Mi amate più delle buone azioni che fate?

La vita cristiana non si basa sul "fare cose buone". Questo va bene, ma soprattutto i cristiani rispondono con la loro vita a una scelta d'amore fatta nel Battesimo. Diciamo sì a Dio, scegliamo Dio al di sopra di tutto, anche di noi stessi.

7 settembre 2021-Tempo di lettura: 3 minuti

Mi viene spesso in mente il racconto di un'amica sulla sua conversione. La chiamava così, la sua conversione, come se avesse incontrato Dio "da capo". E non era una persona distante, tutt'altro, una giovane di messa quotidiana, di preghiera frequente... un "merlo bianco", potremmo dire... e si è convertita.

Perché tutti noi, in fin dei conti, abbiamo un San Paolo interiore che a volte cade da cavallo, a volte da un banco della chiesa dove si era addormentato, o forse in una pozzanghera... In questo caso è stato durante un viaggio in Terra Santa, sulla riva del mare di Tiberiade, quando, ascoltando il racconto del Vangelo di Giovanni, ha notato che, come Pietro, Cristo gli ha chiesto, direttamente, senza anestesia: "Mi ami tu più di costoro?"L'aveva sentita centinaia, migliaia di volte, a Messa, leggendo il Vangelo, durante i ritiri e i vari pellegrinaggi.

Ma le parole si rivolsero - "conversus" - verso di lei e, per la prima volta, si rese conto che sì, Dio le stava davvero chiedendo se lo amava davvero. Dio sapeva già che era buona, che cercava di fare le cose giuste, che era persino "esemplare", ma la mise di fronte alla vera ragione che doveva guidare la sua vita: l'amore.

Mi ami più di queste, più di queste, più della vanità di vedere quanto sei grande, più anche di tutte le cose buone che fai...?

E lì, su quella spiaggia per nulla paradisiaca, quella brava persona si è trasformata.

Ha preso la ragione dell'amore per Dio, che è ciò che conta in questa vita e la misura del giudizio nell'eternità. Ha continuato ad andare a messa, ha continuato la sua vita di sempre, ma sotto una prospettiva diversa: quella di amare-amare Cristo.

La vita cristiana non consiste nell'"essere buoni" o nel "sentirsi buoni". La base, ciò che dà significato a tutto questo è scegliere Cristo, amare Cristo. Come afferma Benedetto XVI, "non si comincia a essere cristiani con una decisione etica o una grande idea, ma con l'incontro con un evento, con una Persona, che dà un nuovo orizzonte alla vita e, con esso, un orientamento decisivo".

Siamo al mondo per amore (per amore di Dio, per amore dei nostri genitori nella maggior parte dei casi, per amore di coloro che si prendono cura di noi) e per amare, ed ecco che la sequenza è abbastanza simile. Questa massima è chiara a tutti noi, eppure la sua dimenticanza è ricorrente nella storia umana: dimentichiamo che Dio ci ama e distorciamo, manipoliamo e degradiamo il significato dell'amore per poi scegliere altre cose, che non devono essere cattive... ma che non sono Dio.

Con grande maestria, il Cardinale ha raccontato a questo proposito Fco. Xavier Nguyen Van Thuan una luce che ha avuto quando, da giovane vescovo, è stato imprigionato a 1.700 km di distanza dalla sua diocesi in una minuscola cella. Lì, soffrendo per tutto il bene che aveva iniziato a fare e che non poteva più continuare, "una notte, dal profondo del mio cuore sentii una voce che mi suggeriva: 'Perché ti tormenti così? Bisogna distinguere tra Dio e le opere di Dio. Tutto quello che avete fatto e volete continuare a fare: visite pastorali, formazione di seminaristi, religiosi e religiose, laici, giovani, costruzione di scuole, di case per studenti, missioni per l'evangelizzazione dei non cristiani... tutto questo è un ottimo lavoro, sono opere di Dio, ma non sono Dio! Se Dio vuole che abbandoniate tutte queste opere, mettendole nelle sue mani, fatelo in fretta e abbiate fiducia in lui. Dio farà infinitamente meglio di voi; affiderà le sue opere ad altri che sono molto più capaci di voi. Avete scelto solo Dio, non le vostre opere".

L'autoreMaria José Atienza

Caporedattore di Omnes. Laureata in Comunicazione, con oltre 15 anni di esperienza nella comunicazione ecclesiale. Ha collaborato con media come COPE e RNE.

Per saperne di più
In collaborazione con
Volete notizie indipendenti, veritiere e pertinenti?

Caro lettore, Omnes riferisce con rigore e profondità sull'attualità religiosa. Facciamo un lavoro di inchiesta che permette al lettore di acquisire criteri sugli eventi e le storie che accadono in ambito cattolico e nella Chiesa. Abbiamo firme stellari e corrispondenti a Roma che ci aiutano a far emergere l'informazione di fondo dal rumore mediatico, con distanza ideologica e indipendenza.

Abbiamo bisogno di voi per affrontare le nuove sfide di un panorama mediatico in evoluzione e di una realtà che richiede riflessione, abbiamo bisogno del vostro sostegno.

In collaborazione con
Per saperne di più su Omnes
Newsletter La Brújula Lasciateci la vostra e-mail e riceverete ogni settimana le ultime notizie curate con un punto di vista cattolico.