Mondo

La Chiesa in Nigeria chiede rispetto e dialogo di fronte alla persecuzione dei cristiani

Omnes-21 marzo 2018-Tempo di lettura: 4 minuti

Come nazione sovrana, la Nigeria ha un futuro luminoso. Tuttavia, non è ancora riuscita a crescere in modo sostenibile a causa dei problemi sociali che l'hanno accompagnata fin dalla sua fondazione. Raggiungere l'auspicata coesistenza pacifica è diventata una delle sue maggiori sfide.

-Testo Jerome Omoregie, Lagos (Nigeria)

Negli ultimi anni, la realtà dei cristiani in Nigeria ha risentito dell'emergere di gruppi islamisti radicali. La persecuzione ha raggiunto il punto in cui la Nigeria è il secondo Paese più bersagliato dai cristiani, secondo la lista delle persecuzioni globali 2017 di Porte Aperte.

La Nigeria ha fatto molta strada negli ultimi 57 anni di indipendenza. Con la democrazia, ora ci sono sia il governo che l'opposizione, una situazione che sta creando un ambiente favorevole a una sana competizione ed evoluzione politica, economica e sociale. Questo progresso è il risultato della necessità di cambiare la tensione e l'insoddisfazione che il Paese ha vissuto a causa di anni di ingiustizie, insicurezza e corruzione.

La società nigeriana vede già una graduale crescita economica e una prima lotta alla corruzione. Ma il governo ha ancora molto lavoro da fare. Per sanare le ferite del passato, le autorità devono ascoltare tutti, mantenere la promessa di combattere la corruzione a prescindere dall'appartenenza etnico-politica e promulgare leggi che favoriscano il settore dell'istruzione e della sanità.

Chiede inoltre una maggiore trasparenza nella nomina dei funzionari e del personale statale, una riduzione dei costi eccessivi della pubblica amministrazione e, in breve, un trattamento equilibrato delle confessioni religiose.

Insicurezza sociale

Siamo consapevoli della significativa riduzione dell'insurrezione di Boko Haram, un gruppo jihadista che ha rapito, ridotto in schiavitù e ucciso migliaia di cristiani in Nigeria. La liberazione di alcune delle 219 ragazze rapite a Chibok (nord-est del Paese) nel 2014 ha portato speranza a un popolo che ha vissuto sotto il giogo del terrore. In questo caso, è stato notato lo sforzo del governo nigeriano per porre fine alla sequenza di eventi dolorosi e disumani. D'altra parte, la recente ondata di rapimenti di sacerdoti e religiosi ha provocato la perdita di alcune vite e generato molte tensioni sociali. Finora non sono noti retroscena politici o religiosi dietro questi rapimenti, se non per possibili interessi economici di privati.

Impatto sul cristianesimo

In che modo questi eventi influenzano la vita e le attività della Chiesa cattolica in Nigeria? È vero che in passato c'è stata un'eccessiva violenza religiosa, ma la sofferenza per le minacce e gli abusi di Boko Haram è ancora presente nel nord-est della Nigeria, dove la violenza si è spinta fino a inibire il normale culto pubblico. Purtroppo le chiese sono state i principali obiettivi degli attacchi terroristici.

Il nostro obiettivo attuale è quello di riconciliare le parti in causa nelle comunità colpite. Grazie ai negoziati, la vita sta gradualmente tornando alla normalità e si spera di recuperare la fiducia perduta.

Sebbene molte parti del Paese godano di una coesistenza armoniosa, l'intolleranza religiosa persiste. Questo viene denunciato, per esempio, nel comunicato emesso dal Conferenza episcopale della Nigeria nel settembre 2017: "I governi del Nord che negano ad alcune delle nostre diocesi il diritto di possedere terreni per le missioni si oppongono alla concessione di titoli di proprietà.". Questi eventi vanno contro il diritto alla libertà di culto garantito dalla Costituzione.

Credo che la fede cristiana sia sempre stata testimone di sfide e continuerà a esserlo. La Chiesa diventa più forte in mezzo a queste difficoltà perché la nostra forza viene dalla grazia divina. È commovente vedere che anche di fronte alle minacce alla vita dei parrocchiani da parte di attacchi terroristici, abbondano le testimonianze di sacerdoti e laici coraggiosi che si riuniscono per celebrare la Santa Messa.

Possibili passi avanti

La situazione del cattolicesimo in Nigeria (23 milioni di abitanti), con il secondo maggior numero di fedeli in Africa, è una grande sfida. Tuttavia, siamo fiduciosi di poter superare i conflitti attraverso il dialogo, l'educazione e il rispetto.

Il dialogo, basato sul rispetto reciproco e sull'ascolto sincero, rimane un modo genuino per affrontare i disaccordi. La Chiesa cattolica si è sempre impegnata nel dialogo su più fronti. In primo luogo, con gli altri cristiani per cercare un terreno comune e raggiungere l'unità. D'altra parte, con le religioni non cristiane si cerca una coesistenza pacifica e rispettosa. A un terzo livello, con il governo, per affrontare legittimamente le decisioni politiche che hanno un impatto negativo sulla popolazione nigeriana. Il dialogo continuo a tutti questi livelli deve continuare, perché solo quando inizieremo a vederci come fratelli la violenza cesserà di essere un'opzione.

L'istruzione è essenziale per garantire il progresso sociale. Pertanto, il ritorno alla collaborazione tra Chiesa e Stato garantirebbe l'erogazione di un'istruzione di alta qualità, sostenendo i valori che aiutano a costruire una nazione unita. Non sono favorevole a un ritorno nostalgico ai vecchi tempi delle scuole missionarie. Dovremmo invece lavorare per un tipo di collaborazione tra Chiesa e Stato che prenda come pilastri i valori ereditati da quei giorni e li adatti alle esigenze del tempo.

Occorre inoltre incoraggiare l'impegno cristiano per la costruzione della nazione attraverso il rispetto dell'autorità costituita. I cristiani sono chiamati a partecipare attivamente agli affari socio-politici per realizzare la trasformazione necessaria (cfr. Lumen Gentium, 35; Christifideles laici, 15). Gli sviluppi positivi si ottengono quando coloro che hanno la capacità di apportare i cambiamenti necessari agiscono di conseguenza. Il governo deve, a sua volta, completare questo gesto con il rispetto e l'applicazione non selettiva dello Stato di diritto.

Mentre guardiamo al futuro e lavoriamo per diventare una nazione che vive in libertà, pace e unità, dobbiamo essere pazienti. Il processo di riparazione richiede tempo. Qui i cattolici hanno un ruolo importante da svolgere nella costruzione della nazione ed è dovere dello Stato garantire la libertà di culto per tutti.

Il dialogo fraterno, l'educazione di qualità e il rispetto universale, senza eccezioni, diventano strumenti essenziali per garantire la tanto agognata pace. Come cristiani, dobbiamo anche affidare la Nigeria alla guida dello Spirito Santo, che soffia dove vuole e la cui azione trasformatrice penetra nel cuore di tutti gli uomini.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.