Famiglia

Naprotecnologia. Una risposta ai problemi di fertilità o di ciclo femminile.

La Naprotecnologia lavora con il ciclo femminile e rappresenta una visione diversa di come la scienza possa essere messa al servizio delle persone in modo integrale, afferma la dott.ssa Helena Marcos. Non si rivolge solo alle coppie sposate con difficoltà di fertilità, ma a tutte le donne con problemi di ciclo e mantiene la natura dell'atto coniugale. 

Helena Marcos-5 marzo 2020-Tempo di lettura: 7 minuti
Matrimonio di María del Carmen e Franc con il loro bambino.

Lei, o una donna che conosce, si è trovata ad affrontare circostanze come quelle descritte di seguito? 

-Avete cicli irregolari o lunghi periodi senza mestruazioni, o in qualche modo pensate che ci sia qualcosa di anomalo nel vostro ciclo e quando vi consultate con il vostro medico vi dice che "è normale". o cerca di prescrivervi la pillola contraccettiva al fine di "regolare il ciclo". 

-Avete mestruazioni molto dolorose e altri sintomi invalidanti e tutto ciò che vi è stato proposto (di nuovo) è un contraccettivo orale o uno IUD. 

-Nel vostro matrimonio i figli non arrivano, nonostante siate da tempo aperti alla vita. I medici le hanno proposto solo tecniche di riproduzione assistita senza fare più di uno studio di base, e poi le hanno detto che ha un problema. "infertilità di origine sconosciuta o che esiste una causa maschile per la quale l'unica soluzione è la fecondazione in vitro. 

-Avete avuto uno o più aborti spontanei e non ne hanno studiato le cause e le possibili soluzioni (perché avete avuto uno o più aborti spontanei). "pochi" e ne servono almeno tre per studiarlo, oppure perché avete già dei figli e "Non c'è bisogno di sforzarsi di più").

Se vi siete trovati in questa o in altre situazioni simili, non disperate! C'è una risposta che la medicina può dare. E la risposta è Naprotechnology. 

Che cos'è la Naprotecnologia?

Quando mi chiedono in quale campo della medicina lavoro, di solito rispondo che mi occupo della fertilità e della salute delle donne e dei matrimoni. Se posso approfondire, spiego che lavoro in una sottospecialità chiamata Naprotecnologia. Di solito la risposta è una faccia stupita, ed è per questo che mi affretto a definire questa parolina. 

La Naprotecnologia deriva da Tecnologia di procreazione naturale o Tecnologia di procreazione naturale, ed è definita come "la nuova scienza che collabora con il ciclo femminile".. Ciò significa innanzitutto che si basa su fatti scientifici, su ricerche molto solide e che è una scienza medica. Si tratta di studiare in modo ordinato per diagnosticare le patologie e curarle. Si occupa in particolare di patologie ginecologiche e deve quindi occuparsi congiuntamente di entrambi i partner quando soffrono di infertilità. La parola "naturale". all'interno della definizione indica che in questa scienza viene mantenuta la natura dell'atto coniugale, senza ovviarla o danneggiarla (come avviene nella riproduzione assistita e nella contraccezione). 

Sebbene l'infertilità sia la patologia più comunemente trattata, la Naprotechnology non si limita alla sola infertilità, ma tratta tutte le patologie del ciclo femminile, come cicli irregolari, sindrome premestruale o mestruazioni dolorose, nonché altre patologie gestazionali come aborti ripetuti, depressione post-partum o minaccia di parto prematuro. Pertanto, non si rivolge solo alle coppie con problemi di fertilità, ma a tutte le donne con problemi di ciclo. 

30 anni negli Stati Uniti

Thomas Hilgers, direttore dell'Università di Cambridge, ha raccolto l'appello di San Paolo VI agli scienziati nella sua famosa enciclica "La scienza della scienza". Humanae VitaePer aiutare i mariti e le mogli a vivere la dottrina della Chiesa, ha iniziato una ricerca sui metodi naturali di consapevolezza della fertilità. 

Nella sua ricerca, iniziata nel 1976 e culminata nella descrizione completa del metodo nel 1980, ha sviluppato il sistema più di 40 anni fa. mmetodo Creighton per la consapevolezza della fertilità, un sistema basato inizialmente sullo sviluppo standardizzato del metodo di ovulazione Billings. Si è circondata di un team di collaboratori con cui ha iniziato la ricerca e lo sviluppo del sistema. 

Il mmetodo Creighton si basa su un'adeguata conoscenza dei periodi fertili e infertili della coppia e si fonda sugli studi del dottor Billings sul muco cervicale, con una nuova standardizzazione del metodo. 

Questo significa che converte le osservazioni soggettive di ogni donna in osservazioni oggettive, cioè in standard in cui si possono riconoscere le stesse categorie di muco. Inoltre, trattandosi di un metodo standardizzato, tutti i processi di insegnamento e apprendimento sono standardizzati, con una pedagogia comune a tutte le parti del mondo. 

Si tratta di un programma basato sui pilastri dell'apprendimento, del servizio e della ricerca. I professionisti che insegnano il metodo seguono una formazione molto approfondita, che dura 13 mesi, durante i quali vengono seguiti da vicino.  

Durante i suoi studi sul ciclo femminile, Hilgers ha potuto constatare che nei grafici realizzati dalle donne si potevano osservare alterazioni correlate a specifici problemi di salute. Questo è stato l'inizio della Naprotecnologia, una scienza che, sebbene "giovane", si sta sviluppando negli Stati Uniti da circa trent'anni. In Spagna è ancora giovane, visto che quest'anno si celebra il quinto anniversario da quando le prime donne medico - la prima fu la dottoressa Mena, a Saragozza - iniziarono a praticarla dopo la loro formazione negli Stati Uniti. 

Il Dr. Hilgers continua a condurre ricerche e nel 2004, come frutto di decenni di lavoro, ha pubblicato il testo La pratica medica e chirurgica della NaprotecnicaÈ considerato un libro di testo sull'argomento e un libro da letto per tutti coloro che si dedicano alla pratica di questa scienza.

In Spagna, dal 2016 

Nel 2016 una coppia di coniugi, Jordina Fabrés e Venancio Carrión, genitori di due bambini Napro e pazienti del dottor Mena, di fronte alla mancanza di informazioni in spagnolo che loro stessi avevano sperimentato, hanno preso l'iniziativa di far conoscere la Naprotecnologia in Spagna. È iniziata così un'opera di divulgazione e promozione a livello nazionale e internazionale, mettendo in contatto i pazienti con i professionisti in diverse parti del mondo. Al fine di svolgere al meglio questo compito, nel 2017 in Spagna il Associazione spagnola di Naprotecnica nella sua prima riunione annuale. Grazie al sostegno di vescovi, parroci e professionisti, abbiamo realizzato diverse attività per sensibilizzare l'opinione pubblica su questa scienza, ancora largamente sconosciuta. 

Da allora, circa 1.500 matrimoni sono stati seguiti telefonicamente e circa 900 matrimoni/donne sono stati seguiti in consultazioni mediche. Inoltre, si sono già svolti tre incontri, l'ultimo dei quali internazionale, con la presenza di rinomati professionisti provenienti dal Messico e dalla Polonia. Nel nostro lavoro abbiamo sempre dato priorità alla cura e al sostegno dei pazienti durante il loro percorso. 

Fortunatamente, il percorso spagnolo sta progredendo e consolidandosi e ci sono altri professionisti che si sono formati nell'ultimo anno.

Naprotechnology utilizza il grafico Creighton Model System come strumento diagnostico, che aiuta le donne a conoscere la propria fertilità e il medico a diagnosticare e monitorare il trattamento. È uno strumento prezioso per il monitoraggio e i medici lavorano in team con i professionisti del Creighton Model System. FertilityCareI pazienti vengono istruiti su come tracciare i grafici in modo appropriato. 

Tanti trattamenti quante persone

La Naprotecnologia e il sistema Creighton formano quindi una doppia elica e non possono essere compresi l'uno senza l'altro. Il sistema Creighton Model è anche uno strumento che, come ogni metodo di sensibilizzazione alla fertilità, può essere utilizzato anche dai coniugi in caso di gravi motivi per rimandare la gravidanza ed è quindi un vero e proprio metodo di pianificazione familiare, come spiegano regolarmente i suoi sviluppatori. 

Una volta che i pazienti hanno iniziato il loro apprendistato presso il professionista FertilityCareAl medico del paziente, esperto di nanotecnologie, viene fornita una tabella di due o tre cicli. Successivamente, viene ordinata una batteria di esami complementari, a seconda delle esigenze di ogni paziente: di solito sono richieste analisi molto dettagliate (in momenti specifici del ciclo), test per valutare la permeabilità delle tube di Falloppio, ecografie per valutare la corretta ovulazione, seminogramma per il maschio, studi di intolleranze alimentari, eccetera.

Dopo uno studio dettagliato, il trattamento viene avviato in modo totalmente personalizzato e dinamico. Esistono tanti trattamenti quante sono le persone, poiché le cause del problema possono essere molto diverse, quindi i trattamenti vanno dall'integrazione, alle diete speciali, alla terapia ormonale, all'induzione dell'ovulazione e persino alla chirurgia, se necessario. 

Essere pazienti

Il trattamento è un viaggio in cui la pazienza è molto importante, poiché il corretto ripristino della salute non è di solito un processo facile e veloce. Tuttavia, cerchiamo di accompagnare questi pazienti in ogni fase del percorso, con l'aiuto della consulenza di coppie sposate che hanno vissuto lo stesso processo e che hanno la formazione adeguata per affrontare questi casi. 

In alcuni luoghi abbiamo anche gruppi di sostegno dove possono incontrare famiglie in situazioni simili e parlare delle loro preoccupazioni comuni. Nel mio caso, lavoro presso il Centro di orientamento familiare della diocesi di Getafe, quindi posso contare sulla vicinanza di professionisti come psicologi, sessuologi, consulenti e sacerdoti nel caso in cui sia necessario un rinvio.

Non solo gravidanza

Quando parliamo di successo delle nanotecnologie, non ci riferiamo solo alla gravidanza. Naturalmente ci sono coppie che ottengono una gravidanza e lo consideriamo un successo, ma la cosa migliore che possiamo fare da questa scienza è fornire una medicina di qualità e, soprattutto, accompagnare i pazienti in questo processo. In molti casi ci accorgiamo che ciò che i pazienti chiedono non è ciò di cui hanno bisogno, ma ciò che vogliono. "un figlio"L'obiettivo è quello di conoscere le ragioni per cui i bambini non vengono, di essere trattati e studiati nel modo giusto e di essere visti come le persone che sono in un contesto spesso di sofferenza, incomprensione e dolore. 

Se consideriamo che in Spagna una coppia su sette ha problemi di fertilità, possiamo supporre che ci siano molte famiglie che soffrono per questo motivo. Nella medicina di oggi, anche se può sembrare paradossale in questo momento di esaltazione dell'autonomia, i pazienti sono i dimenticati e i più trascurati. Ai pazienti che si rivolgono a noi per l'infertilità viene offerta una sola strada, la riproduzione assistita. Se non desiderano seguire questa strada, non viene presa in considerazione nessun'altra opzione al di là del "Tornerai". 

Una visione diversa delle proposte ufficiali

Allo stesso modo, per le donne con problemi di ciclo, non esiste un'altra opzione oltre alla pillola, senza altre ricerche o trattamenti che possano fornire una visione diversa. 

Proposte attuali "funzionari" sono quelli in cui si propongono atti che: a) danneggiano la relazione coniugale, separandola dalla procreazione; b) danneggiano la persona, rompendo la sua unione, facendole subire conseguenze fisiche (dosi altissime di ormoni, superovulazione) e psicologiche (grande stress, senso di colpa per gli embrioni congelati, rendendo pubblici processi che dovrebbero essere intimi); c) danneggiano le persone: in questo caso, gli embrioni che vengono scartati come "avanzi". per essere di "qualità inferiore", o essere malati, o che si congelano, possono essere venduti per la ricerca. 

Inoltre, non sono molto efficaci per ottenere gravidanze. È difficile conoscere le cifre esatte perché le cliniche che eseguono la riproduzione assistita fanno in modo che i numeri siano espressi in modo opaco, dando risultati poco precisi. "per ciclo". e considerare un test di gravidanza positivo un successo e non un neonato vivo, per esempio. Se l'efficacia è bassa rispetto alla gravidanza, spesso è nulla in termini di diagnosi della patologia di base e di ripristino della salute della donna. 

Costruire una famiglia

Nella medicina di oggi, la nanotecnologia è come una boccata d'aria fresca, una visione diversa (tanto antica quanto nuova) di come la scienza dovrebbe servire le persone in modo olistico. 

Inoltre, è l'unica scienza da cui si può davvero aiutare a costruire una famiglia, parlando della fecondità a cui ogni persona è chiamata, esercitata nelle sue diverse varianti - genitorialità biologica, adozione, affido, aiuto ad altre famiglie, eccetera - tutte a partire dalla vocazione e dal percorso che Dio ha per ciascuno. 

Trattamento delle "persone

Nella mia esperienza posso raccontare alcune cose davvero toccanti e meravigliose che mi sono accadute. Da persone che vi ringraziano per aver parlato con loro "come persone", perché "Non gli si è mai parlato in questo modo".genitori che mi portano i loro figli per farli incontrare, che mi mandano foto da mettere nel mio ufficio; coppie che interrompono il trattamento e sono ancora molto grate per la diagnosi e l'aiuto ricevuto; persone che migliorano la loro salute; donne che decidono di diventare professioniste loro stesse; donne che decidono di far portare i loro figli in clinica, che mi mandano foto da mettere nel mio ufficio. FertilityCare per aiutare altre donne; famiglie che iniziano un percorso di affido; o pazienti che sono diventati grandi amici durante questo percorso, non sempre facile, ma sempre utile.

L'autoreHelena Marcos

Dottore in medicina. Specialista in Naprotecnica. COF Getafe

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.