Ecologia integrale

"Le cure palliative dovrebbero essere un diritto, non un privilegio".

Entro il 2030 l'Europa dovrà assistere quasi 5 milioni di pazienti affetti da gravi sofferenze e malattie gravi, rispetto agli attuali 4,4 milioni, mentre il 65 % della popolazione non ha ancora accesso alle cure palliative. La Spagna è in ritardo nell'educazione e nella formazione in cure palliative, mentre la legge sull'eutanasia è già in Senato.

Rafael Miner-5 febbraio 2021-Tempo di lettura: 4 minuti
cure_palliative_ospedaliere

Foto: Olga Kononenko / Unsplash

Le stime sono reali e recenti. Ogni anno in Europa più di quattro milioni di persone hanno bisogno di cure palliative. Ma tra qualche anno saranno Secondo le stime dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), quasi cinque milioni di pazienti necessiteranno di questa assistenza specializzata a causa delle gravi sofferenze dovute alla loro malattia.) nel 2020.

Il 38% avrà malattie oncologiche, cancro; il 33%, cardiovascolari; il 16%, varianti di demenza; il 6%, croniche; e il 7%, altro.

In una prospettiva globale, David Clark, dell'Università di Glasgow e altri professori e medici, ha studiato lo stato delle cure palliative in 198 Paesi nel 2019. Tra le loro scoperte, hanno notato che "Le cure palliative al livello più alto sono disponibili solo per il 14% della popolazione mondiale e sono concentrate nei Paesi europei".

Facilitare l'accesso alle cure palliative

Gli esperti hanno aggiunto la loro previsione di "una crescita globale di 87 % di sofferenze gravi legate alla salute suscettibili di interventi di cure palliative entro il 2060".. Tuttavia, a suo avviso, nonostante questa crescente necessità, "Le cure palliative non raggiungono i livelli richiesti da almeno metà della popolazione mondiale". (Mappatura dei livelli di sviluppo delle cure palliative in 198 Paesi: la situazione nel 2017, pubblicato in Rivista di gestione del dolore e dei sintomi).

Ad esempio, in Spagna, delle oltre 220.000 persone decedute negli ultimi anni che necessitavano di cure palliative, si stima che circa 80.000 siano morte senza avere accesso alle cure palliative.secondo i dati della Società spagnola di cure palliative (Secpal). Inoltre, si tratta di un servizio di cui avrà bisogno circa il 50 % della popolazione alla fine della propria vita.

La realtà è che "Un maggiore accesso alle cure palliative potrebbe alleviare notevolmente il dolore di milioni di persone. L'accesso alle cure palliative dovrebbe essere un diritto, non un privilegio per pochi.", si legge in un articolo della rivista Il nostro tempo poco prima dello scoppio della pandemia all'inizio dello scorso anno.

"Oggi l'eutanasia è richiesta dalla società, persino dalla legge, per molte cose che hanno una soluzione. Anche la medicina ha molte cose da dire di fronte a una sofferenza che a volte può essere intollerabile. La medicina ha qualcosa e so che è efficace, perché l'ho vista in azione tante volte, ha assicurato Omnes il medico Carlos Centeno, direttore di Medicina Palliativa presso la Clínica Universidad de Navarra e della Gruppo di ricerca Atlantes dell'Istituto Cultura e Società (ICS) della stessa università, che ha partecipato al rapporto di Glasgow, a studi recenti per l'OMS e anche per il Vaticano.

Il sostegno della Santa Sede

È noto l'interesse della Santa Sede a sostenere le cure palliative, cioè l'assistenza completa ai pazienti con gravi sofferenze in una malattia grave, in modo interdisciplinare, al fine di mantenere il loro benessere e la qualità della vita. Nel 2019 il Libro bianco per la difesa delle cure palliative a livello mondiale, un Libro Bianco in cui esperti di tutto il mondo, convocati dalla Pontificia Accademia della Vita e coordinati da Atlantes, hanno studiato come promuovere le cure palliative..

Al termine del lavoro, nel documento è stato registrato che "la comunità delle cure palliative riconosce l'importante ruolo delle religioni nella promozione di questa forma di assistenza ai malati, data la capacità delle religioni di raggiungere le periferie dell'umanità, coloro che, all'interno di una comunità, sono i più bisognosi". Papa Francesco è stato anche citato, nella sua descrizione della cultura della "scartare". nell'Esortazione apostolica Evangelii gaudium53, ed è stato registrato che "Le fedi religiose sostengono i principi delle cure palliative per alleviare il dolore e la sofferenza in prossimità della fine naturale della vita".

"La speranza è che tutte le religioni sostengano attivamente il movimento delle cure palliative", conclude il documento, "offrendo il loro prezioso contributo di saggezza per realizzare una cultura dell'accompagnamento che sia veramente inclusiva e rispettosa della dignità di ogni essere umano"..

La dignità umana è stata accennata un mese e mezzo fa José María Torralbadirettore del Istituto Core Curriculum dell'Università di Navarraa una conferenza online organizzato con il titolo Scienza e valori delle cure palliative. Il professore ha sottolineato che nell'attività di cura di un'altra persona, la dignità umana risplende in modo particolare. "Il problema, ha aggiunto, "È la mentalità utilitaristica dominante, per la quale la cura è una perdita di tempo, perché la vita è vista in termini di prestazioni e di successo. La nostra società deve recuperare la consapevolezza che siamo esseri deboli e bisognosi di cure"..

Ha anche fatto riferimento alla dignità Tomás Chivato, Decano della Facoltà di Medicina e Professore dell'Università CEU San Pablo. "La dignità è intrinseca a ogni essere umano", "È preferibile parlare di una vita dignitosa e non di una morte dignitosa".dice. A suo parere, "Se una persona sente di essere un peso o di essere inutile, può pensare che la sua vita sia priva di significato. Al contrario, quando qualcuno si sente amato, apprezzato e accompagnato, non si sente 'indegno'"..

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.