Ecologia integrale

Il dottor Centeno: "La medicina palliativa migliora il benessere e allevia la sofferenza".

Rafael Miner-17 dicembre 2020-Tempo di lettura: 4 minuti

Colpisce la scarsa presenza, al giorno d'oggi, di medici specializzati in cure palliative. Il dottor Carlos Centeno, direttore della Medicina Palliativa della Clínica Universidad de Navarra, afferma che: "Al paziente che chiede aiuto, possiamo darlo. Aiutiamo, alleggeriamo, ciò che noi medici abbiamo fatto per tutta la vita.

"Oggi l'eutanasia è richiesta dalla società, persino dalla legge, per molte cose che hanno una soluzione. Anche la medicina ha molte cose da dire di fronte a una sofferenza che a volte può essere intollerabile. La medicina ha qualcosa e so che è efficace, perché l'ho vista in azione tante volte.

Questo è il modo in cui il Il dottor Carlos Centeno, direttore della Medicina Palliativa della Clinica e del gruppo di ricerca Atlantes dell'Istituto Cultura e Società dell'Università di Navarra."Certamente alcuni pazienti possono chiedere un aiuto che noi non possiamo dare. Può succedere. Nel nostro Paese accadrà nel prossimo futuro, potrebbe accadere che un paziente ci chieda aiuto per anticipare la morte, e un medico non può farlo, questo è ciò che penso. Un medico è lì per servire la vita, ed è lì per dare sollievo. L'etica della medicina è quella di essere al fianco del paziente per dargli sollievo. Esistiamo perché ci sono persone che soffrono"..

"La nostra società, per migliaia di anni, ha generato una professione, o più professioni, di persone dedicate ad alleviare la sofferenza umana", aggiunge il palliativista. "Ci piace anche guarire. Ci piace curare quando possiamo, ci sentiamo medici anche lì. Ma dove ci identifichiamo veramente con noi stessi, dove vediamo la nostra identità, è quando diamo sollievo a coloro che non possiamo curare.. Nella sofferenza siamo ancora lì a lenire".

Il dottor Centeno, con molti anni di esperienza in Medicina Palliativa, affronta le difficoltà. Soprattutto di comprensione e di una buona conoscenza di ciò che sono le Cure Palliative.. "Ci sono molte cose su cui siamo tutti d'accordo. Ma ci possono essere cose su cui non c'è accordo, punti di vista che riguardano i principi o il modo di intendere la società, o il modo di intendere l'autonomia senza altre considerazioni; ma ci sono molti altri principi su cui saremo d'accordo. E naturalmente saremo d'accordo su come agire, su come agire. Non vogliamo confrontarci con nessuno, non vogliamo sfidare nessuno, non vogliamo contraddire chi la pensa diversamente da noi, no. Dobbiamo essere medici, possiamo aiutare. Dobbiamo essere medici, possiamo aiutare.

Assistenza completa

Mercoledì scorso, lo specialista è stato relatore, insieme ai membri del suo team, alla conferenza organizzata dall'Istituto Core Curriculum dell'Università di Navarra, intitolata Scienza e valori delle cure palliative, con più di cinquecento partecipanti.

In uno dei suoi interventi, Carlos Centeno ha mostrato un video di un'intervista condotta da Jordi Évole su laSexta Il dottor Carlos Gómez Sancho, che ha commentato, tra l'altro, che il numero di pazienti che avevano richiesto l'eutanasia era molto basso: tre o quattro su molte migliaia.

Alla domanda su quale antidolorifico prendessero, hanno risposto due o tre Nolotil al giorno. Non appena è stata somministrata loro della morfina e sono stati trattati in modo appropriato, il desiderio di morire è scomparso, ha detto il medico.

Questo punto è stato affrontato dal dott. Ana Serranoche ha analizzato i principali miti delle cure palliative, come trattamento destinato solo ai pazienti in fin di vita, nell'ultimo momento della loro esistenza. In realtà, ha detto, fanno parte dell'intero processo di cura dei pazienti, dove dovrebbero "La scelta della sede del paziente, anche a casa, è una questione di scelta per tutti i professionisti. Contrariamente al mito, le cure palliative non consistono nell'essere drogati con la morfina fino alla fine", ha sottolineato.

L'avanzamento delle cure palliative specialistiche, ad esempio, "trattare i pazienti più precocemente", è un altro aspetto su cui Centeno insiste, sulla base di numerosi studi sulla qualità della vita in diversi gruppi di pazienti. Inoltre, aggiunge, i pazienti sottoposti a cure palliative precoci vivono in media diversi mesi in più. Il suo riassunto è "prima è meglio è".

Lo specialista ricorda che più di 20 studi clinici analizzano come le cure palliative migliorino la qualità di vita dei pazienti e riducano ansia e depressionemigliorare il loro umore. "La medicina palliativa non si concentra solo sul trattamento della malattia, ma offre un'assistenza olistica, che comprende anche la famiglia, sottolinea. 

Eutanasia e cure palliative

Il dottor Centeno chiede comprensione per i malati e i loro parenti che chiedono aiuto per morire. Allo stesso tempo, spiega che "Quando li si ascolta apertamente, ciò che chiedono è la sicurezza dell'assistenza, un aiuto per liberarsi dal dolore, dalla paura o dall'angoscia, e non per prolungare la loro sofferenza. E in tutto questo possiamo essere d'aiuto, afferma.

Nel corso della conversazione, il direttore sanitario ha descritto l'espressione come falsa. cure palliative contro l'eutanasia".. A suo parere, "Ciò che è facoltativo è l'eutanasia di qualcuno; questa persona sarà eutanasia, questa persona no, questo è facoltativo. Alcuni lo vogliono e altri non lo vogliono. Tuttavia, la medicina palliativa non è facoltativa. La medicina palliativa è obbligatoria..

Ha poi approfondito l'argomento: "La medicina palliativa è per tutti, per tutti coloro che soffrono intensamente per una malattia grave. Si tratta di medicina avanzata di fine vita. Quello che non si può fare è non applicarlo. Ecco perché le cure palliative sono per tutti, non per pochi, e sono obbligatori. Non c'è nessuno, medico o infermiere, che possa avvicinarsi a una persona che sta soffrendo alla fine della vita e non fare quello che fa un'équipe di medicina palliativa, cioè prendersi cura di lei in modo olistico, lavorare in squadra con gli altri, alleviare i sintomi che ha, fornire benessere e qualità di vita"..

La conferenza ha evidenziato la risparmio sui costi delle cure palliative nell'assistenza sanitaria e la mancanza di investimenti in medicina palliativa in Spagna. rispetto ai Paesi europei.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.