Famiglia

La verità dell'amore umano. Un modo diverso di festeggiare San Valentino

Papa Francesco scrive in Amoris Laetitia 208: "Tutte le azioni pastorali volte ad aiutare le coppie di sposi [...] sono un aiuto prezioso. Per fare un esempio semplice, ricordo la festa di San Valentino, che in alcuni Paesi è sfruttata meglio dai commercianti che dalla creatività dei pastori"..

Juan Miguel Prim Goicoechea-3 marzo 2020-Tempo di lettura: 5 minuti
Il vescovo benedice le coppie.

Dal 2013 la diocesi di Alcalá de Henares celebra - su iniziativa del nostro vescovo, monsignor Juan Antonio Reig Pla - una veglia di preghiera nella cattedrale magistrale dei Santos Niños Justo y Pastor il giorno di San Valentino.

Ricordiamo che San Valentino, vescovo e martire, protettore degli innamorati di tutto il mondo, nacque a Terni (Italia) nel 175 d.C., essendo il patrono di questa città. Il presbitero Valentino dedicò tutta la sua vita alla comunità cristiana che si era formata nella città, a cento chilometri da Roma, dove infuriava la persecuzione contro i seguaci di Gesù. L'eco dei miracoli del santo raggiunse Roma e si diffuse presto in tutto l'Impero. Papa San Feliciano lo consacrò primo vescovo della città di Terni, dove ancora oggi sono conservate le sue spoglie. San Valentino fu imprigionato e fustigato sulla Via Flaminia, lontano dalla città. Fu martirizzato il 14 febbraio 273 d.C..

Il suo nome sarà sempre legato all'amore umano per via di un episodio all'epoca molto famoso: la tradizione vuole che San Valentino sia stato il primo sacerdote a celebrare l'unione tra un legionario pagano e una giovane donna cristiana. In seguito, molte persone hanno chiesto la sua benedizione. Questo fatto è ricordato ancora oggi nella festa della promessa, celebrata nella Basilica che porta il suo nome a Terni.

Esigenze della vita matrimoniale

Nel Lettera Reig Pla indirizzata a tutti i fedeli nel 2013 che invita a celebrare la prima Veglia di San Valentino, leggiamo: "Tutti cerchiamo di amare e di essere amati; ma per questo abbiamo bisogno di un maestro. Dobbiamo tornare a Gesù Cristo, il Maestro divino, per imparare ad amare e per avere la forza di amare, ognuno secondo il proprio stile di vita.ún il proprio stato e la propria condizione. Lo SpíÈ lo Spirito Santo, che è Amore, ad aprire i nostri cuori per ricevere il dono dell'amore autentico.éLa dimensione etica. A questo proposito è necessario ricordare a tutti, e soprattutto ai giovani, almeno tre verità senza le quali la vita matrimoniale è destinata al fallimento. 

Primo: l'unità sostanziale corpo-spirito. Non siamo solo corpo o solo spirito. Siamo uno spirito incarnato; il corpo non è una protesi della persona, è il sacramento della persona, la sua visibilità. Secondo: la differenza sessuale non è un incidente, ma è costitutiva della persona. Siamo persone-maschio o persone-femmina per volontà di Dio, e da questa differenza siamo chiamati ad amare. Il nostro corpo, ogni aspetto della nostra anatomia, ha una dimensione nuziale, è creato per il dono, per l'amore, e nel contesto del matrimonio diventa il linguaggio dell'amore nell'abbraccio coniugale aperto alla possibilità del dono di una nuova vita. Terzo: come conseguenza del peccato originale, siamo tutti vittime della concupiscenza, cioè di un'inclinazione al male che rimane nell'uomo anche dopo il battesimo; per questo è necessaria la redenzione del cuore, la grazia di Gesù Cristo che ci rende capaci di amare e perdonare"..

Gioie e difficoltà

La Veglia di San Valentino chiama in causa in particolare i fidanzati, le coppie di fidanzati e gli sposi, soprattutto quelli che festeggiano le nozze d'argento o d'oro. Ma tiene anche conto dell'esperienza di sofferenza delle coppie sposate in difficoltà e di quelle che hanno vissuto il dolore della separazione o del divorzio. 

Inoltre, le persone celibi, vedove e consacrate, così come le madri che stanno dando alla luce una nuova vita nel loro grembo, si uniscono nel ringraziamento per la vocazione all'amore, alla quale partecipano anche nel proprio stato di vita.

La Veglia, che si svolge in un clima di ascolto attento, di preghiera e di lode, intervallato da bei canti, inizia con il saluto del vescovo e la recita di alcuni misteri del Santo Rosario, che illuminano l'avventura dell'amore coniugale. Dopo la recita di ogni mistero, viene proclamato un breve testo del Magistero, di solito da Papa Giovanni Paolo II, il grande cantore dell'amore umano, e si ascolta una testimonianza. La libertà con cui alcune persone che hanno vissuto difficoltà nella loro vita affettiva e matrimoniale parlano davanti a tutti i presenti, raccontando eventi dolorosi ma anche gioiosi, è un chiaro segno della vittoria di Cristo che, guarendo i cuori, fa rinascere la primordiale vocazione all'amore. 

Molti di coloro che hanno portato la loro testimonianza nel corso degli anni hanno espresso la loro gratitudine per l'accompagnamento materno della Chiesa e dei suoi pastori, così come della Centro di consulenza familiare Hanno trovato accoglienza e compagnia nella diocesi e in vari movimenti ed esperienze ecclesiali laicali, e hanno così potuto seguire un percorso di guarigione con l'aiuto della grazia di Dio.

Essere benedetti e conoscerci meglio

Dopo ciascuna delle toccanti testimonianze, abbiamo pregato tutti in ginocchio il Padre Nostro e l'Ave Maria corrispondenti al mistero del Santo Rosario, ringraziando e pregando per i più bisognosi della misericordia divina. 

Il nostro vescovo ci regala poi alcune parole, piene di realismo e di speranza, invitandoci a camminare con la Chiesa sulla via dell'amore, verginale e sponsale, sapendo che ciò che è impossibile all'uomo lasciato a se stesso è possibile a Dio. È in questo momento che il vescovo pronuncia le preghiere di benedizione sugli sposi, sui promessi sposi e sulle madri in attesa. 

Nell'ultima parte della Veglia viene esposto il Santissimo Sacramento, davanti al quale ci si prostra in adorazione e in grato silenzio per qualche minuto prima di ricevere la benedizione.

La celebrazione si conclude con un gesto prezioso legato alla nostra Santa Patrona, la Virgen del Val. Tutti coloro che lo desiderano si recano ai piedi dell'altare, da soli o con le loro famiglie, per inginocchiarsi e farsi coprire dal manto della Vergine, mentre il Vescovo li benedice e li incoraggia. Al termine della Veglia abbiamo condiviso una cioccolata calda con dolci, preparata dagli operatori della Caritas e da alcuni volontari. n

Testimonianza di Cristina e Jesús

In questo anno e mezzo di matrimonio, abbiamo visto come il nostro amore cresce e si rafforza ogni giorno di più. Vediamo quanto sia importante vivere in comunità, aprire la nostra casa e donarci agli altri. Sappiamo quanto sia necessario pregare e mettere Dio al centro del nostro matrimonio. 

La grazia che Dio ha riversato nel nostro sacramento ci ha avvicinato giorno dopo giorno e abbiamo ricevuto il dono di dare vita a una nuova vita. Siamo genitori e stiamo aspettando la nascita del nostro primo figlio, che ci riempie di grande gioia.

Guardando indietro, possiamo solo ringraziare Dio per tutto, perché quella felicità e quella pienezza che sentivamo dovessero esistere sono ora una realtà nella nostra vita. Gli chiediamo di continuare a riversare la sua Grazia, senza la quale non siamo nulla, e di togliere tutte le nostre paure e il nostro egoismo. Non siamo liberi dalla tentazione di rimanere chiusi in noi stessi e di concentrarci su noi stessi, ma la vita è lì per essere donata.

Testimonianza di Juan e Belén

Anche noi abbiamo avuto difficoltà economiche, come tante altre persone, ma quando Dio è al centro della nostra vita, al cuore della nostra casa, la felicità non salta dalla finestra, la felicità che è Cristo è nella nostra casa e l'infelicità semplicemente non entra. 

Non si può basare una relazione su uno stato ideale come la società di oggi ce lo fa vedere... alto, bello, con una bella casa, una bella macchina e molti soldi. E quando si chiude la porta di casa, ci si rende conto di essere soli e vuoti, perché ciò che ci riempie davvero, ciò che ci rende felici, ciò che ci aiuta a superare qualsiasi ostacolo, è Cristo. Senza di Lui non avete nulla, con Lui non vi manca nulla.

L'autoreJuan Miguel Prim Goicoechea

Vicario episcopale per la cultura, l'evangelizzazione e la comunicazione. Diocesi di Alcalá de Henares

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.