Evangelizzazione

Una tradizione di luce nelle case polacche

In Polonia è tradizione coinvolgere tutte le famiglie e soprattutto i bambini durante le celebrazioni tipiche dell'Avvento, come la messa di Rorate o la visita alla Kolenda.

Ignacy Soler-29 novembre 2022-Tempo di lettura: 4 minuti
Candele dell'Avvento

Candele di Natale (Foto: Laura Nyhuis - Unsplash)

È noto che la fede si rafforza quando viene comunicata, così come un insegnante capisce meglio ciò che spiega nella misura in cui cerca di spiegarlo sempre meglio, per essere un comunicatore più efficace. Certamente la fede è un dono di Dio e nessuno può darla come chi spiega la teoria della relatività. fides ex auditoLa fede - dono di Dio - viene dall'udito, cioè per sua natura esige la parola.

I bambini imparano il linguaggio della fede come imparano a parlare: attraverso il dialogo continuo con i genitori. Penso che alcuni modi di trasmettere la fede in Polonia e in altri popoli slavi possano arricchire altri Paesi, in modo che possano introdurre questi o altri modi simili con saggia prudenza e secondo il modo in cui si fa in altri popoli cristiani.

Al tempo di Avvento Vorrei sottolineare le Messe Rorate in Polonia e, nel periodo natalizio, l'usanza della visita pastorale alle case chiamata Kolenda. Cominciamo a parlare dell'usanza delle Messe Rorate.

Come è noto, la Messa Rorata prende il nome dalla prima parola dell'Introito, cioè l'antifona d'ingresso: Rorate caeli desuper et nubes pluant iustum - Versate la rugiada, o cieli, dall'alto, e fate piovere le nuvole sui giusti (Isaia 45:8). Si celebra prima dell'alba ed è sempre la messa votiva di Santa Maria in Avvento. Con paramenti bianchi e il canto del Gloria.

Ricordo che qualche anno fa un mio amico sacerdote, parroco di un paesino di seicento anime, mi invitò a predicare e a celebrare messe rituali per tre giorni. Sono partito da Dworek, dove vivevo, prima delle cinque del mattino, per percorrere una distanza di venti chilometri con neve, ghiaccio e un vento gelido, eravamo a meno dieci. Quando sono arrivato a Guzef sono rimasto colpito: una folla di bambini con le lampade accese in mano e la chiesa al buio. La piccola, fredda, bella chiesa, piena di fedeli: era l'unico riscaldamento della chiesa. La Messa è iniziata puntualmente: alle sei del mattino. Quando cantavamo il Gloria, sempre con l'organista, si accendevano tutte le luci: uno spettacolo di luce e di gioia. Ricordo che non riuscivo a tenere le mani aperte durante la preghiera eucaristica, si congelavano, e di tanto in tanto mi raccoglievo piamente in preghiera, sfregando i palmi delle mani per riscaldarli.

In Polonia, le Messe Rorate in onore di Santa Maria hanno il sapore della speranza della NataleSono preparati e diretti in modo particolare per i bambini. Sono messe in cui ci sono sempre sorprese e piccoli richiami alla presenza dei bambini: come una sorta di gioco in cui i fedeli sono sfidati a venire ogni giorno alla messa delle Rorate di Avvento, dal lunedì al sabato. Alla fine della funzione c'è sempre qualcosa di caldo, latte o cioccolata, per i bambini nelle sale parrocchiali accanto alla chiesa.

Più di qualche genitore mi ha raccontato che sono i loro figli, e a volte anche i più piccoli di cinque o sei anni, a svegliarli alle cinque del mattino, tirandoli per le lenzuola per dire loro: "Papà, mamma, svegliatevi: andiamo alla Messa di Rorate!" Non sono solo i genitori a portare i figli alla Santa Messa, ma anche i figli che trascinano i genitori con loro.

Le Messe Rorate, messe votive di Santa Maria in Avvento, vengono celebrate tutti i giorni dell'Avvento, tranne la domenica e la Solennità dell'Immacolata Concezione. Poiché l'8 dicembre è un giorno di scuola in Polonia, la messa viene celebrata anche all'alba, anche se i testi sono, ovviamente, quelli della Solennità dell'Immacolata Concezione. In tutte le messe di Rorate c'è sempre un'omelia per i bambini: con dialoghi e domande, della durata di dieci-quindici minuti. È una buona occasione per la catechesi dei bambini e per istruire i genitori. Un altro elemento caratteristico delle Messe Rorate è l'accensione di una candela appositamente decorata e di grandi dimensioni, chiamata Roratka. Questa candela viene posta vicino all'altare solo durante l'Avvento e simboleggia la Beata Vergine Maria. I bambini vengono a messa con le lanterne accese. La Messa di Rorate inizia con la sola luce delle candele e delle lanterne, con le luci spente in chiesa, e con l'inno "Gloria a Dio nel più alto dei cieli" si accendono tutte le luci della chiesa.

In secondo luogo, vorrei spiegare in cosa consiste l'iniziativa pastorale delle visite a domicilio chiamata "Kolenda". La Chiesa in Polonia ha sempre qualcosa da offrire ai suoi fedeli, ha un modo di essere che la porta a uscire dalle parrocchie, a cercare i fedeli - vicini e lontani - ovunque si trovino.

Un esempio concreto di questa iniziativa parrocchiale sono le visite pastorali alle case in occasione del Natale, chiamate "Kolenda". Il periodo natalizio dura - secondo l'usanza slava - fino al giorno della presentazione del Signore, cioè fino al 2 febbraio. Durante questi quaranta giorni - in accordo con la durata degli altri importanti tempi liturgici, come la Quaresima e la Pasqua - si svolge la visita pastorale alle famiglie. Ogni parrocchia del Paese si prepara a queste visite pastorali. Il parroco e i vicari visitano i loro parrocchiani recandosi nelle loro case. Le visite sono preparate nei minimi dettagli, si fa un piano delle strade e delle case con i giorni e gli orari di visita, in modo che nessuno venga colto di sorpresa. Il sacerdote è accompagnato da alcuni aiutanti, di solito chierichetti, che intonano canti natalizi - cioè kolenda - e vanno avanti chiamando le case e chiedendo se sono disposte a ricevere il sacerdote che viene per la visita pastorale.

A livello nazionale, il 60% dei polacchi apre le porte ai sacerdoti. Guida una breve preghiera, asperge la casa con l'acqua santa e si siede per una chiacchierata in famiglia. Chiede se c'è qualcosa in cui può aiutarli, è interessato alla catechesi per la prima comunione, la cresima o il matrimonio. Parla della messa domenicale e dell'insegnamento della religione nelle scuole, o di altri argomenti che si presentano. La famiglia è solita presentargli i doni tipici di queste feste. Alla fine benedice la famiglia e la casa segnando l'architrave della porta con i segni M+G+B 2012. Non c'è un tempo prestabilito, ma la media è di circa dieci-quindici minuti per famiglia. Le visite sono di solito pomeridiane, dalle tre alle nove, in un orario intensivo senza pause, tranne la domenica, e così via per quaranta giorni: estenuanti e spettacolarmente efficaci. Non c'è modo migliore per avvicinare le persone a Dio che andare nelle loro case, entrare nei loro salotti e persino nelle loro cucine.

L'autoreIgnacy Soler

Cracovia

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.