Cultura

Africa Madrid. L'avventura dell'insegnamento

África insegna religione da oltre 20 anni. Attualmente è insegnante presso la scuola secondaria Rayuela di Móstoles. Insegna a studenti di tutti i gradi della scuola secondaria e della maturità. È anche catechista nella parrocchia del Sagrado Corazón di Alcorcón. Prima della religione, ha insegnato Storia dell'arte.

Omnes-12 Giugno 2017-Tempo di lettura: 3 minuti
Lezione di religione nella scuola primaria.

"Fare l'insegnante di religione non era nei miei piani, anche se mi sono sempre interessato alle materie religiose. A Ciudad Real avevo studiato in una scuola per suore. Mi chiedevo perché fossero così felici e innamorati di Dio. Volevo saperne di più".dice Africa. Decise di studiare teologia, spinta da un'amica la cui moglie insegnava religione. "Senza rendermene conto, stavo cambiando. Sono stato chiamato a insegnare nella scuola. Ho iniziato a insegnare religione e ho scoperto cosa mi rendeva felice. Non ha nulla a che vedere con qualsiasi altra materia per la vicinanza che si ha con gli studenti, per gli argomenti che si trattano e per le domande che ti pongono. 

L'Africa ritiene che l'insegnamento della religione sia anche un insegnamento della storia dell'arte, perché la cultura è insita nelle religioni. Applica al tema la conoscenza della storia dell'arte, della letteratura e di altre forme di espressione culturale. "Consultiamo le fonti, per saperne di più sugli argomenti trattati dagli esperti. Ci sono molte cose sulla fede che possono essere ragionate. Io do loro solo degli strumenti su cui riflettere. Cerco di trasmetterglielo con fonti oggettive, ascoltando, senza chiudere la mente". Aggiunge: "Diamo cultura cristiana cattolica, non catechesi".

Innanzitutto, sottolinea l'importanza del tema: "Penso che ogni insegnante di religione debba essere consapevole che questa materia è molto importante. Dico ai miei studenti di non perdere tempo. La vita non funziona come vuoi tu". Ricorda anche che "Qualsiasi cosa Gesù abbia detto, l'ha fatta. Ha insegnato il perdono.

Durante l'intervista, si percepisce la passione che Africa prova per il suo impegno nell'insegnamento. Nonostante abbia attraversato molte situazioni difficili, si vanta del suo ottimismo, fondamentale per risolvere ogni tipo di problema.

Riconosce che "Diverse persone si sono congratulate con me per quanto sapevano. Perché ciò che si insegna con amore si impara facilmente. Ciò che li commuove davvero è che le cose che racconto loro non sono storie. Ci sono molti motivi per cui ringraziare Dio. Quando siete felici o tristi, Lui è con voi. La chiave è che trasmettiate qualcosa che vi commuove. Spesso mi viene chiesto perché sono così felice. Sono una persona molto fortunata. Qualcuno mi ha anche detto di non essere mai stato così felice di frequentare una materia come questa e che se non facessi queste attività con questi studenti, altri posti le farebbero al posto nostro". Infatti, durante una delle escursioni culturali che hanno effettuato, una guida turistica è rimasta sorpresa dalla conoscenza dell'Africa da parte degli alunni.

Spiega che si decise di inserire la Religione nel Bachillerato per due ore alla settimana: la mattina presto e alla settima ora (chi non la studiava non aveva lezione). Anche così, con la possibilità di dormire di più e di partire un'ora prima, l'Africa ha sempre avuto gruppi enormi nel Bachillerato. "Amano, sono appassionati di tutto ciò che viene da Gesù. Pensano al suo coraggio. Voglio che credano di poter cambiare il mondo. Sicura di sé, chiarisce di non aver mai avuto complessi. "Perché quello che faccio è molto importante, perché non lo fai per te, ma per il Signore. Mi riempie vedere che state migliorando le persone".

Inoltre, al di fuori dell'orario scolastico, svolge attività di volontariato, a cui collabora anche la stragrande maggioranza degli alunni, presso mense per i poveri, ospedali, ecc. Uno dei luoghi in cui svolgono attività di solidarietà è la mensa dei poveri di San Simón de Rojas, a Móstoles. Una delle esperienze che ha avuto un maggiore impatto su di lui è l'incontro con un suo ex studente in condizioni di povertà. Per questo motivo, esorta i suoi studenti a sfruttare le opportunità disponibili a scuola. "Ogni volta che facciamo un'attività, scrivono una riflessione. Fa una grande impressione su di loro.

A febbraio ha avuto la fortuna di incontrare personalmente Papa Francesco in Vaticano. "Ha segnato la mia vita, ha commentato emozionata ricordando questa esperienza. Ha sentito la sua vicinanza, ha detto di amarlo e ha ringraziato la famiglia e gli studenti per la sua benedizione. È stato uno stimolo per il suo entusiasmo per la vita e per la sua professione. Con insegnanti come l'Africa, la materia della religione si impara molto bene.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.