Educazione

75 % degli spagnoli riconoscono i valori cristiani

La maggioranza degli spagnoli riconosce che i propri valori hanno radici cristiane, persino la metà di coloro che si dichiarano indifferenti o atei. I livelli di fiducia nella Chiesa cattolica stanno migliorando, anche se rimangono bassi, secondo un rapporto degli analisti Víctor Pérez-Díaz e Juan Carlos Rodríguez presentato dalla Fondazione europea per la società e l'istruzione.

Rafael Miner-14 luglio 2021-Tempo di lettura: 6 minuti
mani del cuore

Foto: Tim Marshall / Unpslash

Tra i 28 Paesi europei la cui popolazione adulta si identifica con una confessione religiosa, la Spagna si colloca al 22° posto, sebbene il 75 % degli spagnoli riconosca che i propri valori hanno radici cristiane, anche la metà di coloro che si dichiarano indifferenti o atei.

Un 86 % riconosce l'importanza del ruolo delle chiese (compresa la Chiesa cattolica) nel sociale, mentre gli attuali livelli di fiducia nella Chiesa cattolica, pur continuando a migliorare, sono relativamente bassi, con una media di 3,8 su 10, dietro alle ONG, ma simili a quelli delle grandi aziende (3,7) e dei media (3,9), e nettamente superiori ai partiti politici (1,5).

D'altra parte, l'importanza media che i cittadini attribuiscono alla religione nella loro vita riceve un punteggio di 4 su 10 ̶ la quarta posizione più bassa tra i Paesi europei con dati del 2017 ̶ , una media che sale a 9,3 tra gli insegnanti di religione.s

Ecco alcune delle conclusioni del rapporto Prospettive del pubblico e degli insegnanti sulla religione, la sua presenza pubblica e il suo posto nell'insegnamento, di Víctor Pérez-Díaz, vincitore del Premio Nazionale di Scienze Politiche e Sociologia 2014, e di Juan Carlos Rodríguez, entrambi di Analistas Socio-Políticos, e presentata nel corso scuola estiva a El Escorial intitolata La religione in Spagna oggi, organizzato dal Fondazione Europea Società e Istruzione.

Lo studio degli analisti si basa su due sondaggi di opinione. Uno è stato applicato a un campione rappresentativo della popolazione spagnola di età compresa tra i 18 e i 75 anni e l'altro a un campione rappresentativo di insegnanti di religione cattolica nell'istruzione generale e nelle scuole pubbliche. Entrambi sono stati realizzati online.

Direttori del corso, Silvia Meseguer (UCM) e Miguel Ángel Sancho (EFSE), hanno inquadrato questo studio nell'ambito del progetto Società civile, religiosità e istruzionecommissionato a Society and Education dall'organizzazione internazionale Porticus, interessata a ottenere informazioni sulla situazione dell'educazione religiosa in Spagna. Il corso è stato aperto da Andrés Arias Astray, Direttore Generale della Fondazione Generale dell'Università Complutense di Madrid, a nome del Rettore.

La secolarizzazione, un processo complesso

Víctor Pérez-Díaz ha descritto il processo di secolarizzazione in Spagna come "complesso, confuso, contraddittorio e aperto, con toni molto diversi nelle società occidentali e nel resto del mondo".

Juan Carlos Rodríguez, coautore del rapporto, ha evidenziato alcune delle conclusioni che, a suo avviso, gettano nuova luce sui giudizi e sulle percezioni del pubblico riguardo alla presenza pubblica della religione. E ha affermato che, "per la prima volta, le opinioni del pubblico vengono confrontate con quelle di uno degli agenti ipoteticamente centrali nella trasmissione della prospettiva religiosa, gli insegnanti di religione".

Secondo il professor Rodríguez, il processo di secolarizzazione in Spagna presenta delle sfumature: l'opinione pubblica riconosce una componente religiosa nella vita delle persone, riconosce il contributo delle organizzazioni religiose nell'assistenza ai bisognosi, tende ad accettare l'attuale status della materia Religione e apprezza persino un'altra possibile materia sulla Storia delle religioni. Insomma, "non resta che concludere che in Spagna esiste una convivenza civile tra chi riconosce l'importanza dell'esperienza religiosa nella propria vita e chi non la riconosce".  

Alcune conclusioni

"La variabile che meglio spiega le differenze di opinione riscontrate nello studio è quella che combina l'identità e la pratica religiosa degli intervistati", afferma Juan Carlos Rodríguez. Secondo il rapporto, sono classificati come segue: 58,7 % sono cattolici (17,7 % sono praticanti e il resto è poco o per nulla praticante); 3,2 % sono credenti di altre confessioni; 11,2 % si dichiarano agnostici; 15,7 % sono atei e 10,5% sono indifferenti. [Fundeu.es sottolinea che "l'agnostico non afferma l'esistenza o la non esistenza di Dio, in quanto queste non sono dimostrabili. Gli atei, invece, sono coloro che "negano l'esistenza di Dio"].

Per quanto riguarda gli insegnanti di religione, l'86,1 % frequenta le funzioni religiose ogni settimana o quasi, il che vale solo per il 18,7 % del pubblico credente.

D'altra parte, come è noto, il coinvolgimento dei cattolici nei riti religiosi è diminuito negli ultimi decenni. L'esempio più evidente nello studio è l'evoluzione del peso dei matrimoni cattolici sul numero totale di matrimoni celebrati ogni anno, che è sceso da circa 90 % nei primi anni '80 a 21 % nel 2019.

La religione nella vita

L'importanza media che i cittadini in generale attribuiscono alla religione nella loro vita riceve un punteggio di 4 su 10 (quarta posizione più bassa tra i Paesi europei con dati nel 2017), una media che sale a 9,3 tra gli insegnanti di religione, come notato sopra.

Circa l'85,8 % non ha sperimentato effetti evidenti sui propri sentimenti religiosi in tempi di pandemia e colpisce, secondo il rapporto, che solo 12 % abbiano sentito il bisogno di aiuto, rispetto al 79,1 % che non ha avvertito tale necessità.

58,4 % sono d'accordo con l'idea di escludere le manifestazioni religiose dalla sfera pubblica (ma il 97,5 % degli insegnanti di religione la pensa in modo opposto, concordando con il 63,2 % dei cattolici praticanti); 71 % preferiscono che le chiese si astengano dall'esprimere un'opinione su questioni politiche, ma il 73,7 % degli insegnanti di religione la pensa in modo opposto.

D'altra parte, il 78 % pensa che i politici non dovrebbero esprimere apertamente le loro convinzioni religiose, ma il 70 % degli insegnanti di religione pensa il contrario. Nonostante questa apparente tendenza a relegare la religione alla sfera privata, 86 % riconoscono l'importanza del ruolo delle chiese nel benessere sociale.

Istruzione e religiosità

Contrariamente a quella che sembra essere la tendenza dominante nel dibattito pubblico su questi temi, solo il 47,6 % degli intervistati attribuisce molta o una discreta importanza al dibattito politico sul ruolo della religione nell'istruzione, rispetto al 52,5 % che vi attribuisce poca o nessuna importanza.

In ogni caso, Juan Carlos Rodríguez sottolinea che "questo dibattito non sembra aver fatto molta luce sulle opinioni degli intervistati, dal momento che non solo la maggioranza sbaglia a stimare la percentuale di studenti che frequentano la Religione, ma, al di là dell'opinione che si ha sulla questione del finanziamento pubblico dei centri religiosi, pochissimi (33,8 %) sono consapevoli che tale finanziamento avviene anche in altri Paesi europei. Questo serve come nota di cautela nell'interpretare le opinioni del pubblico sulle politiche riguardanti la religione nell'istruzione e forse altre questioni correlate.

Inoltre, solo 27 % riconoscono un effetto significativo sulla loro religiosità come risultato dell'aver frequentato Religione a scuola. Tuttavia, il 44,2 % è d'accordo nel favorire il contatto con l'esperienza religiosa a scuola o in famiglia. Tuttavia, la popolazione è molto divisa su questo punto, poiché il 55,8 % non è d'accordo.

Insegnanti di religione: in maggioranza donne

Gli insegnanti di religione in Spagna sono per lo più donne, hanno un'età leggermente superiore alla media degli insegnanti delle scuole pubbliche e hanno, in media, 1,5 lauree. Insegnano in media da 20,8 anni e restano nelle loro scuole più a lungo dei loro colleghi dell'istruzione pubblica. Danno grande valore alla loro formazione e combinano tecniche di insegnamento tradizionali e moderne, come la maggior parte degli insegnanti di spagnolo fa da molto tempo. Tuttavia, gli insegnanti di religione esprimono una certa insicurezza e incertezza sul loro futuro come insegnanti.

Secondo 451 PT3T degli insegnanti intervistati, l'interesse per la materia nella loro scuola è rimasto stabile negli ultimi anni, ma per 25 % è aumentato e per 24 % è diminuito. In generale, tendono a credere che sia gli alunni che gli altri insegnanti considerino la religione meno importante di altre materie, una percezione che si accentua quando si chiede loro come la vedono i loro coetanei.

Per quanto riguarda la convivenza con i colleghi della scuola, il 92,9 % afferma di relazionarsi molto con loro e l'82,6 % concorda nel considerarli simili a qualsiasi altro insegnante. C'è una maggioranza (53,5 %) di coloro che osservano un atteggiamento neutrale nei confronti dell'insegnamento della religione nelle scuole pubbliche tra i loro colleghi, e sono anche più numerosi coloro che ritengono che questi colleghi abbiano un atteggiamento positivo (30,2 %) che negativo (16,3 %).

Gli insegnanti che sono a conoscenza delle proposte della Conferenza episcopale spagnola sul futuro della materia (76,7 %) ne hanno un'opinione buona o molto buona, contro il 9,5 % che ne ha un'opinione cattiva o molto cattiva. 95,3 % ritengono che sia molto positivo che la materia Religione conti per il voto medio della Maturità e dell'EVAU (Esame di ammissione all'Università), e 92,3 % ritengono che sia negativo o molto negativo che non abbia un'alternativa.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.