Famiglia

Amaya AzconaIl rapporto tra Red Madre, Caritas e parrocchie è intenso".

Nella sua Esortazione programmatica Evangelii gaudium (La gioia del Vangelo), Papa Francesco ha chiesto di "a un nuovo protagonismo di ciascuno dei battezzati". (n. 120). Omnes ha parlato con Amaya Azcona, direttore generale di Fondazione Rete Madreche spiega la collaborazione tra CaritasLa "Chiesa che si prende cura", e Red Madre, che aiuta le donne con gravidanze, soprattutto quelle non pianificate.

Francisco Otamendi-22 agosto 2022-Tempo di lettura: 4 minuti

Durante il recente viaggio apostolico in Canada, Papa Francesco ha avuto gesti e atteggiamenti che non sono passati inosservati. Tra questi gestiDa segnalare sicuramente il 26 luglio, festa di San Gioacchino e Sant'Anna, prima della celebrazione della Messa nella chiesa di San Giovanni e Sant'Anna, in occasione della festa di San Giovanni e Sant'Anna. EdmontonFrancesco ha potuto fare il giro dello stadio con la papamobile e salutare e baciare una ventina di bambini davanti a più di 50.000 persone presenti. 

I temi della famiglia, della vita nella società civile e della vita della Chiesa sono questioni in cui le diocesi e le parrocchie hanno bisogno di esperti, come in molte altre cose. Parliamo di corresponsabilità dei laici, come potete vedere nel numero speciale del numero estivo di Omnes. 

Amaya Azcona è stata per anni la direttrice generale della Fondazione Red Madre, un'entità che solo nel 2020 ha assistito 49.535 donne incinte e neomamme, 17.690 in più rispetto all'anno precedente, e che sottolinea nella sua Memoria che 8 su 10 donne incinte con dubbi che si sono rivolte a Red Madre hanno portato avanti la gravidanza, perché hanno ricevuto il sostegno di cui avevano bisogno. 

Supporto alla gravidanza

La domanda di Omnes ad Amaya Azcona è semplice. In quanto entità non confessionale e non facente parte dell'organizzazione ecclesiastica, qual è il suo rapporto con le diocesi e le parrocchie? O non c'è alcun rapporto?

"Le rispondo perché è un'attività regolare di Red Madre", risponde Amaya Azcona. "Red Madre" è una fondazione di diritto civile e non confessionale. Ma poiché siamo una rete, lavoriamo in rete con altre organizzazioni, civili o confessionali, pubbliche o private. La Chiesa cattolica è un'importante organizzazione con cui collaboriamo regolarmente. Abbiamo un ottimo rapporto. Da un lato, il parroco, i sacerdoti, possono indirizzare a noi le donne che hanno difficoltà ad accompagnare la gravidanza, che hanno dubbi sul proseguirla. Infatti, le donne incinte ci vengono regolarmente segnalate dalle parrocchie perché le accompagniamo". 

"Inoltre, molte donne, una volta partorito e con una carriera più stabile, si rivolgono a Cáritas, con cui abbiamo un rapporto diretto praticamente in tutta la Spagna", aggiunge. "In tutte le associazioni Red Madre, a volte mandiamo le famiglie a dare loro da mangiare, altre volte le Cáritas de Vallecas mi chiedono un carrello per i gemelli. Dal piccolo al grande. Sì, sempre con un ottimo rapporto. Questo per quanto riguarda l'assistenza". 

"Bisogna anche dire che in alcune città siamo ospitati nelle parrocchie. Perché avevano uno spazio più che sufficiente, perché c'è un'amicizia tra il parroco e la persona che ha avviato Red Madre. A Cáceres, per esempio, siamo in una parrocchia e a volte la Chiesa cattolica ci dà dei locali per poter svolgere la nostra missione", riferisce Amaya Azcona.

Difendere la maternità, difendere la vita

Il direttore generale della Fondazione Red Madre fa ora riferimento agli aspetti formativi, in aree quali la prevenzione dell'aborto, l'educazione affettiva e sessuale, ecc. e alla sua missione. "È frequente che sia i portavoce delle associazioni sia io, nello specifico, siamo invitati a tenere corsi di formazione. Sia nelle università cattoliche che in quelle civili e nelle parrocchie. Per esempio, la CEU ci invita regolarmente e io ho portato personalmente la mia testimonianza ai congressi su Cattolici e vita pubblica. L'anno in cui si sono dedicati alla vita abbiamo condotto un workshop con Red Madre, perché sono interessati alla nostra missione di difendere la maternità e la vita raggiungendo il loro popolo. C'è un rapporto importante con l'ACdP".

"E poi nelle parrocchie è molto normale che ci andiamo. L'ultimo è stato in una parrocchia di Malaga, su come affrontare la notizia di una gravidanza non pianificata, su come aiutare quella donna che sta attraversando una situazione complicata. Un cattolico non può né ignorare né tacere.", Amaya Azcona sottolinea che. 

"Parliamo dal nostro messaggio, diciamo non confessionale, ma che è totalmente intriso di ciò che la Chiesa difende: la vita umana nel grembo della madre, dalla fecondazione alla morte naturale", spiega il responsabile della Fundación Red Madre.

Prevenzione e accompagnamento post-aborto

"Usiamo argomenti di ragione, di biologia, di sociologia, di economia, che aiutano anche i cattolici nella loro preparazione. È molto normale che io parli all'Università di Navarra e in altre sedi. All'Università Cattolica di Avila, per esempio, mi hanno nominato consulente della cattedra Santa Teresa per le donne, insieme ad altre persone. È anche frequente che invitino Benigno Blanco, il promotore di Red Madre, me, ecc. a tenere una formazione molto specifica sulla difesa della donna come madre, non solo nella vita privata ma anche in quella pubblica, perché la maternità è un bene pubblico".

"D'altra parte", aggiunge Amaya Azcona, "mi chiedono molta formazione sulle conseguenze dell'aborto, su come prevenirlo e su come accompagnare le donne che hanno abortito. La Chiesa ha programmi di accompagnamento post-aborto, e a volte mi invitano a dare la parte formativa, forse più un accompagnamento psicologico nel periodo post-aborto".

"Per esempio, i cattolici non possono ignorare le situazioni di gravidanza non pianificata", spiega. "Dobbiamo aiutare quella donna o quell'uomo che ha detto di aver messo incinta la sua ragazza. In Spagna, il numero di aborti sta diminuendo in termini numerici [il numero di aborti è stato di 88.000 nel 2020, secondo i dati di fonti ufficiale], perché ci sono meno donne in età fertile, ma aumenta in proporzione alle donne in gravidanza.

Diagnosi prenatale

Abbiamo anche parlato con Amaya Azcona delle diagnosi prenatali, ad esempio di malformazione, che più o meno la metà dei genitori si tira indietro e abortisce. "Una tragedia, dice l'esperto. Ma lasceremo l'argomento per un'altra volta, perché lo spazio è limitato.

Vuole solo ricordare che Red Madre si appoggia anche a istituzioni religiose che dispongono di case o appartamenti per donne incinte o puerpere.

L'autoreFrancisco Otamendi

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.