Cultura

Lux, una metafora visiva della presenza divina nella Chiesa

Burgos, Carrión de los Condes e Sahagún sono le sedi della Luxla mostra della Fondazione Edades del Hombre, che celebra il suo 25° anniversario nel 2021. Una mostra unica, distribuita in tre città e cinque sedi, che intreccia le celebrazioni dell'Anno Santo giacobino e dell'VIII Centenario della Cattedrale di Burgos. 

Maria José Atienza-5 settembre 2021-Tempo di lettura: 3 minuti
Una delle opere che si possono ammirare al Lux.

Il poster di Lux

Informazioni e biglietti: : http://lux2021.com / https://articketing.vocces.com/

LuxLa luce, come quella eterna della Stella del Mattino, la Vergine Maria, protagonista della storia della mostra che quest'anno la Fondazione Età dell'Uomo sta sviluppando in cinque sedi distribuite tra la capitale di Burgos, Carrión de los Condes e Sahagún.

La molteplicità delle sedi e l'ampiezza delle opere che compongono Lux Le caratteristiche principali di questa mostra, nelle parole di José Enrique Martín, Segretario Tecnico della Fundación Edades del Hombre, "il più ambizioso e complesso di tutti quelli svolti finora". e che celebra il primo quarto di secolo di vita di un progetto culturale unico in Spagna che, come sottolinea Martín Martín "si è consolidato come marchio grazie ai dodici milioni di visitatori che ci hanno accompagnato fino ad oggi e anche come risultato del lavoro di ricerca, conservazione e divulgazione del patrimonio culturale religioso, soprattutto castigliano-lesonese"..

I temi 

Lux riunisce due grandi temi: il significato e l'importanza delle grandi costruzioni cattedrali e la figura della Madre di Dio, sotto la cui invocazione furono consacrate molte di queste cattedrali tra il 1000 e il 1550 in Spagna. 

La presenza mariana, come sottolinea il Segretario Tecnico della Fondazione Età dell'Uomo, è particolarmente importante a partire dall'XI secolo quando "La Vergine Maria è la patrona di molte cattedrali e la sua immagine appare con grande rilievo sopra la sede episcopale, presiedendo le pale d'altare e anche nella rappresentazione di diversi passaggi o momenti della sua vita, registrati nel Vangelo, come l'Annunciazione, ma anche altri momenti narrati in testi apocrifi". 

Questa devozione mariana non è rimasta solo nelle grandi cattedrali, ma si è concretizzata in una moltitudine di monasteri, cappelle e santuari, con una presenza speciale sul Cammino di Santiago de Compostela con punti di riferimento come le città di Carrión de los Condes e Sahagún e i loro templi. 

I luoghi

La Cattedrale di Santa María a Burgos è lo scenario del primo dei temi principali di questa mostra: quello dedicato alle cattedrali. Fede e arte nell'età della cattedrale (1050-1550)". si compone di sette capitoli che ripercorrono l'importante lavoro dei vescovi, dei consigli delle cattedrali, degli operai, dei committenti e degli artigiani nella costruzione delle cattedrali, insieme alle manifestazioni artistiche di una Chiesa pellegrina sulla terra, che guarda alla vita eterna dopo la morte e gode della presenza divina e dell'azione di Dio attraverso i suoi santi. Tutto questo insieme a un ampio capitolo dedicato, come non poteva essere altrimenti, alla Vergine Maria. 

Da parte loro, i siti di Carrión de los Condes e Sahagún concentrano le loro esposizioni sulla figura della Madre di Dio. Con il sottotitoloEcce Mater Tua", questa seconda parte di Lux mostra una selezione di opere in cui si può notare come le scene devozionali e i titoli della Vergine Maria siano al centro delle manifestazioni artistiche, con una presenza importante nel patrimonio castigliano-leonese. 

Una selezione di opere uniche

Lux La mostra include il contributo di opere provenienti da tutta la Spagna. Non invano, 37 cattedrali hanno collaborato con vari pezzi nella prima parte della mostra, dedicata allo sviluppo delle sedi delle cattedrali. Una ricchezza di reperti che continua nelle cattedrali di Carrión de los Condes e Sahagún. In questo senso, sottolinea Enrique Martín, "possiamo trovare opere di famosi maestri della nostra arte. Esponenti medievali come Fernando Gallego, o rinascimentali come Gil e Diego de Siloe o Pedro Berruguete, senza dimenticare Juan de Juni. Passando al periodo barocco, troviamo opere di Pedro de Mena, Gregrorio Fernández, Luis Salvador Carmona e pittori del calibro di Alonso Cano e dello stesso Ribera.". 

La qualità dell'allestimento è sempre uno dei tratti distintivi delle mostre di Ages of Man, di cui è un tratto distintivo la qualità dell'allestimento. Lux è meritevole. Così José Enrique Martín descrive il modo in cui, sulla base del suo leitmotiv, la mostra costituisce un'importante "Il gioco di luce esterna che invade l'interno dei templi come metafora visiva della presenza divina nella Chiesa. Di quella luce che emana da Dio e che ci conduce attraverso Cristo, con la mediazione di Maria, lungo il cammino della vita"..

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.