Iniziative

Caminito de Belén: vivere l'Avvento in famiglia

Quella che era nata come una recita natalizia in una famiglia numerosa è diventata una singolare iniziativa per vivere l'Avvento in famiglia o in gruppi di catechesi. Raggiunge tutte le parti del mondo e può essere seguito attraverso i social network.

Maria José Atienza-2 dicembre 2022-Tempo di lettura: 5 minuti
caminito belen

Foto: I personaggi del Caminito de Belén ©Vitibujos

Víctor e Pilar hanno festeggiato quest'anno 50 anni di matrimonio. A questa cifra si aggiungono i 10 figli, gli 8 generi e i 25 nipoti. Tutti loro fanno parte della famiglia López Antolín, che ha una lunga tradizione di spettacoli natalizi. 

Come sottolinea una delle figlie, Pilar, Il "colpevole" di tutto questo è nostra madre. Con la sua inarrestabile ingegnosità e la sua voglia di aiutarci a entrare nel mondo del lavoro. BelénTirò fuori dal bagagliaio dei ricordi vecchi costumi, copriletto, quel poncho messicano che il nonno aveva portato dal viaggio di nozze, costumi della festa di fine anno scolastico... tutto quello che riuscì a trovare, e vestì ognuno di noi come un personaggio del presepe, per immortalare il momento negli auguri di Natale. Natale.

E ogni sera papà ci raccontava la favola della buonanotte, in cui Victor, il fratello maggiore, incontrava gli altri fratelli in cammino verso Betlemme: Juaco, il pastore calciatore, Javier, il giardiniere, Ana, la lattaia... Era un modo per aiutarci a partecipare alla storia di Betlemme. Avvento con l'immaginazione. 

Con il passare degli anni, quei bambini sono cresciuti "Cinquant'anni dopo, noi dieci siamo sparsi tra Madrid, Saragozza, Parigi, Londra e Melbourne".

I López Antolín hanno continuato a crescere le loro famiglie, ma il ricordo di quelle rappresentazioni natalizie è sempre presente.

L'idea di ciò che è oggi Caminito de Belén è nato tra i fratelli che condividono gli stessi ricordi natalizi. Volevano rivivere insieme la stessa preparazione al Natale. "Stiamo anche portando il messaggio dell'Avvento in molte case in modo grafico".. "Stavamo cercando di trovare un calendario dell'Avvento il più possibile simile alla storia che mio padre ci raccontava. Ci è venuta l'idea di fare il nostro calendario dell'avvento. Se non riuscivamo a trovare nulla di simile, lo facevamo noi".Pilar racconta.

Così, alcuni fratelli hanno dato vita a un progetto in cui tutta la famiglia è stata coinvolta: "Ci siamo messi al lavoro. Víctor faceva i disegni, mentre Pilar scriveva le storie. Muka si è occupata della raccolta fondi, fondamentalmente donazioni e prestiti da parte di (molti!) amici e familiari, e dell'apertura di un profilo sui social network. Jose si è occupato della creazione del sito web e Gonzalo, uno dei cognati, ha montato alcuni video esplicativi che potete vedere sul nostro sito. www.littlewaycaminito.com", indicare i fratelli López Antolín. 

I personaggi di "Caminito de Belén".

Durante i mesi di lavoro, i fratelli hanno condiviso i progressi del progetto con le loro famiglie. "Leggevamo il libro ai bambini e, a seconda della loro reazione, lo modificavamo...".. InoltreOgni personaggio ha il nome di uno dei 25 nipoti della nostra famiglia: la stella parla di mio nipote Wei, che ha la sindrome di Down; Gonzo rappresenta Gonzalito, che è nato a 24 settimane in condizioni molto critiche e ci ha tenuti svegli per cinque mesi; e le storie dell'asino, della lavandaia e del fornaio parlano rispettivamente di vocazione, di confessione e di ricevere Gesù nella Comunione".

Vivere l'Avvento "in cammino".

Tutti questi mesi di lavoro hanno portato al materiale che offrono per l'Avvento vivente: 

- un libro illustrato in formato A4 con spiegazioni dei simboli del Natale e 24 storie, una per ogni giorno dell'Avvento, in onore delle 24 storie che il padre raccontava ai fratelli seguendo il calendario dell'Avvento; 

-Un libro per i più piccoli della famiglia in formato A5;

-24 statuine del presepe in legno;

-24 angioletti di legno da appendere al Albero di Natale;

-Un elenco vario di canti natalizi.

Il set del calendario dell'Avvento è disponibile in inglese e in spagnolo. In questo modo, attraverso le storie raccolte nel libro - o quelle che possono nascere grazie all'inventiva di bambini e adulti -, questo percorso si modella gradualmente con una moltitudine di personaggi che trasmettono idee e virtù diverse con cui prepararsi all'arrivo del Salvatore. 

Per poter fare il percorso verso il portale e godersi il viaggio, ci sono alcune semplici linee guida che permettono a tutti i pellegrini di trarre il massimo dall'esperienza. Durante la prima fase, leggete la storia del giorno. Come Victor, il padre, può essere uno dei genitori a raccontare la storia a tutta la famiglia, ma anche uno dei più giovani può prendere l'iniziativa. La seconda fase, quando il ritmo del viaggio si è un po' alzato, è il momento di approfondire e conoscere uno dei personaggi che accompagnano i membri del pellegrinaggio nell'avventura. Questa figura è quella che introduce la parte successiva del percorso, in cui si invita a prendere uno degli angioletti di legno che accompagnano i libri e ad aggiungerlo alla decorazione dell'albero di Natale, come ulteriore compagno di viaggio e come segno del proposito che si può vivere ogni giorno di Avvento. 

L'ultimo tratto, quando i pellegrini iniziano già a sentire la stanchezza del viaggio, è il momento di rallegrare gli animi cantando insieme i canti natalizi, incoraggiandoli a proseguire il cammino. Durante i momenti di riposo, i bambini in pellegrinaggio possono conoscere meglio i loro compagni con i fogli da colorare disponibili sul sito web.

Come si distinguono in questa famiglia, "Lo scopo del calendario dell'Avvento è far sì che grandi e piccini si identifichino con i personaggi del presepe". A questi personaggi si aggiungono pensieri e storie che le famiglie possono seguire su Instagram (@littlewaycaminito) o Facebook (littlewaycaminito). Sono disponibili anche una serie di fogli scaricabili da colorare per i più piccoli.

Un'iniziativa di solidarietà

Il Caminito de Belén è completato anche da un aspetto solidale, in quanto il 10% dei profitti del calendario è destinato ad aiutare i bambini e le famiglie di Cañada Real a uscire dall'esclusione sociale e dalla povertà attraverso il Progetto Capicúa. Questo progetto ha tre iniziative in corso:

-Sostegno scolastico e alfabetizzazione, per aiutare i bambini di La Cañada nel loro processo di apprendimento e di integrazione nella società;

-L'obiettivo è infondere i valori umani e far tornare il sorriso sui loro volti divertendosi, attraverso attività all'aperto, laboratori artigianali e musica;

sostegno alle famiglie, attraverso contributi una tantum per coprire le necessità di base e attraverso negoziati con l'amministrazione per regolarizzare la loro situazione.La famiglia López Antolín conclude Si chiama "Piccola via di Betlemme" perché l'Avvento è una piccola via (come la storia di nostro padre) per pulire la mangiatoia del nostro cuore per accogliere il Bambino Gesù. I bambini amano leggerlo e seguire le storie, e ogni giorno sono invitati a fare un regalo a Gesù, mettendo così un angioletto di legno sull'albero di Natale. Quando arriva il 24 dicembre, siamo tutti pronti e il presepe e i nostri cuori sono puliti: questo è ciò che abbiamo imparato dai nostri genitori e che cerchiamo di trasmettere con entusiasmo ai nostri figli.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.