Mondo

Chi sono i cristiani perseguitati del Medio Oriente?

Omnes-30 dicembre 2016-Tempo di lettura: 11 minuti

Óscar Garrido Guijarro*.Professore di Relazioni internazionali

Gli eventi in Medio Oriente fanno parte delle notizie che avvolgono le nostre vite. In mezzo alle notizie dolorose e inquietanti che ci giungono da lì, compaiono termini come copti, caldei o maroniti che ci sono familiari, ma che forse non sappiamo dove collocare o da dove provengono. Óscar Garrido, autore di Strappati alla Terra Promessa (San Pablo, 2016), analizza in queste pagine la delicata situazione dei cristiani nel mondo arabo.

In questo complesso mosaico etno-religioso del Medio Oriente, molti non sanno che esistono Paesi non interamente musulmani, o che circa il 40 % della popolazione libanese è cristiana, che i cristiani costituiscono il 10 % della popolazione in Egitto, o che fino a poco tempo fa rappresentavano il 10 % in Siria e il 5 % in Iraq.

I cristiani arabi in Medio Oriente sono generalmente cittadini di seconda classe nella loro terra - in termini di libertà, uguaglianza e diritti sociali e politici - e sono stati e sono soggetti ad attacchi, discriminazioni e persecuzioni, anche se con intensità variabile a seconda del momento e del Paese interessato. I cristiani sono stati chiaramente discriminati, e questo è stato "legiferato" nel corso della storia dell'Islam, e continua ad esserlo nella nostra epoca contemporanea.

Per quanto riguarda la loro influenza sull'Occidente, i cristiani arabi, ad esempio, non hanno mai giocato un ruolo significativo nella politica degli Stati Uniti, il principale sostenitore dei valori occidentali in Medio Oriente. E pur comprendendo che l'Europa ha talvolta dimostrato sensibilità per la loro situazione, sono comunque consapevoli dei limiti dell'Europa. L'Europa è diventata un continente post-cristiano che manca anche della necessaria potenza militare. Le azioni delle potenze europee in difesa degli arabi cristiani nel corso della storia hanno creato problemi a queste comunità. Le circostanze di pericolo sono aumentate per gli arabi cristiani quando si sono trovati nel mezzo di conflitti tra musulmani ed europei, perché i musulmani hanno talvolta percepito gli arabi cristiani come collaboratori del nemico.

Prospettive attuali e future

I recenti eventi che hanno causato o stanno causando cambiamenti negli sviluppi politici e sociali in Iraq, Siria ed Egitto influenzano senza dubbio lo status delle comunità cristiane arabe in questi Paesi. L'ascesa dell'islamismo politico - fondamentalista e moderato - che propone il ritorno a una struttura politica basata sulla tradizione giuridica islamica - lasharia- sta facendo fare alle comunità cristiane arabe un passo indietro in termini di libertà e diritti; più seriamente, il diritto più basilare, quello alla vita, è minacciato per molti cristiani. La nozione di cittadinanza e di uguaglianza dei diritti, così come è considerata nella cultura politica occidentale, è ancora irrisolta nella tradizione culturale e politica musulmana, dove questa nozione di cittadinanza si basa ancora sull'affiliazione religiosa e non sull'appartenenza allo Stato.

Negli ultimi anni, la dittatura laica dell'Iraq è stata rovesciata, quella dell'Egitto è stata minacciata dall'arrivo della Fratelli Musulmani al potere, e quello siriano è in punto di morte. Come ha giustamente descritto M. A. Bastenier, "Il regime tirannico e sanguinario di Saddam Hussein è stato il coperchio ermetico che ha chiuso il vaso di Pandora. Al Qaeda non è fiorita nel suo territorio perché le gravissime carenze del dittatore - come quelle di Assad a Damasco - non comprendevano il fondamentalismo religioso e la sua dittatura non permetteva di avere concorrenti. Mariano Aguirre, direttore del Centro risorse norvegese per la costruzione della paceha inoltre sottolineato che "il Primavera araba che avrebbe trasformato democraticamente il Medio Oriente si è rivelato un periodo di violente incertezze e inaspettati riallineamenti geopolitici. Gli ottimisti strateghi della promozione della democrazia non avevano previsto che la caduta dei dittatori avrebbe potuto portare a una violenta frammentazione della regione.

 Martiri del XXI secolo

Istituzione del Califfato da parte del gruppo terroristico Daesh in alcune zone dell'Iraq e della Siria nel giugno 2014 ha portato all'attenzione dell'opinione pubblica mondiale la violenta persecuzione dei cristiani in Medio Oriente. Le macabre fotografie e i video di torture e crocifissioni di cristiani, diffusi dagli stessi terroristi per diffondere il panico, sono stati un campanello d'allarme per le coscienze di molti leader politici e sociali in tutto il mondo. Il video scioccante dei terroristi dello Stato Islamico che decapitano 21 cristiani copti egiziani con dei coltelli su una spiaggia libica ha fatto il giro del mondo nel febbraio 2015. Così come le immagini delle case dei cristiani contrassegnate da scritte in arabo. suora - l'originale della parola "nasrani" ("nazareni") -, che ci ricordano le pratiche naziste per stigmatizzare e terrorizzare gli ebrei, e che hanno portato a conoscenza del mondo intero questo fenomeno di persecuzione selvaggia contro i cristiani, denunciato in tante occasioni, anche prima della comparsa del Daesh.

All'epoca, l'attivista somalo-olandese Aayan Hirsi Ali pubblicò un articolo sul settimanale statunitense Newsweek intitolato La guerra globale contro i cristiani nel mondo musulmano. Aayan Hirsi Ali ha denunciato che "I cristiani vengono uccisi nel mondo islamico a causa della loro religione. È un genocidio crescente che dovrebbe suscitare un allarme globale [...]. La cospirazione del silenzio che circonda questa violenta espressione di intolleranza religiosa deve finire. È in gioco niente di meno che il destino del cristianesimo - e in ultima analisi di tutte le minoranze religiose nel mondo musulmano".

In un altro articolo, il Segretario esecutivo del Comitato ebraico americanoDavid Harris ha evidenziato la passività e il silenzio di fronte a questo fenomeno di intolleranza e violenza: "Quello che c'è stato è stato il silenzio. Come ebreo trovo questo silenzio incomprensibile. Noi ebrei sappiamo bene che il peccato del silenzio non è una soluzione agli atti di oppressione. [Quanti altri attentati, quanti altri fedeli morti, quante altre chiese distrutte e quante altre famiglie dovranno fuggire prima che il mondo trovi la sua voce, esprima il suo sdegno morale, chieda qualcosa di più di effimere dichiarazioni ufficiali di dolore e non abbandoni le comunità cristiane in pericolo?

Secondo l'organizzazione Porte aperteOggi, circa 100 milioni di cristiani subiscono una qualche forma di persecuzione in più di 60 Paesi e più di 7.000 cristiani sono morti nel 2015 a causa della loro fede. Società internazionale per i diritti umaniuna ONG tedesca, stima che l'80 % della discriminazione religiosa attualmente in atto nel mondo sia diretta contro i cristiani.

Il 13 marzo 2015, cinquanta Paesi hanno firmato una risoluzione in occasione della riunione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra, "a sostegno dei diritti umani dei cristiani e di altre comunità, soprattutto in Medio Oriente". La risoluzione, i cui primi promotori sono stati la Russia, il Libano e la Santa Sede, invita i Paesi a sostenere la presenza storica di lunga data di tutte le comunità etniche e religiose in Medio Oriente e ricorda che le comunità cristiane in questa regione sono particolarmente in pericolo: "Il Medio Oriente sta vivendo una situazione di instabilità e di conflitto che si è recentemente esacerbata. Le conseguenze sono disastrose per la regione. L'esistenza di molte comunità religiose è seriamente minacciata. I cristiani sono ora particolarmente colpiti. Oggi anche la loro sopravvivenza è in discussione [...]. La situazione dei cristiani in Medio Oriente, una terra dove vivono da secoli e dove hanno il diritto di rimanere, è una questione di grave preoccupazione".

Tre giorni dopo l'adozione della risoluzione, il rappresentante diplomatico del Vaticano presso le Nazioni Unite a Ginevra, Silvio Tomasi, ha dichiarato: Dobbiamo fermare questo tipo di genocidio". Altrimenti, in futuro ci chiederemo perché non abbiamo fatto nulla, perché abbiamo permesso che accadesse una tragedia così terribile". Più recentemente, il vescovo siriano di Homs, mons. Jean Abdou, ha denunciato l'esistenza di un vero e proprio genocidio in Siria e ha denunciato che "Alcuni Paesi non si preoccupano dei cristiani in Medio Oriente"..

Tra le conclusioni del rapporto sulla libertà religiosa nel mondo nel 2016 pubblicato da Aiuto alla Chiesa che Soffreil sacerdote siro-cattolico Jacques Murad

-catturato nel maggio 2015 da Daesh e che riuscì a fuggire tre mesi dopo, come racconta nella sezione dedicata al Persone che contano-sottolinea che "Il nostro mondo è sull'orlo di una catastrofe totale, perché l'estremismo minaccia di cancellare ogni traccia di diversità nella società. Ma se c'è una cosa che la religione ci insegna è il valore della persona umana, la necessità di rispettare l'altro come dono di Dio". Spiega come, nella sua città natale di Al Qaryatayn, sia riuscito a riprendersi grazie all'aiuto di un amico musulmano. "La cosa più facile per me sarebbe stata cadere nella rabbia e nell'odio, ma Dio mi ha mostrato un'altra strada. Durante la mia vita di monaco in Siria ho cercato di trovare un terreno comune con i musulmani.

            Il rapporto evidenzia "l'emergere di un nuovo fenomeno di violenza religiosa che potremmo definire 'iperestremismo' islamista", che si caratterizza per la sua Il "credo estremista e il sistema legale e di governance radicale, il tentativo sistematico di annientare o espellere qualsiasi gruppo che non condivida le sue idee, il trattamento insensibile delle vittime, l'uso dei social media per reclutare sostenitori o intimidire gli oppositori e la ricerca di un impatto globale favorita dai gruppi estremisti associati".

Gli effetti perversi di questo iper-estremismo sui cristiani arabi sono evidenti: "In alcune zone del Medio Oriente, tra cui Siria e Iraq, sta eliminando ogni forma di diversità religiosa".. A causa del radicalismo islamico, secondo le Nazioni Unite il numero di rifugiati nel mondo è cresciuto da 5,8 milioni nel 2015 a 65,3 milioni nel 2016.

 L'Egitto e i copti

Il termine "copto" è utilizzato in diversi sensi, non solo nel consueto senso religioso. Per la maggior parte dei copti il termine non è semplicemente una designazione religiosa; gli attribuiscono anche un significato culturale e persino etnico. Sottolineano che il termine deriva dal greco "Aygyptos" e sostengono che l'identità copta è intrinsecamente legata all'identità, alla storia e alla cultura egiziana. Costituiscono la più grande comunità arabo-cristiana del Medio Oriente.

La violenza contro i copti basata sull'identità religiosa è un fenomeno recente. La prima apparizione risale al 1972, quando i musulmani della città di Khankah bruciarono una chiesa illegale e distrussero le proprietà copte. Da allora la violenza è continuata. Negli ultimi decenni sono stati uccisi circa 1.800 copti e centinaia di atti di vandalismo sono stati perpetrati contro le proprietà cristiane, senza che quasi nessuno sia stato assicurato alla giustizia, né tantomeno punito.

L'attacco più efferato contro i cristiani è avvenuto ad Alessandria il 1° gennaio 2011, quando un attentatore suicida ha preso di mira i copti che si trovavano in una chiesa per le funzioni di Capodanno. Ventuno cristiani sono stati uccisi e 97 feriti. Nel luglio 2013, a seguito delle proteste che hanno portato al rovesciamento del presidente islamista Mursi, sono scoppiati giorni di intense violenze che hanno contrapposto l'esercito ai sostenitori dei copti. Fratelli Musulmani. I copti sono stati violentemente perseguitati dagli islamisti, che li hanno accusati di essere dietro il colpo di Stato contro Mursi. Durante l'estate del 2013, mezzo centinaio di chiese e diverse centinaia di proprietà cristiane sono state attaccate o bruciate e decine di copti sono stati uccisi. Jordi Batallá, coordinatore del lavoro sul Nord Africa presso Amnesty InternationalLa polizia, ha poi denunciato la passività delle forze di sicurezza dello Stato.

 Iraq: Assiri e Caldei

Le principali comunità arabe cristiane in Iraq sono i caldei e gli assiri. Negli ultimi decenni del XX secolo i cristiani iracheni, come i loro compatrioti musulmani, hanno sofferto sotto il regime totalitario di Saddam Hussein, che non tollerava alcuna forma di organizzazione o istituzione collettiva senza il diretto controllo dello Stato. Nonostante il riconoscimento costituzionale della libertà religiosa, la religione e la pratica religiosa sono state sottoposte a pesanti controlli. Dopo la caduta di Saddam Hussein nel 2003, Al Qaedaprima, e DaeshGli attacchi, quindi, hanno scatenato la caccia ai cristiani. Solo tra il 2004 e il 2009, in Iraq sono stati registrati circa 65 attacchi a chiese cristiane. Nell'ottobre 2010, un centinaio di cristiani sono stati rapiti da un gruppo di jihadisti in una chiesa cristiana assira di Baghdad. Il risultato è che 58 ostaggi sono stati uccisi e 67 feriti. I sequestratori sono entrati in chiesa con il fuoco aperto durante la messa della vigilia di Ognissanti. Natale 2013, Daesh ha perpetrato un massacro di cristiani a Baghdad. Un'autobomba è esplosa davanti a una chiesa mentre si celebrava la messa di mezzanotte. Trentotto persone sono state uccise e 70 ferite.

9 giugno 2014 Daesh ha preso il controllo di parti considerevoli dell'Iraq centrale e occidentale e della Siria orientale. Il 29 giugno ha pubblicato una registrazione in cui annuncia l'istituzione di un califfato da Aleppo (Siria) a Diyala (Iraq). Qualche giorno dopo, Daesh si è rivolto ai cristiani di Mosul con un messaggio scritto in cui li minacciava di morte se non si fossero convertiti all'Islam.

Nel settembre 2014, il patriarca caldeo Louis Raphael Sako, in un incontro con l'ambasciatore statunitense presso le Nazioni Unite Keith Harper, ha chiesto la protezione dei cristiani iracheni. Il patriarca ha avvertito che se i cristiani iracheni non potessero tornare ai loro luoghi d'origine nella Piana di Ninive, vicino a Mosul, subirebbero lo stesso destino dei palestinesi sfollati. Ha aggiunto: "I cristiani in Iraq avranno un futuro se la comunità internazionale ci aiuterà immediatamente. La popolazione è delusa dal poco aiuto ricevuto finora. Circa 120.000 cristiani sono attualmente sfollati in Iraq. Hanno bisogno di tutto, perché i terroristi del Daesh hanno preso tutto.

Siria: melchiti e siriaci

In Siria, le due principali comunità cristiane sono i melchiti e i siriaci. Lo Stato siriano è una repubblica sotto una dittatura militare guidata da Bashar Al Assad. Sotto questa dittatura, le comunità cristiane arabe in Siria sono supervisionate dal regime, ma il governo lascia loro la libertà di acquistare terreni e costruire chiese. Le chiese gestiscono liberamente i loro affari interni. Il governo è anche responsabile della fornitura di elettricità e acqua alle chiese. I cristiani praticano liberamente la loro fede e le liturgie delle festività religiose sono trasmesse dai media pubblici.

La situazione è cambiata sostanzialmente negli ultimi cinque anni. Ispirati dalle rivolte popolari in Tunisia ed Egitto, nel marzo 2011 folle di manifestanti siriani sono scese in piazza contro il regime siriano. Al Assad ha risposto con la forza militare. Ancora oggi, dopo oltre cinque anni di guerra civile, il regime siriano continua a sgretolarsi, senza alcuna speranza che un intervento esterno o una ribellione armata possano accelerarne la caduta e porre fine alla repressione che ha già causato centinaia di migliaia di morti, sfollati e rifugiati.

Con l'entrata nel conflitto siriano della DaeshLa situazione del conflitto è cambiata radicalmente, come è cambiata radicalmente la comunità cristiana siriana, che lotta per il rovesciamento del regime di Assad e cerca di attirare le forze ribelli che agiscono contro il regime. È così che la vivono i cristiani siriani e anche come la percepiscono gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali, che sono passati dal prendere in considerazione un intervento armato in Siria contro il regime di Al Assad nell'estate del 2013 a sviluppare, dalla fine di settembre 2014 ad oggi, un intervento contro Daeshin collaborazione con Al Assad sul territorio siriano.

Tra il 2011 e il 2013, un migliaio di cristiani siriani hanno perso la vita e circa 450.000 sono stati sfollati, secondo il patriarca di Antiochia per i melchiti cattolici, Gregorio III Laham. Nel giro di due anni, la città di Aleppo, che in precedenza aveva la più grande comunità cristiana della Siria, ha perso la maggior parte dei suoi membri. L'esodo dei cristiani dalla Siria è una ripetizione di ciò che è accaduto in Iraq negli ultimi dieci anni. Nel 2014, Daesh ha lanciato una persecuzione dei cristiani nel territorio che controllava nel nord della Siria. Secondo il rapporto 2015 dell'organizzazione Porte aperteDall'inizio della guerra, il 40 % della popolazione cristiana ha lasciato il Paese: circa 700.000 persone. 

Il Libano e i maroniti

I maroniti sono la principale comunità arabo-cristiana del Libano, l'unico Paese del Medio Oriente in cui i cristiani - il 40 % della popolazione - non sono una minoranza. È l'unico Paese della regione il cui capo di Stato deve essere costituzionalmente cristiano. Questo fa del Libano un Paese unico, anche se va detto che la recente elezione di Michel Aoun ha richiesto un anno di intensi negoziati.

I cristiani in Libano, come popolo libero, hanno avuto la capacità di guidare la rinascita culturale e intellettuale araba della prima parte del XX secolo e hanno lavorato come agenti di progresso in Libano in tutti i campi: istruzione, media, innovazione commerciale, banche e industria dell'intrattenimento. Beirut, nonostante quasi tre decenni di guerra civile, è ancora la città più libera del mondo arabo e continua a essere il polmone di molti cristiani emigrati da Turchia, Armenia, Siria o Iraq.

Le rivoluzioni e i cambi di regime che hanno scosso il Medio Oriente negli ultimi anni non hanno toccato il Paese dal punto di vista istituzionale, anche se le conseguenze sono evidenti vista l'ondata di rifugiati siriani che il Libano sta ospitando - più di un milione - in un Paese di soli quattro milioni di abitanti.

Palestina e Israele

Le comunità arabe cristiane che vivono nel territorio palestinese-israeliano non sono numericamente così grandi come quelle in Libano, Egitto, Siria o Iraq.

In Israele vivono circa 161.000 cristiani, 80 % di origine araba. La maggior parte risiede nel nord. Le città con il maggior numero di cristiani sono Nazareth (circa 15.000), Haifa (15.000), Gerusalemme (12.000) e Shjar'am (10.000).

Circa 52.000 cristiani arabi, per lo più greco-ortodossi melchiti, vivono nel territorio palestinese (Cisgiordania e Gaza). Gli altri sono siriaci, cattolici romani, greco-cattolici, armeni, copti e maroniti.

 

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.