Attualità

Il cardinale SturlaRead more : "La Chiesa incoraggia una vita post-pandemia con più speranza" : "La Chiesa incoraggia una vita post-pandemia con più speranza".

Il cardinale Daniel Sturla è alla guida dell'unica arcidiocesi dell'Uruguay da sei anni. È un chiaro riferimento non solo nella Chiesa, ma anche nella società uruguaiana. È giovane (61 anni) e un buon comunicatore, ma ancora più importante è il fatto che appena un anno dopo essere stato nominato arcivescovo, Papa Francesco lo ha nominato cardinale.

Omnes-30 luglio 2020-Tempo di lettura: 10 minuti

La Conferenza episcopale dell'Uruguay stava organizzando il V Congresso eucaristico nazionale, che si sarebbe tenuto in ottobre. Palabra aveva previsto di intervistare il cardinale Daniel Sturla in questa occasione. La domanda era se, con il ritardo al 2021 dovuto a Covid-19, anche il colloquio dovesse essere rimandato. E se c'è una cosa che l'arcivescovo di Montevideo non sa fare è dire di no. Ha una reputazione conquistata a fatica. Ha una reputazione duramente guadagnata. Ed egli rispose: "Forza, forza, forza. E poi ha sottolineato che il V Congresso Eucaristico in realtà è già iniziato, con il rinnovo della consacrazione dell'Uruguay alla Vergine di Treinta y Tres, nel novembre dello scorso anno.

In questo Paese, dove il calcio è passione, non è facile "partito" la Chiesa deve giocare a Montevideo. L'educazione pubblica è "laico, libero e obbligatorio".Ricorda il cardinale salesiano, per il quale è importante "promuovere un'identità cattolica ferma, forte, trasparente e gioiosa, e allo stesso tempo avere la capacità di dialogo".. Nell'intervista parla di iniziative ecclesiali, di vocazioni, di "periferie"... Ad esempio, si riferisce a Padre "Cacho" (Rubén Isidoro Alonso, SDB). Era solito dire che i nostri poveri sono "i poveri di Dio", sottolinea il cardinale, perché parte della realtà della secolarizzazione in Uruguay ha toccato soprattutto i più poveri. Iniziamo con il Papa.

È stato sorpreso dalla nomina a cardinale e conosceva già Papa Francesco?

-E' stata una sorpresa totale! Non lo dico per fare il modesto, ma perché è una realtà. Il Papa mi ha fatto cardinale come dono alla Chiesa uruguaiana, che stima molto, perché la conosce per la sua vicinanza, per la sua prossimità, perché ha molti amici in Uruguay. Non conoscevo Papa Francesco. L'avevo incontrato per la prima volta quando ero vescovo ausiliare a Rio de Janeiro, alla Giornata Mondiale della Gioventù del 2013. E nemmeno io avevo fatto nulla di rilevante in un anno da arcivescovo. Penso che sia stato un gesto di affetto nei confronti della Chiesa uruguaiana.

In ogni caso, il gesto del Papa ha avuto un buon "ritorno": il Cardinale è molto affezionato alla parte di Chiesa che gli è toccata in sorte, e sta raggiungendo obiettivi e guadagnando consensi.

-La chiesa di Montevideo è bellissima! A Montevideo, come tutta la Chiesa uruguaiana, è una Chiesa povera e libera, piccola e bella. È stata libera perché la secolarizzazione di cento anni fa ha fatto sì che dovesse cavarsela da sola, senza il sostegno dello Stato e spesso con una certa ostilità... ostilità pacifica, non aggressiva, un certo disprezzo. E quindi ha la bellezza di essere una Chiesa in cui nessuno è cattolico per convenienza sociale, nessuno diventa sacerdote per divertirsi, le vocazioni sono vocazioni più sofferenti... E tutto questo le dà le sue caratteristiche.

È anche una Chiesa che ha sofferto molto nel periodo post-conciliare, come altre Chiese, e dove c'è stato un calo molto forte nella partecipazione dei fedeli... Questo è ciò che ci interroga e a cui stiamo cercando di rispondere.

Lei ha insistito, come urgenza pastorale, per raggiungere i quartieri più disagiati, le "periferie", come le chiama Papa Francesco. 

-Padre "Cacho" (Rubén Isidoro Alonso, SDB), un sacerdote di cui abbiamo avviato la causa di beatificazione, ha trascorso gli ultimi quattordici anni della sua vita condividendo la sua esistenza in una "cantegril" ("Villa miseria"), un luogo molto povero. Ha detto che i nostri poveri sono "I poveri di Dio", perché parte della realtà della secolarizzazione in questo Paese ha toccato soprattutto le persone più povere. 

Voglio dire, la nostra povertà ha questa caratteristica: è gente povera che non conosce Dio, che non sa chi è Gesù Cristo, la cui vita religiosa è molto ignorante, molto indifferente. Molti di loro hanno riferimenti a parrocchie e opere sociali cattoliche, ma si tratta di riferimenti che non toccano l'aspetto religioso.

Da quasi un secolo gli alunni delle scuole pubbliche non ricevono un'educazione cristiana. Come possiamo evangelizzare in una società segnata dall'assenza di valori cristiani?

-Ci sono due cose molto importanti per me.. Come promuovere, con assoluta chiarezza, un'identità cattolica ferma, forte, trasparente, gioiosa, e allo stesso tempo avere la capacità di dialogo. Questo è importante, perché ogni volta che l'identità viene sottolineata, sembra che si stia acquisendo un'armatura da crociato...

La proposta è di poter avere un'identità chiara in una società plurale, con uno spirito di dialogo, senza complessi, cosa che forse c'è stata nella Chiesa in Uruguay. E, allo stesso tempo, senza pretese di un cristianesimo che non è mai stato forte in Uruguay e che non esiste più da cento anni. In altre parole, non si tratta di tornare a un passato glorioso, che in Uruguay non abbiamo mai avuto, ma di guardare con serenità e gioia alla nostra identità cattolica, nel contesto della società plurale e democratica che contraddistingue la nostra cultura uruguaiana.

In questa linea, il cardinale Sturla ha pianificato un'importante missione nell'arcidiocesi.

-Abbiamo fatto un programma missionario "Jacinto Vera (venerabile primo vescovo di Montevideo, 1813-1881), il cui scopo era quello di essere, nella verità, "Chiesa in uscita", e non solo sulla carta. L'anno scorso è stata realizzata la prima esperienza, denominata Missione Casa de Todos. Le parrocchie che hanno voluto aderire, 50 delle 83 parrocchie dell'arcidiocesi, hanno aderito. C'è stata una mobilitazione per andare nelle strade, nei centri commerciali, sugli autobus, per fare attività, per invitare le persone dei diversi quartieri a un'attività organizzata dalla parrocchia. 

È stata soprattutto una mobilitazione delle parrocchie... E molti hanno detto: finalmente la Chiesa cattolica si vede per strada, finalmente la Chiesa esce per evangelizzare...

Mostrare che la Chiesa è viva è importante per tutti... Ci sono iniziative pastorali nell'arcidiocesi che hanno lasciato un segno particolare.

-Nel 2016 abbiamo lanciato la campagna "Natale con Gesù", un programma da sviluppare durante il periodo di Avvento, composto da cinque punti: una novena all'Immacolata Concezione, recitando il Rosario dell'Aurora in determinati luoghi; un gesto di solidarietà da parte della famiglia o della comunità; una preghiera da recitare la vigilia di Natale nelle case delle famiglie, dato che qui, ufficialmente, il giorno di Natale è il giorno della famiglia: in Uruguay, il calendario è stato secolarizzato nel 1919... 

Il "Natale con Gesù prevede anche la collocazione di un balcone con questa espressione e con l'immagine del presepe. Questo è stato molto popolare e si è diffuso anche nell'interno del paese: i balconi sono stati venduti a migliaia... 

Infine, incoraggiamo le persone a portare in chiesa l'immagine del Bambino Gesù per la benedizione la domenica prima di Natale. In questo modo incoraggiamo le famiglie ad allestire il presepe (il "presepe"), perché stavano abbandonando l'abitudine di farlo e mettevano solo l'albero...

Lei ha parlato spesso della Chiesa che avanza insieme, del ruolo dei genitori nell'educazione, dell'importanza di portare Cristo nelle realtà temporali?

-Questo è certamente il caso. E penso che la Chiesa in Uruguay abbia una grande esperienza. In primo luogo, perché si occupa di istruzione dalla scuola materna all'università, con due università: l'Università Cattolica e l'Università di Montevideo. E con una forte esperienza di servizio sociale.

Allo stesso tempo, abbiamo creato opportunità di dialogo. Stiamo facendo rivivere un'istituzione cattolica molto importante all'epoca, il Circolo Cattolico, fondato nel 1878, che cercava di stabilire un dialogo con la società. E, dall'altro lato, stiamo promuovendo un'esperienza molto interessante, che si chiama "Chiesa in dialogo". Ciò è scaturito da un invito rivolto dal Presidente Tabaré Vázquez nel 2016 a presentare proposte per il dialogo sociale.

Non è decollato, ma ha creato una dinamica che ha fatto sì che l'anno scorso, che era un anno di elezioni, tutti i candidati presidenziali fossero invitati a incontri con questo gruppo di "Chiesa in dialogo", svolte da laici. Io ho partecipato agli incontri, ma in realtà sono stati loro a portarlo avanti, e dove la Chiesa ha potuto contribuire con la sua voce e le sue proposte, che avevamo elaborato su cinque temi della realtà uruguaiana: l'educazione, la convivenza civile, l'ambiente, la promozione della donna, il mondo imprenditoriale e il lavoro.

Naturalmente, poiché l'evangelizzazione è compito di tutti nella Chiesa, i sacerdoti sono indispensabili. Il primo giovedì del mese preghiamo in particolare per le vocazioni nell'arcidiocesi....

-È una realtà molto dura. In Uruguay c'è sempre stata una mancanza di vocazioni sacerdotali e religiose, e oggi le vocazioni arrivano a singhiozzo. Nel seminario interdiocesano, l'unico in tutto l'Uruguay, ci sono 25 giovani, sette dei quali provenienti dall'arcidiocesi di Montevideo. Ma non ci arrendiamo. In questo momento c'è un interessante movimento giovanile, che darà i suoi frutti.

Il tuo "spostato". La storia vocazionale personale, cioè la storia della sua vocazione sacerdotale, qual è? 

-La mia vocazione salesiana è nata all'Istituto Juan XXIII, quando avevo 17 anni e frequentavo il quinto anno di liceo. Il direttore era un uomo di Dio, un uomo molto buono, che lavorava per le vocazioni, don Félix Irureta. Dopo un ritiro con la mia classe, l'8 settembre, festa della Natività della Vergine Maria, mi chiese se avevo pensato di diventare sacerdote... E aggiunse una cosa molto importante: che mi stava facendo questa domanda, ma che non me l'avrebbe mai più ripetuta, che dovevo sentirmi totalmente libero.

All'epoca lo ringraziai, ma gli dissi che mi vedevo con una famiglia, una carriera... Non mi disse più nulla. Ho continuato a studiare, a uscire, in un ambiente molto bello, in un momento molto difficile per il Paese... Inoltre, avevo perso entrambi i miei genitori a distanza di tre anni l'uno dall'altro: mio padre è morto quando avevo tredici anni e mia madre quando ne avevo sedici. Io sono la più giovane di cinque fratelli, quindi siamo rimasti a vivere insieme e a organizzarci da soli.

Terminati gli studi alla Giovanni XXIII, mi iscrissi alla Facoltà di Giurisprudenza, ma l'inquietudine continuava a martellare il mio cuore. Così, in quel primo anno di giurisprudenza, decisi finalmente di entrare nel noviziato salesiano, nel 1979, all'età di diciannove anni... Per farla breve, fui ordinato sacerdote il 21 novembre 1987, all'età di 28 anni, e dopo qualche anno fui direttore del Juan XXIII. In seguito fui nominato Ispettore dei Salesiani in Uruguay e, dopo tre anni di Ispettoria, Papa Benedetto mi nominò vescovo ausiliare di Montevideo.

I sacerdoti di altri paesi sono venuti a Montevideo per dare una mano?

-L'Uruguay è una sfida; mi piace quando i sacerdoti che vengono qui riescono a cogliere lo spirito uruguaiano e a superare la prima barriera. 

Nel nostro Paese la risposta religiosa è molto fredda, molto scarsa... Molti sacerdoti si scoraggiano, soprattutto quelli che provengono da Paesi in cui la figura del sacerdote è una figura molto prestigiosa; arrivano qui e scoprono che il sacerdote non vale solo perché è un sacerdote, ma perché è un buon sacerdote; non perché ha il titolo, la posizione, il collarino... Il sacerdote che vive questa esperienza, che ne vede gli aspetti positivi e la sfida che comporta, riesce a capire la realtà e porta frutto.

C'è un gruppo argentino che viene da sei anni, e sta lavorando molto bene e portando molti frutti, la Società di San Giovanni. L'anno scorso è venuta una congregazione peruviana, Pro Ecclesia SanctaStanno lavorando bene anche in una parrocchia e all'Università Cattolica.

Nella solennità di Pentecoste, la domenica in tutto l'Uruguay si è iniziato a pregare il Credo niceno-costantinopolitano, ulteriore espressione della preoccupazione per i "poveri di Dio" a tutti i livelli della società.

-Dobbiamo essere formati nella fede. Non parlo di formazione teologica, ma di formazione di base; spesso, con una catechesi carente, ai cattolici mancano gli elementi fondamentali della fede. Da qui nasce la preoccupazione di tutti i vescovi di far conoscere la fede, di essere entusiasti nella professione della fede cattolica, con un'identità chiara in un mondo pluralista come quello uruguaiano, molto secolarizzato. Non si tratta di rimpicciolire o ingrandire noi stessi, ma di essere felici della fede in cui crediamo e che viviamo. Per questo dobbiamo conoscerlo. 

Per questo, durante il periodo pasquale, abbiamo iniziato qui e diffuso in tutte le diocesi, un processo formativo che consisteva in un sussidio che portava un punto del catechismo ogni giorno e un rinnovo della professione di fede nel giorno di Pentecoste. La recita del Credo niceno-costantinopolitano, che è più catechetico del Credo apostolico, più esplicativo delle verità essenziali della fede, è sulla stessa linea.

La Conferenza episcopale uruguaiana stava organizzando il V Congresso eucaristico nazionale per il mese di ottobre, ma la Covid-19 ha costretto a rimandarlo al 2021. Cosa vi aspettate da questo evento?

-Il Congresso, in realtà, è iniziato con il rinnovo della consacrazione dell'Uruguay alla Vergine di Treinta y Tres, che noi vescovi abbiamo fatto nella cattedrale di Florida l'11 novembre dello scorso anno. Dico rinnovamento, perché è quello che abbiamo fatto: tornare alla consacrazione fatta da San Giovanni Paolo II nel 1988, quando era tra noi. In tutte le diocesi c'è stato un mese di preparazione, ed è stato un evento di vita e di fede vissuto in tutte le comunità. Durante questo periodo di pandemia, via zoomCelebriamo soprattutto la solennità di Pentecoste, come ho già spiegato. 

L'obiettivo del congresso sarà quello di "procurare un rinnovamento della fede del popolo di Dio in pellegrinaggio in Uruguay, specialmente nel mistero eucaristico".. Il tema, L'Eucaristia: il sacrificio di Cristo che salva il mondo. E lo slogan, Prendete e mangiate: il mio Corpo dato per voi.

Come potete vedere, sottolineiamo la realtà sacrificale dell'Eucaristia. Qui in Uruguay, come altrove, ma in Uruguay in particolare, la dimensione comunitaria della celebrazione eucaristica, che è ovviamente un elemento chiave per la vita della Chiesa, è stata a suo tempo molto enfatizzata. "assemblea convocata".. E l'assemblea convocata della Chiesa si esprime fondamentalmente nell'Eucaristia, ma anche se credo che questo sia abbastanza presente nei fedeli, il fatto del sacrificio di Cristo, che l'Eucaristia è un'attualizzazione del sacrificio di Cristo, è rimasto molto diluito nella coscienza cristiana. Per questo noi vescovi abbiamo voluto sottolineare questa dimensione, senza ignorare l'altra.

È un tempo di pandemia ovunque, con tutte le peculiarità che questo comporta per la vita di fede. L'Uruguay ha avuto un basso numero di persone infette e di morti. Come è stata presente la Chiesa in questo periodo?

-Sono molto felice, perché quando è iniziata la pandemia sembrava che per noi stesse arrivando la notte sotto molti aspetti. Ma qui, a differenza di altri Paesi, le chiese non sono mai state chiuse. Qui potevano rimanere aperte; quello che non potevano fare era organizzare celebrazioni che riunissero i fedeli; questo dipendeva dai parroci o dai rettori delle chiese, se le tenevano aperte.

È stata un'esperienza molto piacevole. La domenica la benedizione con il Santissimo Sacramento veniva impartita nei quartieri, in città; la maggior parte dei sacerdoti lo faceva e credo che abbia portato frutti. La risposta sui social network è stata immediata. Il giorno dopo l'inizio del confino, le Messe venivano già trasmesse sulle piattaforme. Quasi tutte le parrocchie e le istituzioni hanno iniziato a lavorare in questo modo, così come le scuole e le università cattoliche. Allo stesso tempo, c'era una risposta da parte dei fedeli per continuare a collaborare economicamente, una preoccupazione che al sacerdote non mancasse nulla; i sacerdoti in Uruguay vivono in modo molto austero, ma a nessun sacerdote mancava il necessario per vivere. 

Tutto questo parla molto bene di noi. E ora, dal 19 giugno, che quest'anno era la festa del Sacro Cuore di Gesù, c'è stata un'enorme gioia tra la gente nel tornare a celebrare le Messe; è stato molto bello, c'era davvero un desiderio di partecipare all'Eucaristia.

Infine, qual è la risposta della Chiesa alla realtà di un mondo globalizzato, molto preoccupato per ciò che questa pandemia ha lasciato dietro di sé?

-La risposta della Chiesa è l'annuncio della fede in Gesù Cristo, Salvatore del mondo, la fiducia in Dio, che è colui che in ultima istanza guida la storia e, quindi, nel seminare speranza nei cuori delle persone. Il mondo ha conosciuto altre epidemie, ovviamente nessuna nel mondo globalizzato di oggi, ma, beh, le epidemie di altri tempi sono passate, hanno lasciato i loro effetti e anche questa lascerà i suoi effetti. 

Mi sembra che la Chiesa, nella misura in cui è capace di annunciare il Cristo risorto, il Signore della storia, vicino a noi, compia la sua missione e favorisca una vita post-pandemica più carica di speranza, perché senza dubbio una situazione come quella che stiamo vivendo porta a domande fondamentali sulla vita: il perché, il per cosa, il senso del dolore, il senso della nostra esistenza.


In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.