Cultura

Carlos Murciano: "Un desiderio successivo".

Poeta di ampio registro, la sua opera poetica è facilmente riconoscibile per la padronanza delle forme metriche, la varietà dei temi - tra i quali spiccano quelli legati alla propria avventura di vita - e lo stile raffinato, ingegnoso, apparentemente semplice, sempre alla costante ricerca di espressione.

Carmelo Guillén-26 novembre 2022-Tempo di lettura: 5 minuti
Murciano

Tra i poeti spagnoli più longevi - compie 91 anni il 21 di questo mese - il nome di Carlos Murciano è uno dei più noti della sua generazione, alla quale appartengono autori come José Ángel Valente e José Agustín Goytisolo, con il quale ha condiviso il prestigioso Premio Adonáis nel 1954, ottenendo il primo dei premi per il suo libro Vento in carne e ossa.

Diverse sono le ragioni dell'incomprensibile silenzio che, attualmente, grava sulla sua opera lirica - come su quella di tanti altri poeti - nonostante abbia prodotto una copiosa produzione e vinto numerosi premi. Qualunque siano le ragioni, l'opera poetica di Carlos Murciano è lì, nei suoi libri di poesie brevi, molti dei quali fuori catalogo, con poesie di enorme forza esistenziale, alcune - per il mio gusto le più intense - con autentiche scoperte espressive, attente a un mondo interiore molto ricco di sfumature, pieno di intensità e di vita.  

Le sue poesie religiose

Dall'elenco dei titoli che possiede, mi soffermerò su quelli che meglio riflettono il suo rapporto con Dio, nella cui orbita è difficile per il poeta collocarsi serenamente, dando luogo a una situazione di tensione che egli proietta lungo tutta la sua vasta traiettoria lirica. Questi titoli, pubblicati a 47 anni di distanza l'uno dall'altro, sono Dalla carne all'anima (1963) y Qualcosa trema (2010), due raccolte di poesie furiose e travolgenti, di quelle che, in linea di massima, sono sconcertanti perché rispondono a inquietudini religiose e a esitanti manifestazioni di fede in cui prevalgono l'ansia, il dubbio e il confronto, anche se entrambe le consegne contengono anche poesie felici, luminose, serene, sebbene siano le più poche.

Un'opinione che, senza coprire questi quasi cinque decenni, era già stata espressa nel 1965 da Luis López Anglada nel suo Panorama poetico spagnoloquando dice della poesia del nostro autore: "Una profonda tristezza ricopre questi versi scritti con premurosa foga. Se non fosse per la forte personalità religiosa dell'autore, potremmo pensare a uno scetticismo che lo porta a un atteggiamento di dubbio esistenziale", citazione in cui sostituirei l'espressione "profonda tristezza" con la parola "malinconia", che trasmette più accuratamente un atteggiamento di vita permanente. 

Inseguimento implacabile

Dalla carne all'anima contiene ventidue poesie. Nessuno è superfluo e tutti si completano a vicenda per mostrare un'esperienza basata sulla presentazione di espressioni o gesti di Gesù Cristo contenuti nei Vangeli, ma trasformati in forma di gioco letterario - per esempio "Il mio regno è di questo mondo, che il poeta applica a se stesso e in enfatica sfida a Dio, creatore dell'uomo: "Le cose sono chiare, Dio, le cose sono chiare", assi su cui, soprattutto, si basa la raccolta di poesie.

Allo stesso tempo, si scoprono occasionalmente componimenti in cui la distorsione degli eventi, anch'essa evangelica, come la resurrezione di Lazzaro - nel poema, preferisce rimanere morto, puzzolente dopo quattro giorni, piuttosto che risorgere - o il poeta stesso che si mette nei panni dell'apostolo Tommaso -Lasciami essere Dio per un momento [...], lasciami essere Tommaso e affonda il tuo dito, / mio Signore e mio Dio, nel mio fianco".- rispondere alla lotta interiore del poeta con il suo Creatore. Infine, si può notare come la dicotomia carne-anima sia la chiave dell'argomentazione che mette in tensione e dà unità all'insieme delle poesie, raggiungendo nell'ultima di esse, quella intitolata Dio ha trovatoIl momento di risoluzione più gioioso e illuminante del libro, sotto forma di un'inebriante presenza della divinità. La composizione - uno splendido gioiello letterario scritto in serventese - è una celebrazione della presenza di Dio nella vita ordinaria. Ecco alcune strofe: "Dio è qui, su questo mio tavolo / così affastellato di sogni e carte [...].. / Dio è qui. O lì, sul tappeto, / nel semplice incavo del cuscino; e il bello è che non mi stupisco quasi / di guardarlo per condividere la mia alba / accendo la luce e Dio si illumina; tocco / la sedia e tocco Dio; il mio dizionario / si apre subito in DioSe sto in silenzio per un po' / sento Dio che suona nell'armadio. [...] Oggi ho trovato Dio in questa stanza alta e antica / dove vivo. Ed ecco che continua: così vicino che mi brucio / che mi bagno le mani con la sua schiuma; così vicino che finisco, perché temo / di ferirlo con la mia penna". Questa è una delle sue poesie più belle e celebrate nelle antologie. È raccolta da Ernestina de Champourcin nella sua compilazione più emblematica: Dio nella poesia contemporanea1970, pubblicato dal BAC.

Tradurre, Dio

A quarantasette anni di distanza dal libro precedente, Carlos Murciano cura Carlos Murciano Qualcosa tremal'altro suo grande volume di carattere religioso in cui include un sonetto-sintesi del suo modo di rapportarsi a Dio, che non comporta alcuna novità rispetto al suo pensiero precedente. Lo intitola Amico Dio. In essa scrive: "Chiedo / una parola, una risposta. Io busso alla tua porta, e tu mi dai dei non e dei pari / Tu metti delle pietre che disturbano i miei cammini / e mi fanno inciampare a ogni passo / Ma io so bene che tu sei il padrone / e ti seguo, nonostante i dolori / Ti chiedo solo un gesto, un gesto, / qualcosa di te. È per amarti, Dio, / per lottare con me stesso e sconfiggermi? / Vai avanti, riempi ora questo vuoto / con la tua parola, e diventa mio amico [...]".. Colui che avanza richieste, bussa alla porta, è disturbato, inciampa, si considera vassallo di Dio (il suo padrone) e gli propone di essergli amico è lo stesso poeta che, in alcune occasioni, canta al Dio sconosciuto che abita in lui, come esprime anche in un altro testo impegnativo dello stesso libro: "Tu / che puoi tutto, / perché non accendi in / me / la luce di conoscerti? / Perché il dubbio, / se affermi, deciso, 'Io sono'? / Perché lo fai, dicono, / ma / nella tua lingua, / che non ho mai sentito. / E il tuo interprete sa / che non sa. Traduci / tu".

Che egli traduca se stesso! è ciò che in definitiva chiede a Dio, che si renda visibile, chiaroveggente, una presenza attraverso i sensi, mentre si lascia vedere, toccare e ascoltare nel poema. Dio ha trovato -come se la Persona del Figlio, che procede dal Padre, non avesse assunto la natura umana per opera dello Spirito Santo, conformandosi alla sua immagine. Questa idea si ritrova anche in un'altra composizione, Dio assentedove afferma che: "È difficile credere che [il Figlio]. era divina".Questo spiega perché, per il poeta, la Persona di Dio Figlio - a cui si avvicina in modo diffuso in queste raccolte di poesie, senza negarlo - non è quella di Dio Padre. Lo afferma chiaramente: "È difficile credere che fosse divino", approccio sorprendentemente neo-ariano a questo punto dei secoli. Inoltre, il poeta aggiunge: "Non mandateci da un altro, venite voi stessi".propone a Dio.

Dello stesso tono è Nonno Dioun altro testo di Qualcosa tremadove presenta la figura di un vecchio Dio Padre con la barba bianca a cui si rivolge sempre, come se Lui solo - un Dio Padre umanizzato - fosse la sua unica preoccupazione, il "suo Dio", svincolato dalle altre Persone divine, un pensiero che Murciano conferma nei suoi versi, essendo questa la sua più intima verità esistenziale, generata in "un desiderio successivo". - come esprime in una poesia - per renderlo percepibile, a sua misura.

Non c'è di più - né di meno -: il mondo religioso di Carlos Murciano, quello percepito nei suoi versi, è così, vacillante, a metà strada tra il dubbio e l'accettazione di Dio come possibilità di credere, pieno di incertezze, personale e implacabile.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.