Cinema

Cinema: Silence, un film di Martin Scorsese

Omnes-2 de Gennaio de 2017-Tempo di lettura: 2 minuti

La fede non è bifronte. Almeno questo è ciò che Martin Scorsese cerca di mostrare nel suo ultimo film, Il silenzio. È la storia romanzata di tre sacerdoti gesuiti durante il processo di evangelizzazione del Giappone nel XVII secolo.

Il silenzio

Regia: Martin Scorsese

Sceneggiatura: Jay Cocks, Martin Scorsese (tratto dal romanzo di Shusaku Endo)

Anno: 2016

Paese: Stati Uniti

 

La fede non è bifronte. Almeno questo è ciò che Martin Scorsese cerca di mostrare nel suo ultimo film, Il silenzio. È la storia romanzata di tre sacerdoti gesuiti durante il processo di evangelizzazione del Giappone nel XVII secolo.

È un film a cui Scorsese ha iniziato a lavorare più di vent'anni fa. L'idea è nata dopo le polemiche suscitate dal suo film L'ultima tentazione di Cristo. Fu allora che lesse il romanzo Il silenziodello scrittore giapponese Shusaku Endo (che presenta alcuni inconvenienti per i credenti). Da quel momento ha iniziato un processo di ricerca e studio della sceneggiatura per raccontare bene questa storia. E non sembra irragionevole pensare che nel film il regista stesso possa rivelare le proprie domande sulla fede.

Racconta la storia del viaggio in Giappone dei sacerdoti Sebastian Rodrigues (Andrew Garfield) e Francisco Garupe (Adam Driver). Vanno alla ricerca del loro mentore, Cristobal Ferreira (Liam Neeson), che si presume abbia rinunciato alla fede. Nel loro viaggio incontrano una società che, pur rifiutando i principi cristiani, lascia spazio agli insegnamenti dei due sacerdoti per dare qualche frutto.

Tuttavia, i problemi sorgono quando entra in scena l'inquisitore Inoue, un personaggio calcolatore e machiavellico, che scopre nell'incoerenza la sua arma principale per eliminare l'anima di coloro che dubitano. Questo personaggio, interpretato magistralmente da Issei Ogata, approfitta dell'errata interpretazione del martirio dei primi cristiani per fare pressione sui sacerdoti, in particolare su padre Rodrigues, affinché abbandonino il loro compito.

Il dolore, l'angoscia e quello che il film presenta come il silenzio di Dio, finiscono per generare un'atmosfera di ambiguità che porterà i personaggi a vedere scosse le loro fondamenta religiose e a entrare in una profonda battaglia tra ciò che la loro fede richiede e ciò che la società in cui svolgono la loro missione esige da loro.

Tuttavia, alla fine, ignorando alcune decisioni discutibili del regista, il film finisce per tornare all'inizio e aprire una finestra per capire cosa Dio suggerisce con il suo silenzio.

In questo film classico, il regista non si sottrae a nessuna domanda. La sua abilità è evidente sia in ciò che la macchina da presa mostra, sia nel montaggio e nell'assemblaggio. E poiché si concentra sulla storia che vuole raccontare, finisce per non dare quasi tregua allo spettatore durante i 160 minuti di durata.

-Jairo Darío Velásquez Espinosa

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.