Famiglia

Chiavi per una migliore comprensione di "Amoris Laetitia" e della sua controversia

La pubblicazione di "Amoris Laetitia"L'approccio del Papa all'accompagnamento delle persone in situazione di matrimonio irregolare, soprattutto se si sono risposate, è stato controverso. In questa intervista, l'autore cerca di spiegare il messaggio che Papa Francesco ha cercato di comunicare, incentrato su tre verbi: accompagnare, discernere, integrare.

Stefano Grossi Gondi-10 agosto 2022-Tempo di lettura: 7 minuti

©Sandy Millar

Nell'esortazione apostolica post-sinodale "Amoris Laetitia"Il Papa ha proposto che i cristiani accompagnino più da vicino le persone in situazioni matrimoniali complesse. La sua prospettiva è stata accolta con riserve in alcuni settori della Chiesa. Omnes intervista Stéphane Seminckx - sacerdote belga, dottore in medicina e teologia - per discutere le questioni più controverse del documento e fare luce sulla sua interpretazione.

Nel capitolo VIII di "Amoris Laetitia" Papa Francesco propone di accompagnare, discernere e integrare la fragilità. La comprensione di questi tre verbi ha suscitato molti commenti.

- Di questi tre verbi - accompagnare, discernere, integrare - il secondo è la pietra angolare dell'approccio pastorale della Chiesa: l'accompagnamento favorisce il discernimento, che a sua volta apre la strada alla conversione e alla piena integrazione nella vita della Chiesa.

Il "discernimento"è un concetto classico. San Giovanni Paolo II usa questo termine già nella "Familiaris Consortio" (n. 84): "I pastori devono essere consapevoli che, per amore della verità, hanno l'obbligo di discernere bene le varie situazioni". Benedetto XVI richiama quasi letteralmente la stessa idea nella "Sacramentum Caritatis" (n. 29).

Come si può definire concretamente il discernimento?

- Discernere significa arrivare alla verità sulla posizione di una persona davanti a Dio, una verità che, in realtà, solo Dio conosce pienamente: "Anche se non sono colpevole di nulla, non sono giustificato: il Signore è il mio giudice" (1 Cor 4,4).

Tuttavia, "lo Spirito di verità (...) vi guiderà in tutta la verità" (Gv 16, 13). Lo Spirito Santo ci conosce meglio di noi stessi e ci invita a conoscerci in Lui. Il discernimento è il nostro sforzo di rispondere alla luce e al potere che ci vengono dati dallo Spirito di verità. Il luogo per eccellenza del discernimento è la preghiera.

Il discernimento inizia dalle circostanze che hanno portato all'allontanamento da Dio. Parlando di divorziati e risposati, San Giovanni Paolo II fa i seguenti esempi: "C'è infatti una differenza tra coloro che hanno cercato sinceramente di salvare un primo matrimonio e sono stati ingiustamente abbandonati, e coloro che per grave colpa hanno distrutto un matrimonio canonicamente valido. Infine, c'è il caso di coloro che hanno contratto una seconda unione per l'educazione dei figli, e che talvolta hanno la certezza soggettiva nella loro coscienza che il precedente matrimonio, irrimediabilmente distrutto, non è mai stato valido". (Familiaris Consortio 84). Conoscere queste circostanze permette al peccatore di valutare la sua responsabilità e di trarre esperienza dal male commesso, e al sacerdote di adattare il suo approccio pastorale.

Discernimento significa anche valutare - tipicamente nelle mani del confessore - se nell'anima del peccatore c'è un desiderio di conversione. Questo punto è decisivo: se esiste questo desiderio sincero - anche nella forma più elementare - tutto diventa possibile. Si può avviare un percorso di accompagnamento e di ritorno alla piena comunione nella Chiesa.

In terzo luogo, discernere significa scoprire le cause dell'allontanamento da Dio, che determineranno anche il percorso di conversione. "Amoris Laetitia" richiama esplicitamente il numero 1735 del Catechismo della Chiesa Cattolica: "L'imputabilità e la responsabilità di un'azione possono essere diminuite o addirittura soppresse a causa dell'ignoranza, dell'inavvertenza, della violenza, della paura, delle abitudini, degli affetti disordinati e di altri fattori psicologici o sociali".

Potrebbe darci qualche esempio concreto di questo punto nel Catechismo?

- I confessori sono ben consapevoli di questi fattori, che spesso giocano un ruolo decisivo nella situazione di un'anima. Attualmente, il primo e più importante è l'ignoranza della maggioranza dei fedeli. "Oggi c'è un numero crescente di pagani battezzati: con questo intendo persone che sono diventate cristiane perché sono state battezzate, ma che non credono e non hanno mai conosciuto la fede" (Joseph Ratzinger - Benedetto XVI).

Il sacerdote deve valutare il livello di formazione del penitente e, se necessario, incoraggiarlo a formare la sua coscienza e a nutrire la sua vita spirituale, in modo da condurlo gradualmente a vivere pienamente le esigenze della fede e della morale.

Fattori come la depressione, la violenza e la paura possono influenzare l'esercizio della volontà: possono impedire ad alcune persone di agire liberamente. Se, ad esempio, una persona soffre di depressione, avrà bisogno di assistenza medica. O se una donna viene trattata con violenza dal marito o costretta a prostituirsi, non ha senso confrontarsi con i precetti della morale sessuale. Prima di tutto, deve essere aiutata a uscire da questa situazione di abuso.

Comportamenti ossessivi o compulsivi, dipendenze da alcol, droghe, gioco d'azzardo, pornografia, ecc. danneggiano gravemente la volontà. Queste patologie hanno spesso origine dalla ripetizione di atti inizialmente consapevoli e volontari, e quindi colpevoli. Tuttavia, quando la dipendenza si instaura, il pastore deve sapere che la volontà è malata e va curata come tale, con le risorse della grazia ma anche della medicina specializzata.

Il punto del Catechismo richiamato da Papa Francesco cita anche i "fattori sociali": ci sono molti comportamenti immorali che sono ampiamente accettati nella società, al punto che molte persone non si rendono più conto della malizia in essi contenuta o, se lo fanno, trovano molto difficile evitarli senza mettere in pericolo la propria immagine, o addirittura la propria situazione professionale, familiare o sociale. Su certe questioni morali, non ci si può esprimere al di fuori di un certo modo di pensare unico senza essere denunciati e messi alla gogna, o addirittura perseguitati.

Forse dovremmo anche ricordare cosa non è il discernimento?

- Il discernimento non consiste nel giudicare gli altri: "Non giudicate, perché non siate giudicati" (Mt 7,1). L'esame di coscienza è sempre un esercizio personale e non un invito a scrutare la coscienza degli altri. Anche il confessore farà attenzione a non vedersi come il Giudice Supremo che mette le pecore alla sua destra e i capri alla sua sinistra (cfr. Mt 25,33), ma si vedrà come l'umile strumento dello Spirito Santo per guidare l'anima alla verità. Ecco perché un sacerdote non rifiuta mai l'assoluzione, a meno che la persona non escluda consapevolmente e deliberatamente qualsiasi volontà di conformarsi alla legge di Dio.

Il discernimento non consiste nel cambiare il farmaco, ma nell'aggiustare il dosaggio. I mezzi di salvezza e la legge morale sono gli stessi per tutti nella Chiesa, ieri, oggi e domani. Non si può, con il pretesto della misericordia, cambiare la norma morale per una determinata persona. La misericordia consiste nell'aiutarlo a conoscere questa norma, a comprenderla e ad assumerla progressivamente nella sua vita. Si tratta della cosiddetta "legge della gradualità", da non confondere con la "gradualità della legge": "Poiché non c'è gradualità nella legge stessa (cfr. Familiaris Consortio 34), questo discernimento non può mai essere esente dalle esigenze evangeliche di verità e carità proposte dalla Chiesa". ("Amoris Laetitia" 300). Come dice San Giovanni Paolo II, la misericordia non consiste nell'abbassare la montagna, ma nell'aiutare a scalarla.

Il discernimento non è nemmeno un tentativo di sostituire la coscienza delle persone. Come sottolinea il Papa in "Amoris Laetitia", n. 37: "Siamo chiamati a formare le coscienze, ma non a sostituirci ad esse". Questa osservazione è fondamentale perché noi siamo gli attori della nostra vita, non "viviamo per delega", come se fossimo sospesi alle decisioni di un terzo o alle prescrizioni di un codice morale. Ognuno di noi è l'agente cosciente e libero della propria vita, del bene che fa e del male che commette. L'assunzione di responsabilità per il male che facciamo è una prova della nostra dignità e, davanti a Dio, l'inizio della conversione: "Padre, ho peccato contro il cielo e contro di te" (Lc 15, 21). (Lc 15, 21)

L'intera sfida dell'educazione - e della nostra formazione come adulti - è quella di forgiare la vera libertà, che è la capacità della persona di discernere il vero bene e di metterlo in pratica, perché lo vuole: "Il più alto grado della dignità umana consiste nel fatto che gli uomini non sono guidati da altri al bene, ma da se stessi" (San Tommaso d'Aquino). (San Tommaso d'Aquino). Questa sfida, quindi, significa anche formare bene la coscienza, che è la norma dell'azione immediata e prossima.

Come si può realizzare questa formazione?

- Attraverso l'educazione, incentrata sulle virtù, la formazione permanente, l'esperienza, la riflessione, lo studio e la preghiera, l'esame di coscienza e, in caso di dubbi o situazioni complesse, la consultazione di un esperto o di una guida spirituale. Questa formazione ci porta ad acquisire la virtù cardinale della prudenza, che perfeziona il giudizio della coscienza, come una sorta di GPS per le nostre azioni.

I Dieci Comandamenti sono stati e saranno sempre la base della vita morale: "Prima che il cielo e la terra passino, non passerà un solo punto della Legge" (Mt 5,18). Sono la rivelazione della legge di Dio inscritta nei nostri cuori, che ci invita ad amare Dio e il prossimo e ci indica una serie di divieti, cioè "atti che, in sé e per sé, indipendentemente dalle circostanze, sono sempre gravemente illeciti, a causa del loro oggetto" ("Veritatis Splendor" 80). Il Catechismo della Chiesa Cattolica indica quali sono i peccati gravi, in particolare ai numeri 1852, 1867 e 2396.

Il fatto che la morale includa dei divieti può offendere la mentalità contemporanea, per la quale la libertà assomiglia a una volontà onnipotente che nulla può ostacolare. Ma ogni persona di buon senso capisce che, sulla strada della vita, i semafori rossi e gli STOP ci proteggono dal pericolo; senza di essi, non raggiungeremmo mai la nostra destinazione.

Da dove pensa che derivino le differenze di interpretazione di questo capitolo di "Amoris Laetitia"?

- A mio avviso, c'è un grande equivoco in "Amoris Laetitia": la morale non diventa oggettiva quando si limita ai "fatti esterni" della vita delle persone, ma quando si sforza di raggiungere la "verità della soggettività", la verità del cuore, davanti a Dio, perché "l'uomo buono fa uscire il bene dal tesoro del suo cuore, che è buono; e l'uomo malvagio fa uscire il male dal suo cuore, che è malvagio; perché ciò che la bocca dice è ciò che trabocca dal cuore" (Lc 6, 45) e "Dio non guarda come gli uomini: gli uomini guardano l'apparenza, ma il Signore guarda il cuore" (1 Sam 16, 7). (Lc 6,45) e "Dio non guarda come gli uomini: gli uomini guardano l'aspetto esteriore, ma il Signore guarda il cuore" (1 Sam 16,7).

Ad esempio, una persona non può essere condannata per il solo "fatto esterno" di essere divorziata e risposata: si tratta, per così dire, di uno stato civile, che non dice tutto sulla situazione morale della persona in questione. Può darsi, infatti, che questa persona sia sulla strada della conversione, mettendo in atto i mezzi per uscire da questa situazione. D'altra parte, un uomo che appare agli occhi di tutti come un "marito modello", perché è stato al fianco della moglie per trent'anni, ma la tradisce segretamente, si trova in una situazione matrimoniale apparentemente "regolare", mentre in realtà è in uno stato di peccato grave. La verità di queste due situazioni non è ciò che i nostri occhi percepiscono, ma ciò che Dio vede e fa discernere alla persona nel profondo del suo cuore, con l'eventuale aiuto del sacerdote.

L'autoreStefano Grossi Gondi

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.