L'AIDS e la Chiesa

Il dogma del sesso libero ha disorientato la lotta contro l'AIDS, puntando il dito della colpa di quella terribile pandemia proprio contro chi stava facendo di più per i malati.

1° dicembre 2022-Tempo di lettura: 3 minuti
Centro Paqui Cabello_AIDS

Ricordate quando negli anni '80 e '90 la Chiesa cattolica era considerata praticamente responsabile della diffusione dell'AIDS? Il tempo ha messo le cose in chiaro e ha mostrato chi è stato davvero al fianco delle vittime e chi ha usato l'HIV solo come arma ideologica.

Se avete più di 30 anni, anche voi avrete sicuramente provato un brivido quando avete sentito parlare di AIDS. Negli ultimi decenni del secolo scorso, la malattia ha causato un terribile shock in tutto il mondo, in quanto le persone infette avevano una sola prognosi: la morte, accompagnata da un crudele stigma sociale.

In quegli anni di paura e di incertezza che circondavano l'AIDS, la Chiesa cattolica ha fatto di tutto per prendersi cura di coloro che nessuno voleva, offrendo non solo cure mediche nonostante la grande ignoranza che esisteva sulla malattia, ma anche l'amore e l'accompagnamento necessari affinché queste persone potessero morire in modo dignitoso.

A Malaga, ad esempio, il rifugio Colichet è stato un progetto congiunto della Cáritas Diocesana e delle Figlie della Carità in cui gli "appestati" hanno trovato una casa in cui sentirsi amati. In un turno sono morti tre malati", ha spiegato il suo direttore, Paqui Cabello, in una recente intervista. Se ne stavano andando e non c'era nulla da fare. Era una sensazione di vuoto, come se ti stessero portando via una parte della tua vita".

Tuttavia, in quegli anni, nessuno parlava delle notti insonni di Paqui, né delle preoccupazioni di Suor Juana, medico e figlia della Carità, quando si trattava di assistere pazienti con una malattia praticamente sconosciuta: "Io stessa ero respinta", racconta, "perché non sapevamo a cosa andavamo incontro". Si è parlato molto, tuttavia, dell'atteggiamento "inaccettabile" della Chiesa nell'opporsi alla soluzione quasi unica al problema offerta dai grandi gruppi di potere: la promozione dell'uso del preservativo.

Con il senno di poi e l'esperienza della pandemia di Covid, mi sono convinto che la campagna contro la Chiesa non fosse altro che un piano di guerra ideologico, forse sostenuto dall'industria farmaceutica, per puntellare il paradigma sessuale emerso dal maggio '68, che stava vacillando di fronte all'emergere dell'HIV. Certo, i dispositivi di barriera (preservativi o mascherine, a seconda della via di trasmissione) sono necessari in alcuni casi, ma il coronavirus non ha forse dimostrato che da soli non bastano e che sono necessarie altre misure legate al cambiamento delle abitudini? Con il coronavirus ci è stato detto che non potevamo nemmeno andare a trovare i nostri parenti, siamo stati chiusi in casa per mesi, ma, con l'AIDS, non si poteva nemmeno suggerire una minore promiscuità sessuale! Il dogma del sesso libero ha disorientato la lotta contro l'AIDS, puntando il dito della colpa di quella terribile pandemia proprio contro chi stava facendo di più per i malati.

Oggi, grazie a Dio, l'AIDS è passato da malattia mortale a malattia cronica nel primo mondo. E la Chiesa continua ad essere in prima linea nella lotta contro l'HIV e le sue conseguenze: ricerca di nuovi trattamenti nei suoi ospedali e nelle sue università, lavoro di prevenzione, assistenza alle persone sieropositive, accompagnamento con cure palliative di coloro che sono stati sfrattati dalla povertà, cura dei milioni di bambini orfani a causa della malattia e richiesta che anche i poveri abbiano accesso ai farmaci moderni. Si stima che un malato di AIDS su quattro sia assistito da un'istituzione della Chiesa cattolica e l'OMS afferma che il 70% dei servizi sanitari in Africa è fornito da organizzazioni religiose.

In questa Giornata mondiale dell'AIDS, sentiremo grandi discorsi da parte di coloro che trovano nell'HIV solo un altro motivo per fare ingegneria sociale, promuovere la colonizzazione ideologica o semplicemente per fare scena. Io, forte della mia esperienza, mi atterrò alle semplici parole di chi non ha potenti terminali mediatici o lobby che giocano con carte segnate. Mi rimane il vuoto di Paqui per la perdita di un nuovo paziente e la repulsione di Suor Juana quando si occupa di un nuovo paziente. Conoscono davvero l'AIDS e la Chiesa.

L'autoreAntonio Moreno

Giornalista. Laurea in Scienze della Comunicazione e laurea in Scienze Religiose. Lavora nella Delegazione diocesana dei media di Malaga. I suoi numerosi "thread" su Twitter sulla fede e sulla vita quotidiana sono molto popolari.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.