Famiglia

Pepe Serret. Il ricordo ispiratore di un grande amico

A tre decenni dalla sua morte, la figura di Pepe Serret continua a ispirare molte persone come esempio di marito, padre di famiglia e buon cristiano.

Joan Xandri-21 novembre 2022-Tempo di lettura: 3 minuti
Pepe Serret

Foto: Pepe Serret

L'affetto che deriva dal rapporto con chi ci circonda fa nascere questo sentimento di amicizia che aumenta ancora di più, se possibile, quando ci separiamo da loro. Quando, ormai 30 anni fa, il nostro caro amico Pepe Serret ci lasciò inaspettatamente per il Cielo, fu un duro colpo, non si poteva tornare indietro, non si poteva "disfare" o cambiare; era un fatto che andava accettato, accolto e "sfruttato al meglio". 

Dopo qualche mese è nata l'idea di raccogliere i suoi ricordi, le sue esperienze, ciò che ci aveva lasciato, in un certo senso, in eredità. È così che è nato il libro: Pepe Serret. Ricordi dei suoi amici. A tempo di record, un centinaio di persone - che si consideravano tutti suoi migliori amici - scrissero cosa aveva significato incontrarlo, per cosa erano grati e cosa avevano ricevuto.  

Pepe era un uomo che sapeva amare e farsi amare. Un uomo buono, nel linguaggio che tutti comprendiamo.  

Il contatto con le persone ha rivelato il carattere vitale di Pepe. Chiunque lo abbia conosciuto sa quanto amasse la vita e tutte le sue espressioni. La sua gioia e il suo ottimismo, la sua allegria e la felicità che traspariva sempre dal suo sorriso generoso e malizioso, la sua semplicità e la sua generosità. Tutto questo era frutto della sua fede nella Provvidenza e della sua sensazione di essere sempre nelle mani di Dio.  

Se possiamo parlare di un grande amico, è per la semplice ragione che, nella sua grandezza d'animo, era sempre pronto a dare una mano, senza riserve di sorta, senza fermarsi a pensare a ragioni di convenienza o di interesse: senza aspettarsi nulla in cambio, che è - credo - una delle sfaccettature che ritraggono un vero amico. Viveva intensamente i problemi dei suoi amici. Stando al suo fianco, tutti i problemi che si potevano avere sparivano, o almeno si semplificavano.  

Un'altra grande caratteristica era il suo grande amore per la famiglia. Mi ha colpito spesso, in modo particolare, l'immensa tenerezza con cui Pepe amava i suoi figli. Conosceva bene ognuno di loro: conosceva le loro gioie e i loro problemi; viveva le loro preoccupazioni, le loro gioie e i loro dolori; soffriva se li vedeva preoccupati; pregava per loro; pregava con loro... E soprattutto - questo era subito palpabile - li amava con un cuore sempre giovane e determinato.

Il motto familiare che ha inculcato ai suoi figli è stato; Dobbiamo fare Pinya! Dobbiamo essere come un ananas, dobbiamo fare un ananas... insegnare loro a vivere in unità, sostenendosi a vicenda. 

Colpisce la sua magnanimità: un buon professionista, un combattente instancabile. Prudente, delicato e allo stesso tempo audace, spiritoso, divertente, con quell'accattivante sfrontatezza, che tutti apprezzavamo, quando ci parlava di Dio, del significato trascendente della nostra vita e metteva le cose nella loro giusta prospettiva.   

In un'epoca in cui le persone sono valutate più per il loro "avere" che per il loro "essere", emerge la personalità di un uomo che ha lottato per amare Dio ogni giorno di più. Era un uomo di fede. Di una fede viva e ardente che lo portava ogni giorno a lottare per vivere in fedeltà ai suoi principi nelle condizioni ordinarie della vita, a dedicarsi generosamente alla sua numerosa famiglia, a migliorare di giorno in giorno nel suo lavoro professionale, cercando di scoprire il valore trascendente che è racchiuso nelle piccole cose di ogni giorno, insomma, a volersi sentire e comportare in ogni momento come un figlio di Dio.   

La sua vita ispiratrice rimane non solo per coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo, ma anche per le persone che cercano testimonianze di vita cristiana nel mondo di oggi. Pepe è uno di loro.  

L'autoreJoan Xandri

Amico di Pepe Serret

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.