Evangelizzazione

Nolan Smith: "Amo la mia fede. Voglio far parte della chiesa, partecipare alle sue attività".

Nolan Smith ha fatto parte del gruppo di persone che hanno dato voce alla comunità di persone con diverse disabilità nella Chiesa attraverso il documento La Chiesa è la nostra casa. Questo giovane con la sindrome di Down mostra, insieme alla sua famiglia, la sfida della piena integrazione delle persone con diverse disabilità all'interno della Chiesa. 

Maria José Atienza-27 dicembre 2022-Tempo di lettura: 5 minuti

A 22 anni, Nolan Smith vive a Lawrence, in Kansas, e attualmente fa parte del gruppo dei Programma di transizione verso l'istruzione post-secondaria dell'università del Kansas e studia Educazione della prima infanzia. Fin dalla nascita, ha condiviso la vita di fede nella sua casa. La sua partecipazione alla vita parrocchiale ha anche aperto nuove strade nella sua comunità.

Nolan ha partecipato allo sviluppo del documento. La Chiesa è la nostra casa. Insieme al padre, Sean Joseph, ha rilasciato un'intervista a Omnes per parlare della sua esperienza. Un'esperienza che mette in luce la ricchezza che queste persone portano alla comunità, la loro disponibilità a offrire i loro talenti e il sostegno della loro famiglia nella vita di fede. 

Nolan, come hai vissuto la tua fede a casa, in famiglia, con gli amici?

-Ho vissuto la mia fede a casa in molti modi. Per prima cosa, come famiglia, preghiamo. Abbiamo pregato durante i pasti e anche la sera. Abbiamo anche aiutato la comunità e la parrocchia come una famiglia. I miei genitori dicono che fare questo aiuta gli altri ed è ciò che Dio vorrebbe. Cerco di essere una brava persona. Cerco di condividere con gli altri. Voglio assicurarmi che i miei amici sappiano di essere speciali. Ci tengo a loro e voglio renderli felici. Se posso aiutarli in qualche modo, lo faccio. Ho pregato anche con mia nonna. Ha vissuto vicino a noi negli ultimi quattro anni della sua vita. Ogni sera andavo a casa sua, mio padre ci portava la cena e mangiavamo entrambi. Poi suonavamo musica e recitavamo anche il rosario.

Sean, come padre di Nolan, qual è la sua prospettiva su questa esperienza?

-Nolan è uno dei nostri quattro figli. Come i suoi fratelli, ha partecipato all'educazione religiosa, ai sacramenti, alle preghiere a casa e all'educazione attraverso la Chiesa. Come famiglia, partecipiamo alla messa. È stato chiesto loro di aiutare la Chiesa in vari eventi, comprese le attività parrocchiali. 

I nostri figli più piccoli frequentavano la scuola parrocchiale. Nolan e la sorella maggiore non l'hanno fatto perché a Nolan non è stato permesso di partecipare. Ora accettano ed educano i bambini con la sindrome di Down.

Ora sei un giovane uomo, Nolan, come partecipi alla tua comunità parrocchiale? 

-Ho aiutato la mia chiesa in vari modi. Ho servito come chierichetto, ho aiutato nell'insegnamento dell'educazione religiosa con mio padre e in questo momento sono un lettore. Ho anche aiutato con la recita della vigilia di Natale per i bambini e ho anche decorato la chiesa a Natale e a Pasqua.

 Avete trovato difficile o facile vivere la vostra fede?

-Amo la mia fede. Mia nonna era molto speciale per me e mi ha anche aiutato a conoscere Dio. Mi manca, ma sento che mi ha aiutato a vivere la mia fede. Andare in chiesa e conoscere Dio fa parte delle nostre attività familiari. Quindi, è abbastanza facile vivere la mia fede.

Lei è stato uno dei partecipanti alla riunione del Dicastero che ha portato al documento. La Chiesa è la nostra casaCom'è stata la vostra partecipazione all'incontro?

-Era buono. Ho avuto l'opportunità di presentarmi e di ascoltare gli altri: chi erano e da dove venivano. Il primo incontro attraverso lo zoom è stato un incontro per conoscersi. Mi è piaciuto ascoltare il traduttore e mi ha sorpreso vedere tutte le lingue parlate. Ci è stato dato il compito di completare un libretto. Mio padre e io abbiamo scritto ciò che pensavamo della Chiesa, ciò che vedevamo della visione della Chiesa per le persone con disabilità e simili. Poi ci hanno fatto un riassunto di ciò che avevano imparato. 

Cosa chiedete alla Chiesa?

-Voglio far parte della Chiesa. Farne parte significa poter partecipare alla messa. Ma anche per partecipare alle attività della chiesa, agli eventi sociali, all'apprendimento e ad altri eventi. Prima della pandemia, andavo a un evento organizzato da un sacerdote la domenica dopo la messa. Ci andavo con mia nonna, prendevamo un rinfresco e ascoltavamo il sacerdote che parlava delle letture e di altre cose della chiesa. Facevo parte di questo gruppo e questo era importante. Cose del genere sono importanti per me.

Pensa che ci sia un cambiamento di mentalità all'interno della Chiesa nella cura pastorale delle persone con disabilità? 

-[Nolan] Non lo so. So di essere parte della mia parrocchia. Ho potuto fare tutto quello che volevo fare. Ho potuto partecipare come i miei fratelli. Mio padre dice che la scuola cattolica non mi accettava, ma ora insegnano ai bambini con la sindrome di Down. Quindi è una buona cosa.

-[Sean Joseph] Penso che la Chiesa sia stata più lenta della società. Faccio parte del nostro comitato per la disabilità. L'obiettivo attuale della parrocchia e dell'arcidiocesi è l'accesso. Accesso nel senso che dobbiamo fornire un accesso di base alla Chiesa e ai sacramenti. La società parlava di accesso e di accesso di base 40 anni fa. Oggi la società parla e facilita l'inclusione significativa. Inclusione, in cui le persone con disabilità fanno parte della comunità, sono incluse nelle attività tipiche (ad esempio, servire all'altare, essere un lettore, la scuola parrocchiale) e sono membri contribuenti della società. Purtroppo, a volte la Chiesa si limita a parlare di come costruire rampe negli edifici, di come fornire supporti audio alle persone sorde. Non parlano delle esigenze delle persone con disabilità intellettiva o autismo. Non si concentrano sulle disabilità dello sviluppo, su cui la società è molto concentrata. 

Purtroppo, direi che guardano le cose da una prospettiva del XX secolo, mentre siamo nel terzo decennio del XXI secolo.

A La Chiesa, la nostra casa Sottolinea che anche le persone con disabilità sono chiamate a dare. Cosa portano alla comunità ecclesiale?

-[Nolan] Beh, prima di tutto, sono una persona. L'idea che io sia una persona bisognosa è un problema. Se la Chiesa si apre e vengono offerti accomodamenti ragionevoli, posso farne parte. 

Non trattatemi come una persona diversa, che deve essere compatita o di cui si ha bisogno. In questo modo trattiamo le persone con disabilità in modo diverso. Ho tre fratelli. Non trattatemi in modo diverso dai miei fratelli solo perché ho una disabilità. 

La Chiesa deve imparare da ciò che la società ha imparato. Posso contribuire come chiunque altro. Sono stato un chierichetto. Ora sono un lettore. Posso partecipare al coro. Ho aiutato a insegnare la scuola domenicale. Datemi solo una possibilità e qualche sostegno (quando necessario) e farò la mia parte.

Se mi trattano in modo diverso perché ho la sindrome di Down o mi impediscono di aiutare perché ho la sindrome di Down, è sbagliato.

- [Sean Joseph] Nolan fa parte della parrocchia. È un membro e un membro attivo. Ora, direi che questo è stato inizialmente dovuto alle mie aspettative e al mio sostegno. Per esempio, l'ho aiutato a essere formato come chierichetto e ho anche facilitato la sua partecipazione a questo processo. Anche suo fratello lo aiutava quando erano insieme all'altare. Sono anche responsabile dei lettori e quindi l'ho istruito. 

La comunità parrocchiale, quando ha partecipato a queste attività, è stata accolta molto bene. Sono stati di grande sostegno e hanno appoggiato la sua partecipazione in tutta la parrocchia. Lo considerano un comportamento tipico di Nolan. 

Tuttavia, ho visto che altre persone con disabilità non sono così incluse. Quindi la parrocchia ha del lavoro da fare. Perché? Perché le persone con disabilità possono e devono partecipare in condizioni di parità alla comunità ecclesiale. 

Siamo tutti figli di Dio e quando li trattiamo come tali (ad esempio offrendo sostegno, creando una struttura e un clima di inclusione, vedendo ognuno prima come una persona, non come una disabilità e poi come una persona), possiamo facilmente includerli nella nostra Chiesa.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.