Cultura

Javier Gomá: "Nella pandemia ci sono stati omaggi e attacchi alla dignità".

Rafael Miner-26 novembre 2020-Tempo di lettura: 3 minuti

-TESTO: Rafael Miner

Miseria e dignità; il progresso (o meno) dell'umanità, dei più forti e dei più deboli, e l'esemplarità, sono alcuni degli spunti che hanno caratterizzato il dialogo tra lo scrittore e filosofo Javier Gomá e il professore di Storia contemporanea Pablo Pèrez, tenutosi nel campus madrileno dell'Università di Navarra.

"La dignità è il concetto più rivoluzionario del XX secolo", il filosofo, giurista e saggista Javier Gomá, direttore della Fondazione Juan March, ha sottolineato in diverse occasioni. La sua riflessione lo ha portato a scrivere l'anno scorso un libro intitolato proprio così, Dignitàche è venuta alla ribalta negli ultimi tempi.

Gomá ha avuto l'opportunità questa settimana di rinfrescarle e applicarle al fenomeno della pandemia che, a suo avviso, è una pandemia, "ha avuto un impatto straordinario sulle verità ultime che hanno a che fare con la dignità. "Abbiamo fatto un enorme sacrificio in nome della dignità di coloro che erano più esposti al virus, ma la dignità è stata messa alla prova anche dalla morte di altri in condizioni che oggi definiremmo subumane".Ha detto in una conversazione con il professor Pablo Pérez.

Dal 14 marzo, con la dichiarazione dello stato di allarme e di confino, "Il fatto che l'intera popolazione abbia dovuto cedere all'equivalente degli arresti domiciliari e alla rovina degli affari, a scapito delle classi attive e a vantaggio delle classi passive, più bisognose e più deboli, è stato prodotto eticamente. C'è stato, quindi, un atto di omaggio alla dignità iniziale del popolo.", ha aggiunto Javier Gomá.

Ma anche, ha aggiunto, ci sono state altre volte in cui c'è stata "una messa in discussione di questa dignità".. Ad esempio, "La triste morte di persone a cui è stato tolto il diritto a una buona morte e i rituali normalmente utilizzati dai sopravvissuti per consacrare la memoria del defunto". E questo è un attacco alla dignità".

L'umanità progredisce

Il dialogo tra i relatori, arricchito da domande in rete, ha affrontato questioni di sostanza, con un approccio storico e filosofico. Una nota frase di Ortega y Gasset, "Quello che non va in noi è che non sappiamo cosa non va in noi, è stato il motto scelto per avviare la conversazione, nell'ambito del ciclo di conferenze Fermati e pensa ora, presentato da Pablo Pérez, professore e direttore scientifico dell'Istituto di Cultura e Società dell'Università di Navarra.

La commozione causata dalla diffusione della Covid-19, l'inaspettatezza dell'evento e il fatto che colpisca tutti allo stesso tempo meritano una riflessione di ampio respiro, ha affermato Pablo Pérez, facendo riferimento al contrasto tra l'idea di miseria e l'idea di dignità analizzato da Javier Gomá.

La perplessità e lo scetticismo che questa pandemia ha suscitato in alcune persone possono far pensare che l'umanità stia regredendo. Tuttavia, Javier Gomá ritiene che nel corso della storia, dai tempi di Aristotele, Cicerone o del Medioevo, in cui gli interessi privati hanno ceduto il passo all'interesse generale, della polis, "Non c'è dubbio che il diritto dei più deboli sia progredito". in ampie sacche di persone situate in condizioni di fragilità e vulnerabilità.

Secondo lui, se si chiede al povero, al malato, al bambino, all'anziano, alla donna, alla persona con un handicap psicologico, al carcerato, al disoccupato, ecc...,In quale epoca vorrebbe vivere, risponderebbe senza dubbio "adesso". "Il progresso della cultura è stato verificato negli ultimi tempi come un inno alla dignità, con tutti gli inconvenienti che sono pronto a discutere".

La libertà e l'uguaglianza erano oggetto di conversazione e di domande, così come la fraternità. Ripensando alla Rivoluzione francese, e in relazione a una domanda sull'ultima enciclica di Papa FrancescoFratelli tutti, Gomá ha sottolineato che il rischio di estinzione della specie umana "Ci ha risvegliato maggiormente la sensazione di appartenere tutti a un'unica razza, quella umana, con un unico principio, la dignità. E in quella gara, in quella dignità, siamo uniti"..

Le sue riflessioni finali si sono concentrate sul concetto di esemplarità e sull'uso della libertà. "Non esistono ambiti esenti dall'influenza dell'esempio: ogni esempio è positivo o negativo.". (In relazione alla pandemia) "L'uso della libertà non è più una questione di privacy. Un comportamento positivo o negativo può contribuire alla morte di una persona. Si può infettare un nonno, un figlio o la persona con cui si è vissuto. E si può contribuire alla società comportandosi in modo civile o in modo barbaro.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.