Evangelizzazione

San Carlo di Foucauld

Lo scorso maggio Papa Francesco ha canonizzato San Charles de Foucauld, un soldato ed esploratore che finì per incontrare Cristo, lasciandosi alle spalle una vita irregolare per donarsi completamente a Dio.

Pedro Estaún-1° dicembre 2022-Tempo di lettura: 4 minuti
Charles de Foucauld

Charles de Foucauld

Il 1° settembre 1858 nacque a Strasburgo da una famiglia nobile, Charles-Eugéne de Foucauld. I suoi genitori morirono, uno dopo l'altro, nel 1864, e Charles e sua sorella Marie furono affidati al nonno, il colonnello Morlet, un uomo buono ma debole. Studia a Parigi in una scuola di gesuiti e inizia a prepararsi per la scuola militare. Il suo interesse per gli studi era molto scarso. All'età di 16 anni perse la fede. Due anni dopo il nonno morì ed egli ereditò una grande fortuna, che iniziò a sperperare in modo disastroso. A ottobre è entrato nella scuola di cavalleria di Samur, da cui uscirà con l'ultima qualifica: numero 87 su 87 allievi. Conduceva una vita di bagordi e indisciplina piena di eccentricità. Tuttavia, era un buon disegnatore e si coltivava leggendo molto. Nel 1879 si mette con Mimì, una giovane donna di malaffare, e vive con lei. Due anni dopo il suo reggimento fu inviato in Algeria e Charles portò Mimi con sé, facendola passare per sua moglie. Quando la sua superbia fu scoperta, fu degradato e tornò in Europa. In occasione di una rivoluzione in Tunisia, tornò in Africa e per otto mesi si dimostrò un ottimo ufficiale, ma, sedotto dal deserto, lasciò l'esercito e si stabilì in Algeria, dove iniziò a esplorare terreni che all'epoca non erano mai stati visitati da nessun europeo. Prese il rabbino Mordecai come compagno, si vestì da ebreo e viaggiò clandestinamente in Marocco per un anno. Lì ha cercato di sposare una giovane algerina, ma ha interrotto la relazione di fronte alla categorica opposizione della famiglia di lei. 

Tornò in Francia dopo due anni di assenza. Si dedicò quindi a raccogliere quante più informazioni possibili sul Marocco, sempre in modo nascosto per paura di essere scoperto dagli arabi. Tra il 1887 e il 1888 pubblicò due importanti opere: "Riconoscimento del Marocco y "L'itinerario del Maroccoche ricevono un'entusiastica accoglienza da parte della critica. Divenne noto come grande esploratore per la qualità e la quantità di informazioni raccolte e per le preziose osservazioni sociali e di costume incluse nei suoi resoconti. Riceve la medaglia d'oro della "Société Française de Géographie" e viene così inserito in un mondo di onori.

Spinto da profonde preoccupazioni spirituali, nell'ottobre del 1886 Charles si reca nella chiesa di St Augustin a Parigi per chiedere consiglio a padre Huevélin, di cui gli aveva parlato la cugina Marie Bondy. Il sacerdote gli chiese di confessarsi e di ricevere subito la comunione, poi avrebbero parlato, e lui accettò. Trascorse gli anni successivi a casa della sua famiglia ed ebbe frequenti colloqui con il suo confessore. La sua anima si riempì sempre più di Dio e cominciò a pensare di diventare un religioso. Nel Natale del 1888 si recò in Terra Santa, dove maturò la sua decisione irrevocabile di farsi monaco. Tornato in Francia, decise di diventare trappista. Ha dato tutti i suoi beni alla sorella e ha rinunciato definitivamente a ogni gloria umana.

Nel gennaio 1890 partì per il monastero trappista di Notre Dame des Neiges in Francia ed entrò nel noviziato con il nome di Frater Marie-Albéric. Sei mesi dopo partì per un altro monastero trappista molto più povero, quello di Akbès in Siria, una regione molto remota che alla fine del XIX secolo poteva essere raggiunta solo dopo diversi giorni di viaggio. Lì lavorò nell'orto, svolgendo i lavori più umili fino al 1896. Tuttavia, una voce interiore lo chiamava a una solitudine ancora più profonda. Seguendo il consiglio di padre Hevélin, con il quale continua a corrispondere, elabora "a modo suo" il primo progetto di congregazione religiosa. Fu inviato a Roma per approfondire gli studi e lì chiese di essere dispensato dai voti. Nel 1897, il priore generale dei trappisti lo lascia libero di seguire la sua vocazione. 

Riparte per la Terra Santa e inizia una vita da eremita in un convento di Clarisse a Nazareth, dove è il loro servitore e fattorino, vivendo in una semplice capanna vicino al chiostro. Rimase lì per tre anni e divenne una figura molto amata a Nazareth per la sua spiritualità e la sua continua carità. Le Clarisse e il suo confessore lo esortano a cercare l'ordinazione sacerdotale. Tornò in Francia per prepararsi e fu ordinato sacerdote il 9 giugno 1901. Poco dopo partì nuovamente per l'Algeria, nell'oasi di Beni-Abbès, per aiutare spiritualmente un distaccamento militare francese. Costruì un semplice eremo con una cappella. Da lì allertò i suoi amici e le autorità francesi sul dramma della schiavitù. Salvò alcuni schiavi, girò la terra dei Touareg, la regione più solitaria dell'interno, imparò la loro lingua, scrisse per loro un catechismo e iniziò a tradurre il Vangelo, stabilendosi in un villaggio a 1500 metri di altitudine dove costruì una piccola capanna in cui allestì una cappella e una semplice stanza. Padre Foucauld è ora diviso tra i poveri di Beni-Abbès e quelli di Tamanrasset, a 700 km di distanza nel deserto. Charles è l'unico cristiano. Poiché i fedeli erano assenti, gli fu proibito di celebrare la Messa; rimediò facendo della sua vita un'Eucaristia. Nel 1908, esausto, si ammalò mortalmente. I Touareg lo salvarono condividendo con lui il poco latte di capra che avevano in quel periodo di siccità. Tra il 1909 e il 1913, compie tre viaggi in Francia per presentare il suo progetto di "Petis frères del Sacro Cuore, un'associazione di laici per la conversione dei non credenti. 

Durante la guerra mondiale, il deserto si rivela un luogo pericoloso e lui rimane a Tamanrasset. Per proteggere gli indigeni dai tedeschi, costruisce un forte. Continua a lavorare sulle sue poesie e sui proverbi Touareg. Il 1° dicembre 1916 fu catturato e ucciso dai banditi. Alla sua morte era solo... o quasi. In Francia ci sono 49 membri dell'Associazione del Sacro Cuore di Gesù, che egli è riuscito a far approvare dalle autorità religiose. La sua morte è stata come un seme. Nel 2002 diciannove diverse fraternità di laici, sacerdoti, religiosi e religiose vivevano il Vangelo seguendo la spiritualità di Charles de Foucauld. Il 15 maggio 2022 Papa Francesco lo ha canonizzato.

L'autorePedro Estaún

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.