Cultura

Faccia a faccia con il corpo di Cristo crocifisso

Guardare Cristo "faccia a faccia" è ora possibile nella cattedrale di Salamanca (Spagna), grazie alla mostra L'uomo del mistero. Oltre quindici anni di ricerche hanno dato vita a una mostra unica nel suo genere, in cui la rappresentazione iperrealistica dell'uomo della Sindone di Torino è al centro dell'interesse dei visitatori. 

Paloma López Campos-10 dicembre 2022-Tempo di lettura: 5 minuti
Cristo

Faccia a faccia con il corpo di Cristo crocifisso e deposto nella tomba. È così che si potrebbe definire l'esperienza offerta da L'uomo del misterouna mostra unica su "l'uomo della Sindone". Una mostra che ha avuto la sua prima tappa per oltre cinque mesi nella cattedrale spagnola di Salamanca e che è stata creata con l'obiettivo di fare il giro dei cinque continenti nei prossimi anni, come sottolinea a Omnes Francisco Moya, direttore generale di Artisplendore, la società di gestione culturale specializzata in arte sacra che è stata l'artefice di questa esposizione unica e imponente. 

L'esposizione suddivide in sei aree espositive gli aspetti più importanti di uno dei grandi enigmi della storia: la figura di Gesù di Nazareth, la condanna e la morte di Cristo, la Sindone, gli studi forensi sulla Sindone, una spettacolare sala immersiva e, infine, il pezzo forte di questa mostra, la sala dove è esposto il corpo ricreato dalla Sindone. "In effetti, questa riproduzione dell'uomo della Sindone di Torino è il punto chiave di differenziazione di questa mostra rispetto ad altre che abbiamo visto".Francisco Moya sottolinea.

Una riproduzione unica e che dimostra, come spiega il direttore generale di Artisplendore "tutti i segni della passione e della croce che appaiono sulla Sindone".. La somiglianza è tale che "stiamo davvero guardando un uomo, non una scultura".dice.

La storia della Sindone di Torino

L'uomo del mistero non può essere compresa senza conoscere tutto ciò che circonda la Sindone di Torino, il telo di lino che ricoprì Gesù di Nazareth dopo la sua morte in croce. Il corpo dell'uomo che è stato avvolto in questo telo è stato impresso su di esso, il che ci porta a credere che sia l'immagine di Cristo. Questa reliquia è uno degli oggetti più studiati di tutta la storia e suscita grande interesse tra gli studiosi per le sue peculiarità. Proprio questa tela è all'origine della mostra, in quanto è stata utilizzata per ottenere l'immagine iperrealistica di Gesù.

La mostra ripercorre la storia, non priva di vicissitudini, di questa reliquia unica. Si torna così al XIV secolo, quando un cavaliere francese afferma di possedere il sudario che avvolse il corpo di Cristo dopo la sua morte. Tuttavia, non può rivelare come l'ha ottenuta. Prima di morire nella battaglia di Poitiers, dona il panno ad alcuni monaci che iniziano a ricevere visite di pellegrini che vogliono vedere la presunta reliquia.

Durante la Guerra dei Cento Anni, i religiosi restituirono il sudario alla famiglia del cavaliere per proteggerlo. Alla fine della guerra, l'ereditiera della famiglia rifiutò di restituire la Sindone e la usò come passaporto per l'Italia, dove si rifugiò in cambio della consegna della reliquia ai successivi re italiani, i duchi di Savoia.

I duchi conservavano il lenzuolo nella chiesa del loro castello, che bruciò in un incendio nel 1523. Il reliquiario d'argento in cui avevano riposto la tela si sciolse, una goccia penetrò nel lenzuolo, ma senza distruggere l'immagine. Cinquant'anni dopo, la reliquia arrivò a Torino, dove è tuttora conservata nella cattedrale.

L'inchiesta del medico legale sulla salma

Le ricerche sulla Sindone di Torino, su cui si basa la mostra, dimostrano che questo telo copriva il corpo di un uomo morto, un cadavere recente. Lo studio forense dell'immagine rivela la posizione del corpo: la testa è piegata, i muscoli del petto contratti, le braccia incrociate e le gambe piegate. Inoltre, dai tessuti ottenuti, è emerso che il cadavere era di un maschio caucasico, con gruppo sanguigno AB e un'altezza di 178 centimetri.

Tra le varie lesioni che si possono osservare nell'analisi forense, più di cinquanta lesioni causate da un oggetto appuntito possono essere osservate nella zona del cranio. Sul viso sono presenti anche lesioni, in particolare la rottura del naso e la deviazione del setto nasale. Sulla schiena, sul busto e sulle gambe sono presenti tracce di una flagellazione romana. Si può notare anche una ferita post-mortem che trafigge il fianco e il corpo. 

La Sindone di Torino fu esposta per la prima volta nel 1898 per due giorni. Il fotografo Secondo Pia ha ottenuto il permesso di fotografare la reliquia. Al momento di sviluppare l'immagine, Pia scopre che sulla lastra è stato sviluppato un positivo. C'era solo una possibilità: che il foglio fosse il negativo.

L'intera comunità scientifica rimase scioccata dalla scoperta, ma solo 33 anni dopo fu ripetuto lo stesso test. Come previsto, il risultato è stato identico: quella tela era il negativo di un'immagine.

A metà degli anni Trenta, il medico legale Pierre Barbet iniziò a studiare la reliquia. Dopo molti test sui cadaveri, Barbet concluse che l'immagine era un modello anatomico stranamente accurato, in quanto rivelava caratteristiche fisiologiche e patologiche sconosciute al mondo medico 150 anni prima. 

L'analisi della Sindone è proseguita nel 1988, quando è stato concesso a un gruppo di scienziati il permesso di effettuare un test del carbonio-14 sul telo. Tre diversi laboratori hanno effettuato le analisi con l'obiettivo di datare la sindone. I risultati indicavano che la sindone era stata fabbricata tra il XIII e il XIV secolo, il che implicava che la presunta reliquia era in realtà una frode. 

Tuttavia, un anno dopo, la rivista scientifica Natura ha dimostrato l'inaffidabilità del test del carbonio-14. Ogni laboratorio ha ottenuto una datazione molto diversa. La contaminazione della biancheria non ha permesso di ottenere risultati affidabili. Pertanto, la Sindone non poteva essere considerata immediatamente un falso.

Visti i fallimenti riscontrati in questo test, gli scienziati hanno deciso di prendere una strada diversa. Per determinare con maggiore precisione la datazione della sindone sono stati prelevati campioni di polline, poiché le caratteristiche di questo elemento consentono di ottenere una grande quantità di dati. Questi studi collocano la sindone a Gerusalemme, ma dimostrano anche che è stata spostata in Italia e in Francia.

Gli studi sulla Sindone sono stati condotti più volte, ma la scienza non è riuscita a dimostrare come sia stata prodotta un'immagine con le caratteristiche della Sindone.

Le caratteristiche uniche della Sindone

La Sindone di Torino, di cui in mostra si trova una riproduzione esatta, è un'immagine molto particolare, per nove aspetti che non si ritrovano in nessun'altra immagine: superficialità, assenza di pigmentazione, non direzionalità, stabilità termica, stabilità idrologica, stabilità chimica, dettaglio, negatività e tridimensionalità.

Superficialità significa che l'immagine penetra a malapena nei fili. L'assenza di pigmentazione significa che non ci sono sostanze chimiche conosciute. La non direzionalità si riferisce al fatto che non si possono scoprire le tracce che sarebbero dovute rimanere durante la pittura. La stabilità si riferisce al fatto che l'immagine non viene influenzata da temperatura, acqua o sostanze chimiche. In termini di dettaglio, la traccia del corpo è molto dettagliata. La negatività è la caratteristica scoperta da Pia e la tridimensionalità implica che l'immagine abbia un rilievo.

La mostra

Il fulcro e il punto culminante della mostra di L'uomo del mistero è senza dubbio la rappresentazione iperrealistica dell'uomo della Sindone di Torino.

Quando le persone vengono da lei, dice Francisco Moya, "L'emozione, il sentimento, la fede, vengono alla ribalta".. È la prima volta che una cosa del genere viene esposta e tutti coloro che passano davanti all'immagine si dicono scioccati.

Il corpo a grandezza naturale mostra le ferite raffigurate sulla Sindone, che si identificano con il racconto dei Vangeli sulla Passione di Cristo.

Entrando nella sala dove si trova la rappresentazione del corpo di Cristo, si può vedere sopra di essa una riproduzione a grandezza naturale della Sindone. In questo modo, lo spettatore percepisce, in tre dimensioni, i risultati di una ricerca in corso da oltre quindici anni.

I biglietti per la mostra sono disponibili sul sito web di L'uomo del misteroAnche se in linea di massima resterà in Spagna solo fino al mese di marzo, dopodiché inizierà il suo pellegrinaggio in tutto il mondo. Il progetto è destinato a durare circa vent'anni, adattandosi ai linguaggi espositivi del momento.

In breve, come dicono i responsabili, questa mostra è una "percorso storico, artistico e scientifico sugli studi della Sindone, sul suo impatto sul mondo cristiano e sulla rappresentazione dell'immagine di Gesù"..

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.