Focus

Accompagnare i giovani. Devono essere trattati con serietà

Fulgencio Espa Feced-11 aprile 2017-Tempo di lettura: 10 minuti
Giovane durante una messa.

Assumere che l'accompagnamento spirituale abbia le sue radici non sulla terra ma in cielo e che produca i suoi frutti nella storia, significa giocare d'anticipo. Fondamentalmente, qualsiasi realtà che abbia a che fare con il soprannaturale è suscettibile di essere interpretata in questo modo. In effetti, l'immagine dell'albero rovesciato che mette radici in cielo e porta frutti sugli altari è stata fecondamente dettagliata in epoca patristica in riferimento all'Eucaristia. La linfa scorre lungo il tronco della croce e viene riversata nei doni eucaristici, che diventano il corpo e il sangue di Cristo. 

Le lettere sono quindi contrassegnate dal timbro del soprannaturale. Parlo di accompagnamento spirituale da una prospettiva di grazia, di dono soprannaturale. Descriveremo i tratti essenziali di un incontro tra fratelli o, se preferite, tra un figlio e suo padre. La paternità spirituale e la fraternità cristiana sono all'origine di questa pratica spirituale. Nell'accompagnamento, non ci sono clienti, come nel caso della coachingNon ci sono pazienti, come in psichiatria; ci sono semplicemente fratelli e sorelle. Nel colloquio spirituale non c'è terapia, come nel mondo legittimo e proficuo della psicologia; c'è apertura di cuore, dialogo fraterno, conversazione filiale. 

Quando si vuole realizzare uno studio di qualsiasi tipo, la prima domanda di ogni saggista o ricercatore riguarda le fonti: dove trovare le conoscenze, quale bibliografia consultare, quali articoli sono stati pubblicati di recente?

Scrivo sull'accompagnamento spirituale dei giovani e confesso che la fonte fondamentale di queste lettere sono stati i giovani stessi. In altre parole: per descrivere questo albero della grazia che è l'accompagnamento spirituale, comincio - perché no? - col descrivere i suoi meravigliosi frutti nei giovani cuori. In questi anni di vita pastorale, ho visto molti di loro crescere nel calore del dialogo spirituale. In questa riflessione è necessario togliersi i calzari, stiamo calpestando un terreno sacro (cfr. Es 3, 5): il compito della grazia nelle anime è così delicato che merita la nostra prima attenzione.

La frutta

Una pianta improduttiva non è definita dai suoi frutti. Se ci si prende la briga di cercare il termine evangelico "tara" nel dizionario della Reale Accademia della Lingua Spagnola, non vi si trova la parola "frutto". Si dice che sia una pianta tossica, difficile da rimuovere senza estirpare anche i semi buoni, che da soli possono danneggiare interi raccolti.

D'altra parte, se si cerca "grano", il riferimento alla sua bella "fila di grano e frutti" è quasi immediato. Il frutto dice molto della pianta, al punto da poterne qualificare l'esistenza come benefica o dannosa.

Ora, qual è il frutto prodotto dall'accompagnamento spirituale nelle giovani anime? Soprattutto, l'amore. So che all'orecchio scettico suona generico, e poiché è nel mio spirito renderlo credente, scenderemo ben al di sotto per dettagliare cosa significa, in questo contesto, amore.

Inizia, anche se non viene cercato (forse perché non viene cercato), con un giusto amore per se stessi. Molte ragazze e ragazzi hanno imparato a rispettare se stessi grazie all'accompagnamento spirituale. Quando il dialogo è estremamente delicato, porta a quel rispetto che parte da se stessi. I ragazzi iniziano a pensare di essere capaci di qualcosa. Troppe volte hanno sentito parole di rimprovero, giudizi imprudenti - e forse falsi - sulla bontà dei tempi passati, giudizi di rimprovero sulla loro volubile volontà. Finalmente qualcuno crede in loro, e non intendo il compagno spirituale, ma Dio stesso. A poco a poco, si arriva all'impressionante convinzione che mi aspetta qualcosa, Colui che esisteva prima che nascessero i monti o fosse generata la terra, e che è Dio da sempre e per sempre (cfr. Sal 89,2).

L'amore consiste sempre nel condividere qualcosa. Amans amato bonum velithanno detto i classici. In altre parole, amare è condividere il bene. Scoprire alla giovane anima che ha qualcosa da condividere con Dio significa aprirla all'entusiasmante mondo della preghiera. Il cuore diventa grande nel dialogo della preghiera, perché la gioventù - finché è giovane - non si accorge delle difficoltà quando percepisce la grandezza dell'amore, la bellezza di un ideale amoroso. Tutto questo si rivela quando si persevera nella preghiera, e l'accompagnamento spirituale è sinonimo di parole di incoraggiamento quando si tratta di questo. 

Nel colloquio spirituale impariamo a pregare, cresciamo nella nostra relazione con Dio, cerchiamo di portare la persona "faccia a faccia" con Dio (cfr. Es 33, 11). Come Abramo, vogliamo ascoltare la sua voce (cfr. Gen 12,1). All'inizio potremmo non essere consapevoli che questo ascolto può anche significare lasciare la nostra terra. Questo non ha importanza. Dio non chiede nulla che prima non dia. Il dialogo regolare con il compagno è fondamentalmente orientato al compimento della sua volontà; la volontà di Dio. Il tema principale e primo della conversazione spirituale è la preghiera, l'orazione, la lamentela e il ringraziamento a Dio: il dialogo intimo con Lui.

La luce della grazia ricevuta nella preghiera rivela le divisioni dell'anima: cosa significa? Come si legge nel documento preparatorio del Sinodo dei vescovi del 2018 sui giovani, "Il cuore umano, a causa della sua debolezza e del suo peccato, è solitamente diviso per l'attrazione di pretese diverse o addirittura opposte". Il giovane si rende conto di questa opposizione e distingue, ancora una volta, i frutti dei rami che affondano le loro radici nel cielo da quelli che nascono dal mondo e per il mondo. L'accompagnamento spirituale risveglia nel giovane il desiderio del meglio e apre il suo cuore e la sua intelligenza a una vita significativa. 

Il giovane che si lascia accompagnare spiritualmente con autenticità si sottrae al conformismo e non agisce più solo se "paga" o "non paga". Nel suo cuore c'è qualcosa di più della sensualità e del comfort, che non ha nulla a che fare con una pesante ideologia, ma piuttosto con un amore ardente. 

Il giovane che prega con sincerità e approfondisce incessantemente, fa brillare la sua anima con gli scintillii più belli. Non si lascia ingannare. Scopre la perla nascosta ed è capace di vendere tutto ciò che ha per acquistarla (cfr. Mt 13, 45-46). È molto più di un giovane con dei valori; è un giovane con una vita soprannaturale. Ha trovato il tesoro nascosto dell'amore di Dio e vede un mondo diverso: non vede estranei, ma fratelli; non sperimenta difficoltà, ma prove d'amore; non conosce la lamentela, ma la sfida del dono di sé.

Nel viaggio della vita, si legge nel documento, è una questione di scelte, "perché non si può rimanere indefinitivamente indeterminati. Ma dobbiamo dotarci degli strumenti per riconoscere la chiamata del Signore alla gioia dell'amore e scegliere di rispondervi". Il frutto più soprannaturale che l'accompagnamento spirituale può produrre nei giovani è il discernimento della propria vocazione, perché implica la serena convinzione di un amore straordinario per Dio che, nella sua infinità e onnipotenza, ha riparato la mia povertà. 

"Ascolta, figlia mia, guarda, inclina l'orecchio; il re è affascinato dalla tua bellezza. lui è il vostro Signore". (Sal 44,11). Questo, e nessun altro, è il contesto di ogni vocazione: un dialogo d'amore in cui si ha qualcosa da dare. Questa è la cosa bella: che Dio vuole chiedere qualcosa alla giovane anima. E questa è la cosa eccitante: che questo ragazzo, questa ragazza, possa dargliela. Può un frutto di così straordinaria bellezza essere radicato in un luogo diverso dal cielo stesso?

Rami e steli

Questi frutti meravigliosi si "adattano" a una personalità ben precisa: un'umanità che vuole crescere. La gioventù è un'epoca di ideali e chi pensa che questa sia la fine del secolo scorso in realtà non tratta o non sa trattare i giovani. Perdere la speranza che la gioventù possa essere l'età dei sogni significa perdere la speranza nell'intera umanità. 

"La gioventù non è fatta per il piacere", il poeta Paul Claudel ha detto giustamente, "ma per eroismo".. Oggi, come sempre, i giovani hanno bisogno di qualcuno che gli ricorda la sua grandezza. Quei frutti che sono i cuori nobili dei giovani pendono da rami che devono essere potati, da un fusto degno della più squisita attenzione. In breve, i giovani devono essere affrontato seriamenteLa giovinezza deve essere vista come un segno di giovinezza, non come una carenza morale o, peggio ancora, un'incapacità psicologica. La giovinezza deve essere sinonimo di maggiore generosità, non di una vita stentata.

Servono uomini che capiscano cosa interessa davvero ai giovani e che li spingano all'amore più bello. Lo dicono - lo chiedono! - loro stessi. Le guide spirituali devono essere convinte dell'eroismo dei giovani. 

"Siamo stati in grado di rispondere.disse un sacerdote anziano al gruppo di sacerdoti accalcati intorno a lui, "perché qualcuno ha riposto le sue speranze in noi". I ragazzi e le ragazze hanno bisogno di che qualcuno E spesso lo imparano non tanto come risultato di lunghe lezioni, ma come conseguenza di una vera passione per loro in mille modi: i loro ideali, i loro gusti, le loro canzoni, i loro valori, le loro preoccupazioni. Voglia di loro

Perché qualcuno ha riposto le sue speranze in noi. Coloro che accompagnano spiritualmente dovrebbero incidere queste parole nel loro cuore se desiderano sinceramente aiutare i giovani. Essere entusiasti dei giovani, essere entusiasti che un giovane sia chiamato da Dio a una dedizione senza riserve, essere entusiasti che tutti loro possano raggiungere le più alte vette dell'amore di Dio. La passione per i giovani rende i giovani nobilmente appassionati. Si accorgono subito di chi ha voglia di vivere, di impegnarsi per essere gioioso e di avere fiducia nei giovani. Quando il sacerdote o il direttore spirituale ha entusiasmo per i giovani, riesce a comunicare le loro aspirazioni in modo naturale, senza pretese o cose strane. Trovano finalmente un adulto che li capisce e parla al loro cuore, che non vuole togliere nulla su di loro, ma vuole solo che trovino la vera felicità: a modo loro (e più in alto). Non c'è alcun sospetto, al contrario: sanno che possono parlargli delle loro cose più intime, perché non gli sembrerà mai troppo. Quest'uomo, questa donna, insegna continuamente, con le parole e le azioni, che essere di Dio è un dono e che chi è stato scelto da Dio è un privilegiato. 

Siamo stati in grado di rispondere, perché qualcuno ha riposto le sue speranze in noi. Per tornare alla similitudine agricola, la pianta dei giovani deve essere curata a costo di grandi sforzi, ma il più grande di tutti è amarli sinceramente e con tutto il cuore. Con il suo amore e le sue parole, l'accompagnatore spirituale libererà il giovane dalle molte piaghe a cui è esposto: i riguardi umani, le critiche feroci, la procrastinazione, la sensualità e la mancanza di radici. 

Timore di Dio

L'accompagnamento spirituale richiede la maestria di un bonsaista. Estrema delicatezza nel trattare con l'anima cristiana. Il corso della conversazione spirituale affronterà diverse questioni: la preghiera, la fede in Dio, i dubbi e le preoccupazioni, i sacrifici della giornata e le circostanze della vita quotidiana. Ognuno ha il suo modo di affrontare questa conversazione, ma in tutti i casi si deve cercare l'incontro più sincero e veritiero con Dio. È compito della guida spirituale ascoltare e portare il giovane davanti a Dio, affinché non faccia ciò che vuole, ma ciò che porta a un maggiore amore per Dio. È compito dell'insegnante aprire gli orizzonti della rettitudine e dell'amore che sono il motore delle decisioni più difficili; muovere le anime alla comunione con Dio per portare il paradiso in terra. 

A questa estrema delicatezza corrisponde la massima sincerità. È sincera la persona che dice tutto quello che sa, e questo rappresenta almeno tre aspetti di massimo interesse. In primo luogo, significa che nulla viene nascosto per vergogna o per paura di fare brutta figura. Non si fa mai brutta figura nella direzione spirituale se si dice la verità.. A tal fine, l'accompagnatore non deve mai mostrare delusione, perché un tale atteggiamento non sarebbe affatto evangelico. Il padre del figliol prodigo ha mai mostrato un'ombra di delusione?

In secondo luogo, essere sinceri significa approfondire e crescere giorno per giorno nella propria conoscenza. Dire tutti ciò che si sa non significa saperlo tutti. Per lasciarsi accompagnare, è opportuno avere un profondo spirito di approfondimento che aiuti a una progressiva conoscenza di sé.

Infine, essere sinceri significa essere docili alle indicazioni. Se uno dice sempre tutto e non ascolta mai i consigli, difficilmente l'accompagnamento sarà uno strumento efficace per la propria vita spirituale.

Radice

La radice è nel cielo, o meglio nel cielo che è diventato terra: Gesù Cristo. Egli è il primo esemplare e il paradigma assoluto di ogni accompagnamento spirituale, che si esprime nella totalità della sua umanità: lo sguardo amorevole (la vocazione dei primi discepoli, cfr. Gv 1, 35-51); la parola autorevole (l'insegnamento nella sinagoga di Cafarnao, cfr. Gv 1, 35-51). Lc 4,32); la capacità di farsi prossimo (la parabola del buon samaritano, cfr. Lc 10,25-37); la scelta di camminare accanto (i discepoli di Emmaus, cfr. Lc 24,13-35); la testimonianza di autenticità, senza paura di andare contro i pregiudizi più diffusi (la lavanda dei piedi nell'Ultima Cena, cfr. Gv 13,1-20). 

Attraverso l'umanità di Gesù, la grazia è arrivata ai primi discepoli, agli abitanti di Nazareth, a coloro che ascoltavano il suo insegnamento, ai discepoli di Emmaus e agli apostoli. Attraverso l'accompagnamento spirituale, torrenti di grazia continuano a scorrere verso i giovani, sollevandoli dall'anonimato più ottuso e portandoli alle più alte vette dell'amore di Dio: come a Pietro e Giacomo, come a Giovanni e Andrea, come a Maria Maddalena.

L'obiettivo in questo caso è l'origine. L'accompagnamento spirituale, che è radicato nella grazia di Dio, ha come fine Dio stesso. Molte persone cercano di stare bene. Lo stesso vale per i giovani. È logico: a nessuno piace sentirsi in colpa. L'accompagnamento spirituale contribuisce certamente alla pace interiore, ma il suo scopo è più trascendente. In definitiva, l'accompagnamento spirituale vuole condurre il giovane alla santità, e per questo motivo è per ogni anima cristiana. Nell'ultimo Concilio ci è stata ricordata questa chiamata universale alla santità, e collegata ad essa si potrebbe legittimamente sottolineare che esiste anche una chiamata universale all'accompagnamento spirituale.

È vero, l'accompagnamento spirituale non è l'unico mezzo per raggiungere la santità. I mezzi di santificazione sono infiniti, così come è infinito l'amore di Dio per ogni creatura. Ma, come ha sottolineato una giovane anima, l'accompagnamento spirituale è una pioggia fine, un suggerimento delicato, un'indicazione gentile che muove fortemente i cuori e rende feconde le anime. In effetti, l'accompagnamento spirituale non è l'unico mezzo di santificazione, ma è uno dei più privilegiati.

Una comunità giovanile in cui l'accompagnamento spirituale è vissuto nel modo giusto parla chiaramente di un insieme e di un individuo ben orientato. La conversazione regolare con l'uomo o la donna spirituale mette ogni anima e l'intera comunità sulla strada giusta. 

Ciò che abbiamo visto con i nostri occhi (1 Gv 1,1)

"Gli ebrei erano in grado di vedere i miracoli", diceva San Giovanni Crisostomo in una delle sue catechesi; "Li vedrete anche voi, e ancora più grandi e più splendenti di quando gli Ebrei uscirono dall'Egitto". 

Il miracolo è un bellissimo raccolto; questo è ciò che i nostri occhi hanno visto e le nostre mani hanno sentito. Un raccolto divino, che parla di giovani impegnati, totalmente moderni e pienamente cristiani. Lo stesso frutto (il cammino verso la santità) espresso in modi molto diversi: anime consacrate nella vita religiosa, giovani dedicati al sacerdozio, ragazzi e ragazze che abbracciano il celibato apostolico e decine e decine di giovani che formano famiglie secondo l'amore di Dio. Anzi, miracoli più sfolgoranti di quando gli ebrei uscirono dall'Egitto: il trionfo dell'amore della Nuova Alleanza (grazia) nella giovane anima.

"Abbiamo più che mai bisogno di uomini e donne che, grazie alla loro esperienza di accompagnamento, conoscano i processi in cui prevalgono la prudenza, la capacità di comprensione, l'arte di aspettare e la docilità allo Spirito".Papa Francesco ha dichiarato nella sua Esortazione apostolica Evangelii Gaudium, "per proteggere le pecore affidate alle nostre cure dai lupi che cercano di disperdere il gregge". (n. 171). 

Proteggere il gregge, curare la pianta.... e farla crescere. "Nell'impegno di accompagnare le nuove generazioni la Chiesa".il documento preparatorio per il Sinodo del 2018, "accoglie il suo invito a collaborare alla gioia dei giovani, piuttosto che cercare di impadronirsi della loro fede". (cfr. 2 Cor 1, 24). Tale servizio si radica in definitiva nella preghiera e nella richiesta del dono dello Spirito che guida e illumina ciascuno".

L'autoreFulgencio Espa Feced

Parroco di Santa María de Nazaret (Vallecas, Madrid)

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.