Evangelizzazione

Padre Casey: "Spero di offrire contenuti di qualità che aiutino le persone a incontrare Cristo".

Padre Casey è sacerdote dal 2019. È noto per parlare della sua vita e delle questioni attuali della Chiesa attraverso i social media, in particolare su YouTube sul suo canale Abituarsi all'abitudine.

Paloma López Campos-13 dicembre 2022-Tempo di lettura: 4 minuti
Padre Casey

Padre Casey in uno dei suoi video su YouTube.

Casey Cole si è laureato nel 2011, lo stesso anno in cui è entrato nell'Ordine Francescano. Il giovane americano predica online da anni. Il suo lavoro raggiunge migliaia di persone solo su Internet. YouTube il tuo canale Abituarsi all'abitudine ha già 270.000 abbonati.

L'obiettivo, come lui stesso lo descrive, è quello di offrire riflessioni e spiegazioni personali da una prospettiva cattolica e francescana ai cristiani che desiderano diventare migliori discepoli di Cristo e discernere la propria vocazione. Padre Casey ha rilasciato un'intervista a Omnes in cui parla della sua predicazione online.

Come le è venuta l'idea di creare un canale YouTube? I suoi superiori le hanno posto qualche ostacolo?

-Ho iniziato a pubblicare video su YouTube nell'estate del 2015, quando io e un altro frate francescano abbiamo viaggiato dalla California a Washington D.C. Volevamo mostrare com'è la vita francescana e dare visibilità ai frati francescani che abbiamo incontrato sulla strada. Volevamo mostrare com'è la vita francescana e dare visibilità ai fratelli francescani che abbiamo incontrato lungo il cammino. In seguito, ho iniziato a registrare riflessioni, spiegazioni e brevi documentari sulla vita dei frati.

I miei superiori hanno sempre sostenuto il mio lavoro.

Lei parla di alcune questioni controverse. Hai fatto un video sull'industria del porno, poi hai parlato di ciò che i protestanti fanno bene e di ciò che sbagliano... E usi titoli molto provocatori: "Non fare il prete", "Gesù aveva un corpo fantastico", "I martiri hanno avuto vita facile", e così via. Perché lo fai? Hai mai pensato che può generare confusione?

-Viviamo in un'epoca in cui siamo tutti sovraccaricati dai media. Tra YouTube, TikTok, Instagram e tutte le altre piattaforme mediatiche, è una streaming, Ci sono più contenuti da consumare che tempo per guardarli. Pertanto, attirare gli utenti diventa molto competitivo. Se non si utilizzano titoli e copertine di video che facciano entrare immediatamente nel contenuto, i progetti cadono nel dimenticatoio.

È importante notare una cosa in termini di idea di clickbait. Ci sono quelli che usano titoli o copertine di video offensivi per provocare le persone, ma i loro contenuti poi non parlano mai di ciò che hanno volutamente messo in piedi; poi ci sono altri che usano tattiche creative e moderne che sono efficaci nell'attirare le persone su temi da approfondire. Non faccio mai la prima. Mi piace affrontare le polemiche e rispondere con risposte approfondite e logiche.

Cosa possiamo aspettarci dal vostro canale Abituarsi all'abitudine in futuro?

-È difficile da sapere. Abituarsi all'abitudine si è evoluto più volte negli ultimi sette anni e sospetto che continuerà a cambiare. La mia speranza è di fornire contenuti di buona qualità che facciano riflettere le persone e le avvicinino a Cristo e alla sua Chiesa. Con il cambiare del panorama dei media digitali, cambierà anche il mio modo di presentare le cose.

Quest'estate avete intrapreso un tour molto particolare, un tour legato al baseball. Com'è nato e qual è stato il risultato?

-Il tour è stato un grande successo. Un altro frate e io abbiamo girato il Paese evangelizzando negli stadi della Major League Baseball. L'idea era quella di incontrare le persone dove si trovano, di essere un testimone pubblico in mezzo alla strada.

I cattolici non sono una maggioranza religiosa negli Stati Uniti, com'è il rapporto tra la Chiesa e le altre religioni e tra i cattolici e le altre confessioni cristiane?

-Ovunque ci siano persone di religioni diverse, ci saranno tensioni. Gli Stati Uniti non fanno eccezione. La mia esperienza, tuttavia, è stata sia positiva che negativa e credo che i protestanti aiutino i cattolici a crescere più forti nella fede. Dove i cattolici sono una minoranza, c'è un maggiore bisogno di comprendere la propria fede e di riunirsi maggiormente come comunità.

Parteciperete alla GMG 2023? Se ci andate, come vi state preparando?

-Al momento non ho intenzione di partecipare. Prego che sia un'esperienza molto arricchente per coloro che vi partecipano.

Qual è, secondo lei, la cosa più importante che fa come sacerdote?

-Come meglio so fare, ascolto. Data la naturale essenza dei sacramenti della vita cristiana e la scarsità di sacerdoti, è molto facile per i cristiani sopravvalutare un sacerdote e i suoi meriti, supponendo che sappia tutto e possa fare tutto da solo. I migliori sacerdoti sono quelli che passano la maggior parte del loro tempo ad ascoltare e imparare dagli altri.

Qual è la cosa più bella dell'essere un frate francescano?

-La cosa migliore (e peggiore) della vita francescana è la fraternità. Vivere con uomini di età e culture diverse, con prospettive diverse sulla chiesa e sul tempo libero, è una benedizione, ma raramente è facile.

Qual è l'idea sbagliata che la gente ha dei frati?

-Non siamo monaci. I frati sono membri di un ordine mendicante, il che significa che viaggiamo e chiediamo l'elemosina, piuttosto che vivere entro i confini del monastero. La nostra vita è nel mondo.

Recentemente c'è stata l'Assemblea plenaria dei vescovi statunitensi e il Nunzio Apostolico ha chiesto informazioni sulla situazione attuale della Chiesa e sulla direzione che sta prendendo. Come risponderebbe a questa domanda dal suo punto di vista?

-In questo momento siamo una Chiesa molto divisa che ha perso di vista le sue fondamenta. Troppo spesso vediamo membri della Chiesa che aderiscono a partiti politici piuttosto che alla missione del Vangelo. Ci sono alcuni che sono testimoni di riconciliazione e di speranza, ma troppi sono coinvolti nei valori di questo mondo.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.