aumentare l'attenzione, una volta raggiunti gli obiettivi didattici previsti in quell'unità. Si consiglia di visitare il sito web educativo https://kahoot.it/ gratuito, dove è possibile creare le proprie domande.

5. Chiedete agli studenti, preferibilmente in gruppo, di fare delle presentazioni su power-point che poi dovranno utilizzare per spiegare un argomento. È utile anche realizzare un murale classico e far sì che i ragazzi lo espongano in gruppo.

6. Incoraggiare l'interesse per la lettura di un libro (in particolare il Vangelo, le vite dei santi, ecc. o con i più piccoli "La Bibbia raccontata ai bambini"). Come incoraggiarlo? Leggendo un po' in classe e facendo immaginare la scena narrata e dicendo poi che possono continuare a casa.

7. Utilizzate il portfolio per raccogliere le prove apprese in classe; oppure, in modo tradizionale, incollate sul quaderno le attività svolte in classe. Ma il portfolio può anche essere utilizzato per registrare i progressi compiuti da ogni studente (analisi metacognitiva del suo apprendimento).

8. Drammatizzare alcune scene del Vangelo o dell'Antico Testamento (un presepe vivente a Natale è l'esempio più ovvio, ma si possono cercare anche altre scene: il sacrificio di Isacco, l'alleanza sul Sinai, il figliol prodigo, la resurrezione di Lazzaro...). Il successo è garantito se è accompagnato da piccoli costumi e se si hanno a disposizione dei fogli con ciò che ogni persona ha da dire. Quest'anno abbiamo drammatizzato nel 3° anno di ESO (Secondaria) il martirio di San Giustino e di San Fructuosus e compagni: gli alunni mi hanno detto che in questo modo hanno capito cosa sono i martiri e cosa soffrono i cristiani perseguitati di oggi.

9. Classe capovolta. Si tratta di registrare un tutorial che l'insegnante realizza condividendo con i suoi studenti un breve video in cui spiega un contenuto della lezione o come lavorare su un esercizio. Gli studenti lo guardano a casa e tornano con ciò che hanno imparato. Il corso inizierà risolvendo i dubbi che sono sorti.

Come si può notare, le strategie e le modalità sono molto varie. Quando un pittore dipinge un quadro, non usa un solo colore. Piuttosto, l'opera d'arte emerge quando è in grado di comporre con diversi colori, o anche di combinare più materiali. La classe è un'arte più grande, perché il risultato sono i nostri alunni. La sfida è grande, ma ne vale la pena.

Classe di religione

Infine, dobbiamo commentare un aspetto ancora più importante delle diverse risorse utilizzate: la necessità che ogni classe di religione sia una classe con una serie di caratteristiche che le sono proprie e che elencheremo brevemente, perché vale la pena riflettere se ne stiamo tenendo conto:

1. L'insegnante di religione deve insegnare "nella via del Signore": Insegnava in parabole, adattandosi alla comprensione di coloro che lo ascoltavano. Non parlò ai dottori della legge come alla gente semplice. Fa anche parte di questo "stile" mostrare profondo rispetto e affetto per i nostri studenti, riflettendo l'amore di Dio per loro.

2. La classe di religione deve muoversi su coordinate ben precise: deve mostrare Gesù Cristo come centro di tutta la rivelazione, all'interno della nostra fede trinitaria, e spiegheremo che Gesù ci ha salvati; spiegheremo cos'è la Chiesa, chi ne fa parte, e mostreremo la sua missione, dando abbondanti esempi di vite realizzate nei santi.

3. Il messaggio trasmesso nella materia deve essere completo, senza tralasciare questioni fondamentali, anche se alcune sono più difficili da spiegare; e deve essere significativo per gli alunni, cioè deve sostenere i nuovi contenuti nelle conoscenze già note, sia in Religione che nelle altre materie.

4. Il tema della Religione non è, come si dice spesso, una "Maria". Dobbiamo trattarla con rigore e far valere i suoi diritti: partecipando alle assemblee degli insegnanti, inserendola nei programmi scolastici, proponendola effettivamente ai genitori (cosa che, tra l'altro, è richiesta da quasi il 70 % delle famiglie). Da parte nostra, proteggeremo questa qualità anche curando bene le classi: è risaputo che gli alunni sanno riconoscere quando una classe è preparata o meno, e quale insegnante ama o meno la loro materia.

Non resta che augurarvi un buon corso. Non esitate a scriverci se volete aiuto o se volete che commentiamo uno qualsiasi degli aspetti studiati in questo articolo.

L'autoreArturo Cañamares Pascual

arturocanamares@gmail.com

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.