Vocazioni

Sacerdote ortodosso rumeno in un'università cattolica

Bogdan Teleanu, sacerdote ortodosso del Patriarcato rumeno, ha deciso di studiare all'Università della Santa Croce a Roma.

Sponsorizzato da CARF-2 settembre 2021-Tempo di lettura: 2 minuti
Bogdan Teleanu

Foto: Bogdan Teleanu

Bogdan Teleanu è nato a Zarnesti, Brasov, Romania. Ha 46 anni. Non è un cattolico, ma un sacerdote ortodosso del Patriarcato rumeno, ma ha deciso di studiare all'Università della Santa Croce a Roma, un'università cattolica e pontificia, e poi di tornare nel suo Paese per aiutare la Chiesa rumena ad affrontare le tante difficoltà attuali. È laureato in Comunicazione istituzionale della Chiesa. È sposato e ha tre figli. Nella Chiesa ortodossa possono essere ordinati sacerdoti dopo il matrimonio, ma non vescovi.

I suoi studi lo hanno abilitato a lavorare presso l'Ufficio stampa del Patriarcato ortodosso rumeno. Alcune delle sue esperienze più belle sono state la copertura della visita di Papa Francesco in Romania nel 2019. "Grazie agli strumenti acquisiti negli studi di comunicazione alla Holy Cross, sono riuscito a diventare un comunicatore e un portavoce migliore", dice p. Bogdan.

Ha anche conseguito un dottorato in teologia nel suo Paese, con specializzazione in catechesi e omiletica. "Ho incentrato la mia attività comunicativa sull'intensificazione del dialogo tra la Chiesa e la cultura, perché la Chiesa è la creatrice di autentici valori culturali. Questo è molto importante in un Paese come la Romania, dove dobbiamo ancora affrontare i problemi creati dalla dittatura comunista che è durata per tanti anni", afferma.
Uno dei problemi del suo Paese è l'emigrazione, "perché ci sono tanti romeni all'estero. La Chiesa ortodossa rumena è molto impegnata a sostenere le famiglie di coloro che sono emigrati, in particolare a prendersi cura dei bambini che sono rimasti soli nel Paese perché le loro madri e i loro padri sono costretti ad andare all'estero a lavorare per inviare denaro a casa", afferma.

In Romania, questi bambini sono chiamati "orfani bianchi". Secondo le stime, su 5 milioni di bambini rumeni, 750.000 sono colpiti in modo più o meno violento dalla partenza dei genitori. Di questi, 350.000 sono stati privati di uno dei genitori, mentre 126.000 sono stati privati di entrambi i genitori. Ma più di 400.000 bambini hanno sperimentato, per un periodo della loro vita, una forma di solitudine.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.