Ecologia integrale

I palliativi sono davvero un costo importante per il sistema?

Le cure palliative specializzate non solo migliorano il benessere dei pazienti con gravi sofferenze, ma rappresentano anche un significativo risparmio economico per ogni ospedale e per i sistemi sanitari nazionali (NHS) dei Paesi.

Rafael Miner-12 febbraio 2021-Tempo di lettura: 4 minuti

Circa la metà di tutti i pazienti con una malattia grave accompagnata da gravi sofferenze non riceve cure palliative specializzate in Spagna. Secondo alcuni studi, la percentuale è di sei su dieci, cioè il 60%.

A livello globale, la cifra è più alta, tenendo conto, ad esempio, della minore disponibilità di servizi che forniscono questo tipo di assistenza e del consumo ridotto o addirittura basso di oppioidi in alcune parti del mondo.

Alcuni economisti e manager della salute, insieme a professionisti del settore, stanno studiando da tempo la riluttanza di alcuni Paesi e contesti a implementare servizi di cure palliative. Non da ultimo, i costi potenziali.

L'idea che i palliativi siano più costosi è stata oggetto di una revisione globale.

Miguel Sánchez Cárdenas- Ricercatore Atlantes

La preoccupazione è la seguente. Mettiamoci nei panni di un pianificatore sanitario, al quale viene detto che oltre a fornire assistenza al paziente, ad esempio da parte dell'équipe di cardiologi, deve essere chiamata un'altra équipe per prendersi cura del paziente. A prima vista, sembra un aumento dei costi. "Se devo chiamare un'équipe aggiuntiva a quella che sta curando la malattia, mi sembra costoso", spiega. Miguel Sánchez CárdenasMa questo modo di argomentare è stato oggetto di una revisione globale", afferma il ricercatore del programma Atlantes dell'Istituto Cultura e Società dell'Università di Navarra.

Rapporto di Medicina interna Jama

Uno dei rapporti più analizzati è quello pubblicato da Medicina interna JamaL'edizione 2018 della rivista pubblicata dall'American Medical Association. È stato condotto da Sistema sanitario del Monte Sinai y Trinity College di Dublino, Irlanda, e ha messo insieme i dati di sei studi precedenti che hanno coinvolto più di 130.000 adulti ricoverati negli ospedali degli Stati Uniti tra il 2001 e il 2015. Di questi pazienti, il 3,6% ha ricevuto un consulto di cure palliative in aggiunta alle altre cure ospedaliere.

Secondo il rapporto, gli ospedali hanno risparmiato in media 3.237 dollari per paziente (quasi 2.700 euro al cambio attuale), nel corso di una degenza ospedaliera, quando le cure palliative sono state aggiunte alle cure di routine rispetto a coloro che non hanno ricevuto cure palliative. Le cure palliative sono state associate a un risparmio sui costi, per degenza ospedaliera, di 4.251 dollari (3.542 euro) per paziente oncologico e di 2.105 dollari (1.754 euro) per quelli con diagnosi non oncologica. I risparmi sono stati maggiori per i pazienti con più malattie.

Gli ospedali hanno risparmiato in media 3.237 dollari per paziente sottoposto a cure palliative

Le cause del risparmio sono state riassunte dall'autore dell'analisi, John Commins, come segue Le cure palliative fanno risparmiare l'ospedale. I programmi di cure palliative che gestiscono meglio il dolore e migliorano il coordinamento dell'assistenza si traducono in degenze ospedaliere più brevi e costi inferiori, in particolare per i pazienti più malati, secondo il rapporto, di cui è autore principale Peter May, ricercatore di economia sanitaria presso il Centre for Health Policy and Management dell'Università della California, New York. Trinity College di Dublino.

Anche gli ospedali catalani

Quando a Sánchez Cárdenas è stato chiesto di parlare del lavoro del Dr. Gómez Batisteche più di dieci anni fa sosteneva che le cure palliative specializzate fanno risparmiare al sistema il 60% dei costi che un malato terminale sosterrebbe senza tali cure, ha sottolineato che il fattore tempo è importante nel calcolo dei risparmi.

"Gómez Batiste ha riscontrato una diminuzione dei costi per paziente trattato con cure palliative pari in media a 3.000 euro, ma altri studi hanno fatto altre stime", spiega il ricercatore di Atlantes. "Dipende anche dal momento in cui il paziente arriva al programma di cure palliative: se all'inizio del decorso della malattia o più avanti nel tempo. È chiaro che quanto prima si arriva, tanto più si risparmia per il sistema. Essenzialmente, perché evita trattamenti che non sono necessari alla fine della vita e che, invece di curare o alleviare un sintomo, aumentano la sofferenza delle persone".

Quanto prima iniziano le cure palliative per il paziente, tanto maggiore è il risparmio per il sistema.

Lo studio del dottor Xavier Gómez Batiste ha rivelato che nella sola Catalogna, nel 2006, le cure palliative hanno permesso di risparmiare 33,5 milioni di euro all'anno, un importo superiore al costo totale della spesa strutturale per tutte le cure palliative nella comunità autonoma, ha riportato ABC. A suo avviso, la conclusione può essere estrapolata all'intero Paese. La ragione delle sue conclusioni è che "le cure palliative ospedaliere o domiciliari, ben pianificate e ben eseguite, prevengono molti problemi ed evitano che i pazienti ricorrano all'assistenza d'emergenza o finiscano nei reparti per acuti, perché è il modo più semplice o l'unico che hanno a disposizione quando hanno bisogno di cure mediche".

Sánchez Cárdenas ritiene che "si dovrebbe anche notare che gli studi che valutano il costo delle cure palliative coincidono nel sottolineare che quanto più precocemente vengono fornite le cure palliative, tanto maggiore sarà il loro successo in termini di efficacia del trattamento". In altre parole, è possibile soppesare i trattamenti che vanno bene per i pazienti, ma anche quelli che porteranno alla dipendenza da trattamento, che non migliorano la qualità di vita del paziente e peggiorano i costi per il sistema".

D'altra parte, dirigenti del settore sanitario, come Zacarías Rodriguez, della New Health Foundation, hanno assicurato che "investire nelle cure palliative significa salvare il sistema, renderlo più sostenibile e migliorare la qualità della vita delle persone". In questo senso, la fondazione sostiene che con l'implementazione di metodi di gestione appropriati, "le cure palliative farebbero risparmiare al sistema sanitario tra il 20 e il 35% dei costi, migliorando la qualità di vita dei pazienti e aumentando la soddisfazione di pazienti, famiglie e assistenti fino al 97%".

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.