Libri

L'alleanza dell'amore coniugale, fonte di speranza nelle grandi narrazioni

Le storie di prossimità, quando riflettono la verità dell'amore, "mostrano la speranza sicura della vita piena che nasce dall'amore degli sposi", ha detto José Miguel Granados Temes alla presentazione del suo libro "Transformar el amor", presso l'Università San Dámaso (Madrid) qualche giorno fa. In questo modo, "insegnano come vivere e realizzare il sogno di Dio e dell'essere umano in ogni matrimonio e famiglia per il bene della società".

Francisco Otamendi-11 novembre 2022-Tempo di lettura: 6 minuti
Copertina del libro Granados

Lì, nella tradizionale e anch'essa universitaria Madrid, accompagnato dal vicepreside della Facoltà di Teologia, Juan de Dios Larrú Ramos, che ha presieduto l'evento, e dal rettore della Basilica di San Miguel, Juan Ramón García-Morato, il teologo e medico José Miguel Granados Temes, che oltre al suo lavoro pastorale nella diocesi di Madrid, ha un intenso lavoro di ricerca sul matrimonio e la famiglia, ha presentato il suo ultimo libro, "Transformar el amor. Matrimonio y esperanza en los grandes relatos" (Trasformare l'amore. Matrimonio e speranza nei grandi racconti), pubblicato da Eunsa.

José Miguel Granados ha già pubblicato nella rivista Università San Dámaso la sua tesi di dottorato su "L'etica coniugale di Giovanni Paolo II", difesa anni fa all'Università Lateranense di Roma. Le sue ultime due opere sono state "Il Vangelo del matrimonio e della famiglia" e una riflessione sui valori umani e familiari negli autori anglosassoni, intitolata "Donna, aiutami ad amare".

Il discorso di Granados Temes comprendeva una sfilata di autori universalmente noti e altri meno noti. Come se si trattasse di "una visita a una mostra d'arte letteraria", ha detto. "Entriamo nel campo delle grandi storie che riflettono la vita e la storia dell'uomo. E lo facciamo con lo sguardo o la prospettiva del Vangelo del matrimonio e della famiglia. Potremmo dire che si tratta di una visita a una mostra che potremmo chiamare 'le età del matrimonio', scoperte in grandi storie".

Virtù domestiche, valori della famiglia

Perché "entrando nell'esposizione letteraria contenuta in questo libro, scopriamo in questi accattivanti racconti di storie e relazioni umane, da un lato, un bouquet di bellissime virtù domesticheL'autore ha aggiunto: "Dobbiamo essere consapevoli dei nostri punti di forza, come la pazienza, il perdono, l'umiltà, il coraggio, la forza d'animo, la perseveranza, la fiducia, la gioia e l'operosità.

E "dall'altro lato, saremo sorpresi di scoprire che abbiamo importanti valori della famiglia"Come il compito di formare una casa, luogo di accoglienza per ogni persona, di cura per i deboli e i bisognosi, luogo di riparo e di sostegno, di promozione e di incoraggiamento, di formazione umana e cristiana; o lo sguardo di tenerezza verso l'altro, con affetto sincero, vita in comune, servizio prestato con generosità, gioia condivisa", ha proseguito.

Ma soprattutto, ha sottolineato José Miguel Granados, "prenderemo in considerazione aspetti e dimensioni fondamentali della identitàil vocazione e il missione del matrimonio. Così, la procreazione come forma sublime della fecondità dell'amore, nel ricevere il dono incomparabile di ogni figlio; la dignità della donna, moglie e madre, la missione specifica del padre; l'educazione come estensione della paternità e della maternità; la maturazione affettiva; il ruolo guida della famiglia nella trasformazione sociale per costruire una civiltà della vita e dell'amore".

Insegnano come vivere

Alcuni degli autori e delle storie che troviamo nelle fiere descritte da Granados sono, tra gli altri, J.R.R. Tolkien, "con la sua impressionante ricreazione mitologica di ammirevole profondità antropologica", che ci trasporta "in un cosmo pieno di bellezza e di drammatica tensione tra le forze del bene e del male", secondo le parole dell'autore; l'amico e collega universitario C. S. Lewis, con la sua "bellissima allegoria della storia della salvezza" e la lezione del ragazzo Eustachio, ne 'Le cronache di Narnia'; i memorabili personaggi del geniale Charles Dickens, che citeremo nelle parole dell'autore. Lewis, con la sua "bellissima allegoria della storia della salvezza" e la lezione del ragazzo Eustace, nelle "Cronache di Narnia"; i personaggi memorabili del geniale Charles Dickens, che citeremo alla fine nella sua "Casa desolata"; Elizabeth Gaskell e la sua potente denuncia sociale; Oscar Wilde e Il ritratto di Dorian Grey; I romanzi di Jane Austen ("Ragione e sentimento", "Orgoglio e pregiudizio"); i racconti di mistero e di suspense come quelli di Anna Katharine Green, o di fantasmi, come quelli di Wilkie Collins; le avventure, come quelle di Jules Verne; o la solitudine, come quella di Robinson Crusoe (Daniel Defoe).

È anche possibile osservare la doppia vita morale nel "Dottor Jekyll e Mr. Hyde" di Robert Louis Stevenson; le storie per bambini del danese Hans Christian Andersen, come "La regina delle nevi", o di Edith Nesbit ("Cinque bambini e basta"); il romanzo poliziesco, con maestri della suspense e dell'investigazione del crimine, come Sir Arthur Conan Doyle, Agatha Christie, Mary Elizabeth Braddon, Fergus Hume, Austen Freeman o Nicholas Carter; il geniale G. K. Chesterton nella saggezza umana di Padre Brown; o "i romanzi americani con i valori della famiglia cristiana e le ammirevoli figure femminili, che ci insegnano anche ad apprezzare il dono dei bambini". K. Chesterton nella saggezza umana di Padre Brown; oppure "saghe di romanzieri americani con valori familiari cristiani e figure femminili ammirevoli, che ci insegnano anche ad apprezzare il dono dei bambini".

Russo, francese, inglese...

L'autore non dimentica nemmeno i grandi drammaturghi europei del XIX secolo, come "il profondo scrittore russo Fëdor Dostoevskij, un moderno gigante dello spirito cristiano, che ci fa pensare alla coscienza morale sopita risvegliata dall'amore, con la storia del giovane anarchico Raskolnikov in Delitto e castigo"; lo scrittore francese Victor Hugo, che "trasmette, nel grande racconto Les Miserables, il senso cristiano della vita e della sofferenza ingiusta, superata con la misericordia"; l'altrettanto francese Alexandre Dumas, che ci delizia con le disgrazie e l'epopea di Edmund Dantès ne 'Il conte di Montecristo', con la necessità di superare il risentimento attraverso il perdono cristiano".

Infine, cita romanzieri inglesi dell'inizio del X secolo che "mostrano il potere della grazia in situazioni di rovina morale", come Graham Greene o Evelyn Waugh, in "Ritorno a Brideshead"., o "gli avvertimenti di famosi contemporanei che denunciano le distopie. Come la diatriba socio-politica "1984" di George Orwell. O la straziante profezia del totalitarismo postmoderno in Brave New World di Aldous Huxley.

Perché il titolo

Spesso un libro inizia con la breve citazione di una frase di un autore che è di particolare ispirazione per il lavoro che si sta svolgendo, ha spiegato José Miguel Granados nel suo intervento. "Nel mio caso, ho scelto queste due affermazioni concatenate dell'esortazione apostolica ai giovani dal titolo Christus vivitPapa Francesco: "Solo ciò che è amato può essere salvato. Solo ciò che viene abbracciato può essere trasformato.

Da qui il titolo di quest'opera: "Trasformare l'amore", ha rivelato. "Perché l'amore umano non è qualcosa di spontaneo e automatico, che funziona da solo con le proprie dinamiche interne in modo inesorabile. Non bisogna dimenticare che la nostra natura è ferita dal peccato. Per questo è indispensabile un lavoro di recupero. In realtà, l'essere umano come persona chiamata ad amare ha bisogno di essere trasformato con l'aiuto di maestri di vita e comunità formative. Chi si assume il compito di vivere e camminare insieme agli altri verso una meta di trascendenza deve essere educato, maturato, migliorato, in un delicato e laborioso processo di purificazione, guarigione e apprendimento costante.

E l'autore ha aggiunto che, "come insinua la frase papale sopra citata, ciò che più rinnova e abbellisce il cuore e l'intera esistenza è la consapevolezza di essere amati personalmente, in modo unico, incondizionato e pieno. Essere veramente amati riempie di significato la propria esistenza e motiva a dare il meglio di sé nel dono di sé, nel dono di sé agli altri. Inoltre, la grazia divina viene in aiuto alla debolezza umana in modo sovrabbondante. Cristo è il redentore del cuore, che ci dà le capacità effettive per superare le difficoltà e per vivere secondo la nostra dignità e il progetto di Dio. Questo è ciò che è accaduto nella vita dei santi.

Per questo motivo, ha spiegato Granados, "in tutto il libro facciamo riferimento a diversi sposi cristiani e matrimoni esemplari, la cui testimonianza mostra l'eroica realizzazione della vocazione coniugale nella vita concreta".

La speranza, il nervo centrale

Per quanto riguarda il sottotitolo del libro - "Matrimonio e speranza nelle grandi storie" - "l'ambito preso in considerazione è il matrimonio come fonte di speranza in alcune narrazioni romanzesche", ha detto Granados, che ha continuato a dipingere un quadro attraente.

"L'alleanza dell'amore coniugale è lo spazio voluto da Dio per generare ed educare la vita umana, per dispiegare tutto il suo potenziale", ha concluso. "È la scuola dell'amore vero e bello. Nasce dall'impegno reciproco dell'uomo e della donna che, rileggendo il linguaggio sponsale del corpo e del cuore, si impegnano e si donano per la vita per costruire l'umanità. La promessa divina sottende, precede e accompagna la promessa reciproca degli sposi. Il dono di Dio, superando le fratture umane, fa nascere la speranza di una casa d'amore bella, fedele e feconda, una partecipazione umana al mistero della comunione familiare trinitaria delle persone divine".

Proprio la speranza è il nervo centrale della breve conclusione del libro, intitolata "Dal dono alla promessa". Dopo aver raccontato i doni che Galadriel, la saggia principessa degli elfi del regno di Lothlórien, offre nel momento in cui si congeda dalla comunità dell'anello - stiamo parlando de "Il Signore degli Anelli" - l'autore sottolinea che "così anche la promessa dell'amore coniugale contiene un seme divino di fecondità capace di superare tutte le prove, per sbocciare con una bellezza eterna, che inizia già su questa terra".

Chi ama vince sempre

Libro Granados

Granados cita nel libro "la cultura dell'assistenzaL'enciclica "Il nostro amico comune", tanto elogiata da Papa Francesco, con la lettura dell'ultimo romanzo completo di Dickens, "Il nostro amico comune""; l'enciclica "Il nostro amico comune"; l'enciclica "Il nostro amico comune"; e l'enciclica "Il nostro amico comune". Spe salvi ("Nella speranza siamo stati salvati") da parte di Benedetto XVI, e a San Giovanni Paolo II, con il suo Lettera alle famiglietra gli altri autori. Ma dobbiamo citare una sua frase a commento di un romanzo di Charles Dickens. "Capiamo che - a differenza dei parametri mondani della competizione e della legge del più forte - in realtà chi ama vince sempre, anche se sembra sconfitto. Così è per alcuni personaggi dello splendido romanzo Una casa cupa".

Senza voler fare spoiler, in "Bleak House" vediamo, dice l'autore, "apparenti perdenti, come Ada Claire che accompagna il marito nella sua caduta, sedotta dalla falsa aspettativa di un'eredità; o la giovane Esther Summerson, che si ammala gravemente per essersi presa cura delle misere famiglie degli operai; o il signor Jarndyce, il tutore della ragazza, sempre paziente e disposto ad aiutare tutti; o il colonnello George Runcewell, che rischia la sua attività per proteggere un bambino di strada; o Caddy Jellib, che è sempre paziente e disposto a dare una mano. Jarndyce, il tutore della ragazza, sempre paziente e disposto a dare una mano a tutti; o il colonnello George Runcewell, che rischia la sua attività per proteggere un bambino di strada; o Caddy Jelliby, che riesce a contrarre un matrimonio onorevole e a formare una casa dignitosa dopo aver superato le sue terribili circostanze familiari; o, infine, il barone Sir Leicester Deadlock, che supera il suo orgoglio nobiliare per salvare la moglie caduta in disgrazia: tutti questi apparenti fallimenti sono quelli che salvano il mondo in cui vivono con gesti genuini e discreti di amore autosacrificante".

L'autoreFrancisco Otamendi

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.