Cultura

Dove si nasconde la Madonna: un santuario nelle valli slovene

Nelle valli della Slovenia nord-occidentale, il santuario della Madonna della Misericordia si trova a Ptujska Gora. È un luogo ricco di storia e può essere considerato un gioiello dell'architettura gotica slovena.

Jacqueline Rabell-24 agosto 2021-Tempo di lettura: 4 minuti
Ptujska Gora

Nelle valli della Slovenia nord-occidentale si trova la basilica minore di Nostra Signora della Misericordia a Ptujska Gora. Un luogo ricco di storia, poiché fu eretto nel XIV secolo dai signori feudali della regione. Da allora la sua popolarità si è diffusa ed è diventata uno dei luoghi di pellegrinaggio più popolari dell'area circostante. La sua lunga esistenza e i vari eventi storici hanno messo alla prova anche la fede e la devozione dei suoi pellegrini. Per tutti questi motivi, la chiesa è stata consacrata basilica nel 2010.

La nostra cara Madre ha sempre avuto un posto nel cuore degli uomini e, in molte occasioni, anche in quello dei più lontani da Cristo e dalla sua Chiesa. Per questo vorrei mostrare le meraviglie dedicate alla Madonna che si nascondono nel cuore dell'Europa.

Un gioiello dell'architettura gotica slovena

Sulla strada tra Vienna (Austria) e Zagabria (Croazia) - sempre che non si voli - si passa per la regione di Ptuj, in Slovenia, dove si trova Ptujska Gora, un piccolo villaggio della regione tradizionale della Bassa Stiria, frequente luogo di pellegrinaggio fin dai tempi antichi. Lì, infatti, sulla cima di una collina che domina la valle, sorge la chiesa dedicata a Maria, la Vergine Protettrice.

Di aspetto tipicamente mitteleuropeo, è considerato un gioiello dell'architettura gotica slovena. La sua lunga storia e gli innumerevoli pellegrini che sono venuti qui a pregare la Vergine Maria ne hanno fatto uno dei polmoni della regione. Da allora, questo luogo di pellegrinaggio continua una tradizione che risale al tardo Medioevo, quando, come sembrano indicare le fonti, fu eretto sotto il patrocinio dei feudatari di Ptuj. In seguito, sembra che sia diventato noto come "Mons Gratiarum" o "Monte della Grazia" fino all'epoca delle incursioni turche, quando, per l'influenza di una leggenda, divenne noto come "Montagna Nera". 

Solo nel 1615 il luogo iniziò a registrare un maggiore afflusso di pellegrini, in coincidenza con la data in cui i gesuiti assunsero la reggenza della chiesa, nonché la casa per i pellegrini. ad hoc. Poco più di un secolo dopo, tuttavia, le idee dell'Illuminismo, che si stavano gradualmente facendo strada nelle varie corti d'Europa, raggiunsero anche Vienna. Nel 1773, l'imperatrice Maria Teresa decise, sulla falsariga dei monarchi di Spagna e Portogallo, di sopprimere la Compagnia di Gesù. Ptujska Gora divenne così una parrocchia diocesana. Tuttavia, grazie agli sforzi dei suoi parroci, i pellegrinaggi furono mantenuti nonostante le avversità e le restrizioni imposte dal successore di Maria Teresa, l'imperatore Giuseppe II, che cercò di ridurre drasticamente la presenza della Chiesa nella società limitando le consuete pratiche di pietà del popolo, come processioni, pellegrinaggi, feste patronali, ecc. 

Nel 1938 la chiesa passò all'Ordine dei Frati Minori (Francescani), che la mantengono tuttora. Sono stati incaricati di preparare il 600° anniversario della chiesa nel 2010, anno in cui è stata dichiarata basilica sotto il patrocinio di Maria, Madre Protettrice, o Nostra Signora della Misericordia.

Uno stile barocco con elementi gotici

Nel complesso, la chiesa presenta un marcato stile barocco, con elementi architettonici gotici. Tra queste spicca la famosa immagine della Vergine con il mantello. I gesuiti decisero di spostare questa immagine dal portico all'altare principale. Questo rilievo, di grande bellezza, ricavato da un unico blocco di pietra, mostra la Madre con il Bambino nel braccio sinistro e con il manto steso, sotto il quale protegge numerose figure: si possono contare fino a ottantadue persone, allegoria della costante intercessione della Vergine. Sebbene non si conoscano i nomi di coloro che sono rappresentati da queste figure, gli esperti sembrano aver riconosciuto i fondatori di Ptujska Gora, Bernhard III. di Petau e sua moglie Walburga, figlia dei conti di Cilli, i più importanti aristocratici del Medioevo in Slovenia. Nella chiesa si trovano anche gli altari di Nostra Signora del Rosario e di San Sigismondo, eseguiti dagli stessi artisti. In quest'ultima cappella si trova la tomba del cavaliere Sigismondo di Neuhaus, che pagò l'altare dedicato al suo santo patrono.

Dall'arrivo dei francescani a Ptujska Gora sono state introdotte diverse innovazioni. Nel presbiterio c'è uno stallo per il coro di recente costruzione, molto appropriato per l'ensemble. Sono state aggiunte anche vetrate moderne e ritratti di diversi santi, come San Massimiliano Kolbe, un francescano conventuale che, mentre era prigioniero ad Auschwitz, decise volontariamente di morire al posto di un altro prigioniero e padre di famiglia, che in seguito assistette alla sua canonizzazione. L'ingresso è stato inoltre decorato con rilievi della Vergine Maria, di San Giovanni Paolo II e del Beato Slomsek, il vescovo sloveno beatificato nel 1999. Anche il luogo della riserva eucaristica ha ricevuto una nuova configurazione, con un bel tabernacolo su colonna, posto sotto un baldacchino di origine gotica. 

Dopo questi brevi cenni, non c'è dubbio che questa basilica debba essere una tappa obbligata per ogni viaggiatore che decida di attraversare o entrare negli ex possedimenti dell'Impero austriaco e scoprire così le numerose vestigia ancora esistenti dedicate a Nostra Madre. Può essere anche l'occasione per collegare le varie basiliche diffuse nella regione, come Mariazell in Austria e Marjia Bystrica in Croazia, che sono diventate quasi dei simboli nazionali. Tutti questi luoghi, che verranno trattati in altri articoli, hanno in comune il fatto di aver vissuto momenti di splendore, sotto il patrocinio di re e grandi signori, ma anche momenti bui, come le varie invasioni turche o le restrizioni imposte dalla corte a qualsiasi forma di esternazione della pietà popolare.

L'autoreJacqueline Rabell

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.