Masse estive

Le vacanze estive permettono una delle esperienze di fede più impressionanti e necessarie perché la fede si radichi: andare in una parrocchia diversa e sperimentare così la cattolicità della Chiesa.

1° agosto 2022-Tempo di lettura: 2 minuti
Messa estiva

Foto:©Cathopic

Le vacanze estive permettono di radicare una delle esperienze di fede più impressionanti e necessarie: quella della cattolicità della Chiesa. Andare in una parrocchia diversa da quella abituale o partecipare a incontri internazionali come il prossimo Pellegrinaggio Europeo dei Giovani, che riunirà migliaia di ragazzi e ragazze dal 3 al 7 agosto a Santiago de Compostela.

Si tratta di opportunità uniche per scoprire come Cristo stesso sia unicamente presente in tante comunità diverse in tutto il mondo.

Confesso che mi piace "assaggiare" le Messe nelle città che visito, perché in esse scopro sempre Dio e la Chiesa in modo nuovo e sorprendente.

Mi piace notare come la comunità è disposta nei banchi, come sono vestiti i fedeli, come decorano l'altare, come suonano le letture con un altro accento o in un'altra lingua, scoprire le usanze locali, ascoltare canzoni familiari con una sfumatura diversa e persino fare un vero e proprio Mr Bean cercando di seguire ad alta voce una canzone che mi è completamente sconosciuta.

È un modo per sentirsi un altro, un membro dell'unica Chiesa cattolica.

Grazie alle mie vacanze d'infanzia, ho imparato il Credo niceno-costantinopolitano - quello lungo, per intenderci - perché era abitudine del parroco del paese in cui trascorrevo le vacanze estive proclamare questa versione della professione di fede al posto di quella apostolica (quella breve) che si recitava nella mia parrocchia abituale. E quanto mi sono meravigliata di questo gioiello teologico da allora!

Mi affascina anche ascoltare le omelie più diverse - perdonatemi se sono "secchione". Per quanto lunghe o brevi, profonde o superficiali, documentate o improvvisate, in tutte scopro Cristo maestro nella figura del sacerdote, che si erge al di sopra delle doti e delle mancanze umane.

Se poi la chiesa è un monumento storico-artistico o la sua architettura o le sue immagini suscitano la devozione dei fedeli, la celebrazione può essere molto arricchente.

Dare la pace a qualcuno che si vede per la prima volta, ma in cui si scopre un fratello, ricevere la comunione in una fila di estranei sentendosi in famiglia. Un solo Spirito, membra di un solo corpo, esperienza preziosa della comunione dei santi.

L'esperienza è molto simile quando ho avuto la fortuna di partecipare a pellegrinaggi a santuari internazionali (Fatima, Lourdes, Guadalupe...) o a eventi organizzati dalla Chiesa universale (GMG, udienze papali...).

Consiglio ai genitori di mandare i loro figli a questo tipo di incontri perché i nostri adolescenti e giovani, per i quali il gruppo è così importante, si sentono strani per il fatto di appartenere al popolo cristiano. L'esperienza di vedere migliaia, centinaia di migliaia o addirittura milioni di giovani che professano spudoratamente la loro fede, che vivono la gioia di sapersi figli di Dio, che condividono uno sguardo spirituale sul mondo di oggi, in mezzo ai loro dubbi e alle loro incertezze, fa cambiare quell'atteggiamento di rifiuto tipico della società secolarizzata in cui vivono.

Perché la Chiesa non è una mera somma di chiese particolari, come ci ha insegnato Paolo VI in Evangelii nuntiandima una sola che, "affondando le sue radici nella varietà dei terreni culturali, sociali e umani, assume aspetti diversi ed espressioni esterne in ogni parte del mondo".

Quest'estate, ovunque siate, assicuratevi di andare in chiesa, nella vostra chiesa.

L'autoreAntonio Moreno

Giornalista. Laurea in Scienze della Comunicazione e laurea in Scienze Religiose. Lavora nella Delegazione diocesana dei media di Malaga. I suoi numerosi "thread" su Twitter sulla fede e sulla vita quotidiana sono molto popolari.

In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.